copertina

Olimpiadi Roma 2020, Monti dice no! Il premier del Governo italiano nega la candidatura, non ci sono le basi economiche.

Olimpiadi Roma 2020, Monti dice no!
Il premier del Governo italiano nega la candidatura, non ci sono le basi economiche.

copertinadi Paco Clienti.
Olimpiadi Roma 2020, si sarebbero concentrate in tre poli dell’antica città romana: il Foro Italico, la Nuova Fiera di Roma e Tor Vergata, dove si sarebbero svolti i giochi in 42 impianti di gara, di cui 33 esistenti, 5 da costruire e 4 temporanei. Otto milioni di euro per lo Stadio del Nuoto, un milione e mezzo per la struttura del judo, della scherma e del sollevamento pesi, 100 mila euro per l’organizzazione del percorso del ciclismo, due milioni e mezzo per lo stadio del beach volley, oltre 285 milioni stimati per la ristrutturazione degli altri impianti esistenti, compresa la nuova copertura dello stadio Olimpico e 233 milioni per gli stadi temporanei e gli allestimenti.

Il comitato Roma2020, istituito per l’occasione, ha calcolato un acconto iniziale di 42 milioni, soldi pubblici e privati, necessari alla promozione della domanda per candidarsi e per sostenere poi la candidatura vera e propria. “Il budget – è scritto nella proposta di candidatura – sarà finanziato dal Comune di Roma, della Regione, della Provincia e da altri soggetti pubblici”.

cerchi_olimpici

Ma quali sono i benefici e quali i rischi che si corrono ad organizzare un evento di tale portata?
Barcellona 1992 è ancora oggi ricordata come un Olimpiade che ha letteralmente risollevato una città. Per l’occasione si investì in un progetto operosissimo, con un budget da 6 miliardi, di cui 2,8 dai privati, finalizzato per cambiare il volto della città catalana. Il progetto riuscì perfettamente ed ancora oggi Barcellona gode dei benefici portati da quell’evento.

Ma ci sono anche casi in cui non è andata così. Atlanta 1996 ed Atene 2004 hanno messo in ginocchio l’economia dei paesi, con il caso della Grecia in particolare che è sprofondata poi in una crisi dalla quale ancora oggi non riesce a trovare contromisure adeguate a far riemergere il Paese.
La Grecia infatti non poteva permettersi di investire gli 8,9 miliardi di euro di spesa,di cui  soltanto 1,7 arrivavano dai privati! È vero, nell’immediato si riscontrò un incremento del Pil dello 0,3% ed un aumento degli introiti derivanti dal turismo, ma l’onda d’urto della crisi economica era all’orizzonte e si è fatta sentire dopo pochi anni.

E visto che nello specifico stiamo parlando di Roma, come non ricordare i buchi di bilancio e di legalità  provocati in seguito ai recenti mondiali di nuoto del 2009?
Come si può investire poi sulle Olimpiadi quando non ci sono sufficienti risorse per finanziare la riforma del mercato del lavoro?

Alle 16.18 del 14 febbraio infatti, dopo un’attenta valutazione economica, Monti non ha firmato le lettere di garanzia ed impegno al Comitato Olimpico Internazionale, bocciando quindi la candidatura di Roma ad organizzare le Olimpiadi del 2020!
alemannoLe Olimpiadi di Roma 1960 diedero il via alla rinascita della nazione italiana che veniva dalla crisi economica dovuta alla guerra, ma i tempi di oggi sono diversi e l’austerity predicata dal Governo Monti, la paura che si ripetano i mangia mangia e le speculazioni fatte per i Mondiali di Calcio di Italia ‘90 e dei recenti Mondiali di Nuoto di Roma 2009, hanno portato il Governo a fare una grossa e profonda riflessione.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

PellegriniNonostante i ragionamenti fatti e le argomentazioni portate dal prof. Monti per spiegare la sua decisione, rimane molto deluso il Sindaco di Roma Alemanno che ha affermato che “Così non si scommette sul futuro dell’Italia”.
Della stessa idea è Federica Pellegrini “Sono molto dispiaciuta: immagino non sia stata una scelta facile di questi tempi e do per scontato che il Governo sia composto da persone preparate e competenti. Spero che ci sia la voglia di riprovarci per la candidatura all’Olimpiade 2024. Ho davanti agli occhi l’immagine di un grande evento che avrebbe avuto un bell’effetto sulla percezione del nostro Paese” – ha affermato la campionessa olimpionica che come Francesco Totti, Valentino Rossi e tanti altri campioni dello sport, aveva lanciato l’appello al premier nei giorni scorsi, per firmare le garanzie alla candidatura.

Bocciate le Olimpiadi di Roma 2020, rispunta il progetto Romagna 2024 con il quale si spera di riuscire finalmente a riportare le Olimpiadi in Italia, il che significherebbe anche che il Paese sarebbe nelle condizioni economiche di rinascere.

mario_monti“Il Governo è particolarmente attento alla voce dei cittadini, all’ascolto delle loro difficoltà e problemi, ma anche alla valutazione delle critiche e suggerimenti che costoro fanno sul suo operato – ha affermato il prof. Monti a Swim4life – Ogni segnale di supporto è prezioso per un Governo che vede nel bene comune, democratico e partecipato, l’obiettivo da raggiungere. Per questo motivo abbiamo inaugurato da pochi giorni un nuovo canale di comunicazione con la società civile. La scelta del Governo nei confronti della candidatura di Roma ai giochi olimpici del 2020 non mette in discussione la qualità del progetto, né dubita del lavoro eccellente svolto dal Comitato promotore. È stata una scelta difficile, sostenuta da due motivazioni. La prima, e principale, legata alla preoccupazione per un incremento dei costi di gestione. La fase difficile che l’Italia e l’Europa stanno affrontando sconsiglia di intraprendere piani e programmi il cui rischio non sia giustificato dalla necessità di traghettare l’economia fuori dalla crisi. La seconda motivazione si lega alla volontà di evitare che il prossimo Esecutivo debba fronteggiare spese non preventivate e, forse, particolarmente gravose. Non mancheranno certo, per il futuro, nuove occasioni per sostenere la candidatura dell’Italia in eventi internazionali.”

Rimangono in corsa per l’organizzazione dell’evento dei cinque cerchi Baku, Doha, Istanbul, Madrid e Tokyo, ma se organizzare un Olimpiade è troppo rischioso per l’economia di un Paese e considerando che il mondo intero è in crisi economica, chi potrebbe essere in grado di organizzare la 34^ edizione dei giochi senza temere di restare poi sul lastrico?

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine