renataspagnolo

Il Futuro della Nazionale Italiana Femminile parla Spagnolo!

Il Futuro della Nazionale Italiana Femminile parla Spagnolo!
Due chiacchiere con Renata Fabiola Spagnolo

renataspagnolo

Renata Fabiola Spagnolo, un nome che fa effetto così come senza dubbio fa effetto la bella ed affascinante presenza della nuotatrice di origini Venezuelane, della nazionale Italiana, specializzata nello Stile Libero!
Renata è nata a Caracas (Venezuela) il 2 ottobre 1989 da madre venezuelana e padre vicentino, è alta
174 cm e pesa 60 kg. Non a caso la sua musica preferita è il Latino Americano!  Vive attualmente a Gainsville nei pressi di Miami in Florida, dove si allena per la Plain Team Veneto.

Ha mostrato da subito il suo talento ed il particolare rapporto che ha con l’acqua iniziando a nuotare all’età di 5 anni, in Venezuela, dove ha vissuto fino all’età di 13 anni.
Trasferitasi in Italia, nel 2001 ha preso parte del  Team Veneto/G.S. Fiamme Azzurre, allenandosi sotto la guida del tecnico Moreno Daga.

Tra le sue sfide ricordiamo sicuramente quella delle Olimpiadi di Pechino 2008, dove ha ottenuto un 4° posto con le compagne di staffetta della 4×200 SL, Alessia Filippi, Flavia Zoccari e Federica Pellegrini, migliorando in batteria il primato Italiano con 7’53″38 e in finale quello Europeo in 7’49″76. Nella stessa gara ha migliorato di quasi 2 secondi il suo personale in 1’58”31 (precedente 2’00”15), ottenendo così la seconda prestazione mai nuotata in Italia.

Ai Mondiali di Roma 2009 ha ottenuto ancora il 4° posto con la 4×200 SL migliorando ancora il primato nazionale fino a 7’46″57 insieme ad Alessia Filippi, Alice Carpanese e Federica Pellegrini.

Ha esordito nel 2003 ai Campionati Italiani Primaverili Assoluti vincendo subito un Bronzo nella 4×200 SL. Negli anni successivi è sempre andata a podio nella manifestazione nazionale, vincendo però la sua prima medaglia individuale agli Invernali del 2005 nei 400 SL dove arrivò 3^.  Ai Campionati Italiani vanta 1 titolo individuale e 7 in staffette, così ripartiti:

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387
  • 21 nei 200 m stile libero
  • 3 nella staffetta 4×100 m stile libero
  • 4 nella staffetta 4×200 m stile libero

Complessivamente conserva inoltre 10 Argenti e 14 Bronzi, tra vittorie individuali e di staffetta.

Vanta inoltre un Bronzo agli Europei del 2008 con la staffetta della 4×200 SL con la sua frazione nuotata in 2’01″18.

Renata detiene il Record Italiano della specialità dei 100 SL in corta in 53”71, ad oggi ancora imbattuto. È una componente ormai indispensabile della staffetta Italiana della 4×200 SL con la quale detiene anche il Record Italiano in corta stabilito ai Mondiali di Dubai 2010, insieme a Federica Pellegrini, Chiara Luccetti ed Alice Nesti!

5545_2Questo il suo Palmares internazionale:
Giochi Olimpici

4° Pechino 2008 – 4×200 sl

Campionati mondiali
9° Montreal 2005 – 4×200 sl

Campionati europei
3° Eindhoven 2008 – 4×200 sl

> Clicca qui per accedere alla galleria video youtube su Swim4lifeTV e guardare il 200 SL di Renata Spagnolo al Torneo di Viareggio 2010!

Renata parteciperà ai tanto attesi Mondiali in vasca lunga di Shanghai che si terranno dal 24 al 31 Luglio, qualificandosi con la staffetta 4×200 SL insieme a Federica Pellegrini, Alice Nesti e Chiara Masini Luccetti con il tempo di 7’58”21.

Oggi abbiamo il piacere di stare dinanzi alla bellezza di Renata Fabiola Spagnolo con la quale possiamo fare due chiacchiere, conoscendo meglio una delle speranze femminili del Nuoto Italiano!

Ciao Renata, da parte di tutti gli amici appassionati di Swim4life!
Partiamo dalle tue origini: il tuo aspetto da forti indizi sulle tue origini Venezuelane, inoltre ti piace il Latino Americano e stai seguendo da tempo una preparazione mirata in America insieme a campioni del calibro di Ryan Lochte, per arrivare al TOP ai Mondiali di Shanghai che inizieranno tra qualche giorno. Nelle vene hai un sangue caliente latino che ti da energia! Parlaci dei tuoi primi anni e della tua passione naturale o possiamo dire del tuo richiamo alle origini per i paesi latini.

ImmagineLo definirei il richiamo del mar dei Caraibi! Solo in piscina riesco a trovare un’acqua cosi trasparente come nel mio paese natale! Ho vissuto a Caracas fino all’età di 10 anni e proprio nella piscina di “Laura Vicuna” è nata la mia passione per il nuoto. Ora è quasi un lavoro ma è sempre emozionante vivere il rapporto con l’acqua come lo vivo io…quel amore/odio. Giorni che vuoi lanciare tutta l’attrezzatura giu’ per le scale dalla fatica e giorni come fare una finale alle Olimpiadi che invece hai il cuore a mille dalla felicità!!!

Com’è allenarsi con campioni del calibro di Ryan Lochte? Sicuramente gli Americani sono più avanti di noi su questo sport in termini di preparazione ma c’è realmente molta differenza con quanto facciamo noi qui in Italia in termini di organizzazione degli allenamenti e cicli di lavoro?

Bè allenarsi con atleti come Lochte e’ sicuramente molto stimolante. Oltre a lui si allenano con me altri grandi atleti ed il bello e’ comunque lo spirito di squadra che si e’ creato anche se io sono arrivata da poco. C’e’ confronto, aiuto e ci si diverte anche in allenamento!! Sembrerà una cosa normale ma io non ero abituata a questo quando ero in Italia. Sicuramente a livello tecnico tra gli USA e l’Italia c’e’ una buona differenza: innanzitutto la cura dei particolari, delle virate e partenze per la maggiore; per me e’ comunque un metodo nuovo e mi sto adattando abbastanza bene, ma ci vorrà ancora un po’ di tempo perché io lo assimili del tutto.

Ai Mondiali di Shanghai sarai in competizione con il mondo insieme alle tue compagne nella staffetta della 4×200 SL della quale ormai sei perno fisso dal 2005. Oltre alla staffetta disputerai anche i 200 SL individuali e altre gare?

Una volta a Shanghai magari riesco a fare anche la gara singola…lì dipende da come funzionano le cose il giorno stesso della gara!! Per il resto, si la staffetta quest’anno in realtà e’ nuova, ci saranno delle ragazze giovani che cresceranno e credo che abbia delle buone potenzialità da sviluppare. Io spero di fare una buona prestazione e che si notino dei miglioramenti nella mia nuotata perché sto lavorando duramente. Sicuramente il mio obiettivo e’ Londra! Devo e voglio arrivare lì ben preparata e con una padronanza del nuovo stile di allenamento che sto imparando. Per questi Mondiali spero di poter già dare dei segnali del mio lavoro.

5544_2Stai lavorando moltissimo per questo evento, tanto è vero che non hai preso parte nemmeno al 48° Trofeo Internazionali d’Italia, il Sette Colli che si è svolto a Roma dal 17 al 19 giugno, per non interrompere o variare la tua lunga preparazione che stai affrontando con molti sacrifici. Dove vuoi arrivare?

Come ti dicevo prima voglio arrivare a Londra 2012 diciamo senza avere rimpianti. la scelta di partire per gli Stati Uniti e’ stata da un punto di vista affettivo difficile, perché comunque la mia famiglia e’ a Padova. Però sapevo di poter trovare qui un team valido e degli allenatori ottimi che mi hanno voluta subito ad allenarmi con loro! Sono di certo più vicina al Venezuela ed infatti ci vado spesso a trovare alcuni parenti e i miei vecchi amici. Questo mi aiuta, sono molto attaccata alle mie origini!! Comunque si, l’obiettivo sono le Olimpiadi 2012.

Perché hai ritenuto opportuno ed indispensabile fare una preparazione specifica in America? 

Perché ho avuto modo di confrontarmi e vedere i diversi metodi di allenamento. Dopo comunque un anno difficile in Italia, ho scelto di fare questo grande passo per provare qualcosa di completamente diverso che mi stimolasse di nuovo!!

Se dico Londra cosa mi rispondi?

Il mio traguardo! Per Londra voglio essere al TOP! Voglio essere presente anche nelle mie gare, toccare il muretto e poter dire che è stato bellissimo!!!

Poco tempo fa, il week end del 24 giugno 2011, hai preso parte ad una gara in Florida. Com’è andata?

Ah bè qui le gare sono molto molto diverse dalle nostre! Sono abituati a fare le gare con i costumi da allenamento e addirittura dopo aver fatto allenamento!!! Infatti a questo io non sono ancora abituata. Diciamo che puntano a gareggiare così perché quando alle competizioni ufficiali indossano il costume da gara hanno delle sensazioni molto più forti che stimolano anche lo spirito competitivo e la voglia di arrivare! Io sono abituata oramai al costume da gara quindi per me è difficile gareggiare con il costumino da allenamento!! Quindi diciamo che le gare come tempo sono andate un po’ così ma l’allenatore ha detto che è normale quindi non mi scoraggio!!

Cosa significa per te il nuoto nella tua vita e che rapporto hai con LUI?

Bè il nuoto e’ la mia vita di fatto. Quando si nuota a livelli alti lo sport ti prende quasi tutto il tempo che hai in una giornata, ma tutti questi sacrifici vengono ampiamente ripagati nel momento del successo.


Come vedi il mondo del nuoto Master invece e cosa pensi degli atleti che ne fanno parte? Pensi che in un futuro lontano potresti farne parte anche tu?

Non conosco molto questo settore, ma ammiro molto questi atleti che nonostante il trascorrere degli anni riescono a mantenere inalterata la propria passione per il nuoto, lavorando duramente giorno dopo giorno. Quando invece io smetterò con questo impegno così intenso, voglio dedicarmi ad altro e tuffarmi in piscina solo per il piacere di stare in acqua!

1Mancano pochi giorni a Shanghai. Come ti senti fisicamente e mentalmente?

Sono ormai in fase di scarico, staremo a vedere che succede. Sono fiduciosa e positiva. Salirò su quel blocco con tanta voglia di divertirmi!!!

Pronti a tifare per Renata?

Un grossissimo in bocca al lupo da noi di Swim4life e da tutti i nostri lettori per le tue prossime sfide ed invitiamo tutti i nostri amici a seguire Renata sul suo sito ufficiale, cliccando su http://www.renataspagnolo.it/!

Paco Clienti

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights