Fabio_Scozzoli

Abbiamo un signor Ranista alla corte azzurra, Fabio Scozzoli, un vero signore ai vertici della Rana mondiale!

Abbiamo un signor Ranista alla corte azzurra.
Fabio Scozzoli, un vero signore ai vertici della Rana mondiale!

Fabio_ScozzoliGrande carattere, forza, serietà, signorilità e professionalità! E intanto che si faceva apprezzare per il suo modo di essere atleta professionista, scalava le classifiche, prima nazionali e poi mondiali, fino ad arrivare ai due Argenti conquistati nei 50 e 100 Rana agli ultimi Mondiali in vasca lunga di Shanghai 2011, confermando quanto di buono aveva già fatto in occasione delle ultime manifestazioni internazionali del 2010! È così che Fabio Scozzoli si è fatto apprezzare in questi anni, ponendosi prima tra le rivelazioni del nuoto Italiano e poi tra i big assoluti del Mondo, portando vanto e valore ai nostri colori.

119802686_-_CopiaScozzoli è originario di Forlì e il 3 agosto 2011 ha compiuto 23 anni…giovanissimo ma già un campione nella sua specialità, i 50 e 100 Rana. Inizia a far “rumore a bordo vasca” quando alle Universiadi di Belgrado migliorò il primato italiano che Domenico Fioravanti deteneva dalla storica Olimpiade azzurra di Sidney 2000, con 1’00″46. Tra lo stupore di tutti, Scozzoli toccò la piastra fermando il crono su 1’00″14 ma non si fermò a quel risultato e arrivato in finale, conquistò un Argento scendendo sotto il minuto con 59″85, diventando il primo italiano nella storia a realizzare tale risultato!

L’anno del grande salto è il 2010: sette titoli italiani conquistati nelle specialità della Rana, dei Misti e con le staffette e il debutto in nazionale ai Campionati Europei di Budapest in vasca lunga dove vince un Bronzo nei 100 Rana in 1’00″41, nuovo primato personale senza costumone e un sorprendente Oro nei 50 Rana con il tempo di 27″38. A novembre arrivano gli Europei in vasca corta di Eindhoven ai quali vince un Oro nei 100 Rana, un Argento con la 4×50 Mista insieme a Mirco Di Tora, Paolo Facchinelli e Marco Orsi e un Bronzo nei 50 Rana. Scozzoli conclude il grande Slam del 2010 conquistando un posto tra i protagonisti anche ai Mondiali in vasca corta di Dubai di Dicembre ai quali vince  un Argento nei 100 Rana e accarezza un Bronzo nei 50 Rana che non però stringerà mai tra le mani a causa di una squalifica!

Ormai le aspettative sono tante ed invece il 2011 inizia con non poche difficoltà per Scozzoli che deve fare i conti con infortuni ed una preparazione psicofisica non all’altezza. Ma il ranista della nazionale si riprende in tempo per i Mondiali in vasca lunga di Shanghai conquistando la medaglia d’Argento nei 100 Rana e migliorando anche due volte il primato italiano: in semifinale con 59″83 e in finale con 59″42! Gli Argenti diventano due quando Scozzoli sale sul podio anche dei 50 Rana, stabilendo ancora un primato italiano con 27″17 posizionandosi di prepotenza tra i big Mondiali della Rana veloce!
Tornato in Italia, il 4 agosto, ha migliorato il primato italiano ed europeo dei 50 Rana in vasca corta che deteneva Alessandro Terrin, vincendo il titolo italiano ai campionati estivi, ai quali conquista l’Oro anche nei 100 Rana e Misti!

Ecco il Palmares aggionato:

medagliere       _A1M5040-Edit119921172

Ho lavorato per quello, la mia stagione estiva e’ cominciata col Sette Colli e tutto e’ andato secondo i piani!Ma chi è Fabio Scozzoli? Andiamo a conoscere il Campione Azzurro, iniziando proprio dall’ultima impresa, Shanghai! Al trofeo Sette Colli avevi già dimostrato di essere prossimo ad una forma eccellente, dopo quel  100 rana bellissimo con un grande ritorno negli ultimi 15 metri che ha fatto saltare tifosi ed appassionati. Immaginavi però di arrivare ai livelli toccati poi a Shanghai?

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Questo è stato il tuo primo mondiale in vasca lunga, la prima grandissima esperienza a livello internazionale. Come l’hai affrontata psicologicamente? Come ti sentivi a dover competere con i grandi del mondo?

Sai, in realtà non ho sentito molta differenza dagli Europei di Budapest, anzi, forse proprio a Budapest ho provato le emozioni più grandi! I miei avversari li conoscevo già tutti e li avevo già incontrati tutti, Kitajima a parte! E’ stata un’ emozione gareggiare con lui che e’ sempre stato il mio idolo! E batterlo e’ stato un motivo di grande orgoglio!

I tuoi miglioramenti in termini di tempi fatti in gara, sono costanti tanto da farti raggiungere il nuovo record Italiano, battendo lo storico di Fioravanti. Inoltre con i due argenti di Shanghai ti confermi essere tra le stelle della velocità del panorama del nuoto mondiale. Come ti senti con questi risultati ormai in tasca? Ora l’obiettivo è arrivare all’oro o ti accontenteresti anche solo di un podio conquistato alle Olimpiadi?

Penso che un podio alle Olimpiadi sia il sogno di tutti i nuotatori e non sia un semplice accontentarsi! Chiaro che lavorerò in quest’anno per avvicinarmi a Dale Oenfabio_scozzoli_nuoto_ansa_2 (primo ai Mondiali di Shanghai nei 100 Rana davanti a Scozzoli ndr) e restare davanti agli altri!

Hai mai pensato di fare un 200 Rana?

Ci ho pensato e ci ho anche provato, ma non e’ nelle mie corde!

Hai mai pensato di competere ad alti livelli anche in un altro stile oltre alla rana? Capita a volte che alcuni ranisti vadano più forte a stile libero…ogni riferimento è puramente casuale a Pippo Magnini…

Faccio anche i misti, nei 100 ho vinto le ultime 3 edizioni dei Campionati Italiani e mi divertono molto! Cerco di allenarmi un pò anche per quelli, ma per ora la mia strada e’ la rana!

Entrare nel giro della nazionale è stato molto difficile per te e nonostante il record Italiano sui 100 rana, non hai preso parte a Roma 2009. Hai avuto vita dura a convincere la Federnuoto che avevi tutti i numeri per poter far parte della nazionale azzurra ed ora che sei tra i big dell’Italia, dopo aver sudato sette camice per conquistare la nazionale, come ti senti?

Mi sento come prima, c’e’ ancora tanta strada da fare e ci sono tante medaglie da guadagnare e per cui sudare!

Il 2010 è stata la tua annata. Tantissimi risultati sorprendenti e la scalata verso il successo che si è confermato poi con questi Mondiali di Shanghai. Quanti sacrifici ti sono costati per arrivare così in alto? Hai avuto la fortuna di avere sempre un incoraggiamento ed un appoggio morale da qualcuno che ti è stato vicino?

Tutti vicino a me mi sono vicini, dalla mia famiglia alla mia fidanzata, i miei allenatori e i miei compagni di squadra, ai fisioterapisti e il nutrizionista! Vivo in un bell’ambiente che mi da serenità e cercherò sempre di mantenerlo così perché è bellissimo!

Il tuo rivale storico Van der Burgh è ormai dietro. Chi sono le tue prossime “vittime”? A parte gli scherzi, chi vorresti battere alle Olimpiadi di Londra 2012?

Davanti ne è rimasto solo uno ed è Dale Oen, ma gli altri dietro sono molto vicini e bisogna sempre riconfermarsi! Sarà durissima, il livello medio della rana e’ diventato spaventoso!

Passiamo a qualche domanda di curiosità sulla tua persona. Sei un velocista puro, il tuo colore preferito è il rosso, vivi a Imola, nuoti per l’Imola Nuoto e…la tua auto preferita è la BMW??? Tutto riporterebbe ad aspettarsi  come auto preferita la Ferrari…

In verità la mia auto preferita è la Ferrari, ma come auto diciamo “umane” le BMW mi piacciono molto!

Preferisci le gare Indoor o all’aperto?

E’ indifferente, gli stadi chiusi però non danno il problema atmosferico!

Hai riti scaramantici o “abitudini” pre-gara?

Non sono una persona scaramantica, ma faccio i soliti esercizi di stretching prima della gara!

Come dormi nella notte che precede una gara importante?

Dipende, ma comunque dorma, non mi preoccupo perché se sto bene, vado forte lo stesso!

La tua vita: a 23 anni sei impegnassimo e sicuramente non hai modo di vivere come un “normale” ragazzo della tua età. Senti il peso di questa cosa a volte oppure tutto fila via liscio? In pratica, ti ritieni soddisfatto di come vivi la tua vita?

Si la mia vita mi piace molto e mi ritengo molto fortunato a poter fare dello sport la mia vita!

La domanda di rito che faccio a tutti i grandi campioni del nuoto assoluto: cosa ne pensi del settore del nuoto master e di chi ne fa parte?

E’ un bel movimento che permette a chi non ha potuto divertirsi col nuoto da giovane di divertirsi anche dopo e agli ex nuotatori che non ne hanno abbastanza, di continuare a competere!

Ultima domanda: preparazione olimpica! Tra un anno ci sarà Londra. Come vuoi preparati all’evento e come speri di vivere i prossimi 9 mesi?

Come ho preparato i mondiali di quest’anno! Spero sempre di essere al massimo delle mie energie fisiche, senza infortuni, o intoppi!

Vuoi aggiungere qualcosa?

Ringrazio tutti quelli che mi sono vicino e tutti i miei tifosi!

Fabio Scozzoli, per Swm4life!

Paco Clienti

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine