in_acqua_2

Mondiali di Riccione 2012, è follia Master! Ne parliamo con Monica Canetti. L’ex azzurra sarà il portiere dello SC Argentario.

Mondiali di Riccione 2012, è follia Master! Ne parliamo con Monica Canetti.
L’ex azzurra sarà il portiere dello
SC Argentario.

in_acqua_2di Paco Clienti.
Mondiali Master 2012, Riccione, un evento che sta letteralmente sconvolgendo il movimento Master internazionale ma soprattutto quello Italiano! Le iscrizioni ai trofei  più rilevanti in programma per il Circuito Super Master di questa stagione vanno praticamente bruciate in pochi giorni e sono molte le organizzazioni che hanno dovuto chiudere anticipatamente le iscrizioni per aver raggiunto un numero di atleti massimo da poter gestire per la durata del trofeo! Questo fenomeno è assolutamente incredibile e mette tutti gli atleti master nella condizione di dover decidere necessariamente con qualche mese di anticipo se partecipare o meno ad un meeting ed a quali gare! Cosa sconvolgente, visto che per abitudine della maggior parte degli nuotatori master italiani, l’iscrizione e la decisione delle gare a cui prender parte ad un trofeo, va fatta un paio di giorni prima della scadenza sia per un fatto tecnico di preparazione, ma soprattutto per un fatto di disponibilità ed organizzazione del proprio tempo libero, perché non bisogna dimenticare che il classico nuotatore master è colui che oltre al nuoto ha una famiglia, un lavoro e degli impegni che vanno oltre lo sport!
Ma ormai il fenomeno della corsa alle iscrizioni per le varie tappe di Circuito, la ricerca del “tempo di qualifica” e la persecuzione della miglior forma per affrontare i Mondiali di Riccione, è in moto e nessuno può fermarlo!
I Mondiali Master del 2012 si sono annunciati come un evento da record per presenza atleti e per organizzazione ed il richiamo è stato forte da coinvolgere anche tantissimi ex nuotatori che hanno abbracciato il mondo master, entusiasti di prender parte al Campionato iridato.

monica_in_borgheseRecord di presenza e grande risposta all’evento, vale per tutte le discipline acquatiche che si svolgeranno a Riccione, dal Sincro ai Tuffi, dal Nuoto in vasca al Nuoto in Acque Libere, fino alla Pallanuoto che come da programma ha chiuso le iscrizioni al 12 marzo, in anticipo rispetto alle altre discipline che chiuderanno il 23 aprile.
I primi numeri ufficiali e definitivi di Riccione 2012 li conta quindi proprio la Pallanuoto che aprirà i Mondiali Master dal 1° giugno con gli allenamenti e dal 3 giugno con le partite, fino ad arrivare alla finalissima del 9 giugno. Record assoluto per le squadre iscritte ad un Mondiale, con 104 club provenienti da quasi tutto il mondo, di cui la maggior parte dagli Stati Uniti e Germania, oltre che dall’Italia che detiene, come facilmente prevedibile, il maggior numero di squadre partecipanti. A Riccione arriveranno una moltitudine di paesi provenienti da tutta Europa ma ci saranno anche club provenienti da Brasile, Argentina, Venezuela, Australia e Canada che rappresenteranno in pratica il resto del mondo!
Il dato che rende ancora più affascinante l’evento è che saranno tantissimi gli ex campioni olimpici, mondiali e continentali che prenderanno parte a questi Mondiali Master di Pallanuoto!
Ne abbiamo parlato con Monica Canetti, ex nazionale azzurra che per tanti anni ha sbracciato in vasca, prima come ottima nuotatrice e poi come grande portiere del Volturno con il quale ha vinto ben sette scudetti, diventando anche una delle colonne portanti del “Sette Rosa” degli anni ’90!
Il bel portiere della nazionale (nella foto a destra) ha collezionato tante soddisfazioni nella sua carriera azzurra, tra cui un 4° posto agli Europei di Bonn nel 1989 ed una medaglia di Bronzo agli Europei di Atene 1991.

Prima di parlare dei Mondiali di Riccione direi di presentarci bene, ripercorrendo brevemente i tuoi trascorsi. A quale età Monica Canetti ha messo piede in acqua?
da_piccolaAvevo circa  4 anni quando iniziai a nuotare e la mia prima esperienza fu come nuotatrice. Diventai una buona ranista e delfinista prima di tuffarmi nella Pallanuoto.

Sei stata uno dei punti di forza del Volturno degli anni ’90 e sei approdata giovanissima in nazionale, nella quale hai difeso egregiamente la porta. Per quanti anni sei rimasta legata al mondo della Pallanuoto?
Forte dell’ottima esperienza nel Nuoto, dove andavo abbastanza forte, una volta nella Pallanuoto diventai subito campionessa italiana e dopo meno di un anno fui chiamata in nazionale giovanile, con la quale feci un bel Campionato Europeo. Da lì arrivai in nazionale maggiore. Ho vissuto la mia carriera sempre con spirito di divertimento e passione, senza esasperare mai, in nessuna occasione. Essendo portiere poi, ho potuto permettermi il lusso si allenarmi “meno” rispetto agli altri ruoli della Pallanuoto. Diciamo che fortunatamente le mie qualità mi facevano trovare sempre all’altezza della situazione pur non massacrandomi di allenamenti.

Quando hai deciso di ritirati e perché?
La Pallanuoto è molto bella, come penso tutti gli sport, ma è anche molto sacrificata. Al tempo ero fidanzata e all’età di 25 anni, quando decisi di sposarmi, valutai la mia vita e decisi che dovevo fare una scelta. Allora giocavo nella Roma e ricordo che al termine di quella stagione mi contattò il Catania che era fortemente interessato a prelevare il mio cartellino. Decisi comunque di lasciare per dedicarmi a costruire una famiglia.  

in_acquaEd oggi sei contenta di aver fatto quella scelta?
Mah…diciamo che il matrimonio è andato male e che la stagione successiva al mio ritiro il Catania iniziò una serie di vittorie e per tantissimi anni, quindi non mi è andata benissimo – risponde sorridente Monica – ma se tornassi indietro rifarei comunque le stesse scelte. Oggi ho comunque un bellissimo figlio e tantissimi bei ricordi. Credo che nella vita vadano vissuti i momenti e senza alcun ripensamento, quindi, sono felice di aver fatto quella scelta.

Dopo il tuo ritiro hai continuato a nuoticchiare?
No, assolutamente. Non ho toccato più acqua per otto anni e l’odore del cloro mi dava fastidio! E poi non mi allenavo tantissimo quando ero in attività, figuriamoci dopo che mi ero ritirata! Per una serie di casualità ripresi poi a giocare con il Caserta in serie B, ma ricoprendo l’insolito ruolo di attaccante! Sono state le due stagioni più divertenti della mia carriera anche se essendo ormai un attaccante, dovevo allenamenti duramente! Successivamente ho giocato in serie C con l’Azzurra e con il Nuoto 2000.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Dopo quanto tempo oggi torni alla Pallanuoto giocata?
Dopo 3 anni dall’ultimo stop ho preso parte ai Campionati Italiani Master del 2011, giocando sempre in attacco e pur senza allenarmi tantissimo non ho fatto male. Siamo arrivati al 2° posto.

articolo_giornaleCome si è presentata l’occasione di rientrare e partecipare ai Mondiali di Riccione e chi ti ha convinta?
Ho accolto con piacere la richiesta di un vecchio amico, Francesco Zongoli, l’attuale coach dello Sporting Club Argentario. Però con il senno di poi, riflettendoci, mi alletta molto andare a divertirmi in questa nuova avventura dei Mondiali Master e poi giocherò nel mio ruolo naturale, in porta, il che mi consente ancora il lusso di non ammazzarmi di allenamenti!

Com’è stato il primo raduno in vista dei Mondiali di Riccione fatto ad ottobre 2011 a Porto S. Stefano?
Bellissimo! Ho incontrato ex compagne di squadra e di nazionale che non vedevo da più di vent’anni ed è stato molto emozionante per tutte! Tornare a giocare ed impegnarci per questo Mondiale è un sacrificio per tutte vista la vita privata che ognuno di noi ha oggi, ma ritrovarci insieme e tornare a divertirci in acqua, ci ha coinvolte tantissimo. Pensa che al ritiro io non potevo nuotare perché ero infortunata, ma sono partita ugualmente per stare insieme al gruppo!

Puro spirito Master quindi?
Assolutamente si! L’idea è proprio quella di divertirci tutte insieme in quest’avventura!

monicaLo Sporting Club Argentario, guidato dal coach Francesco Zongoli e dai dirigenti Mario Pace e Guido Loffredo, èuna squadra inserita nella fascia 40-44 e troverà subito la concorrenza delle britanniche dell’English Roses. Conosci i tuoi avversari?
Saranno sicuramente robuste e ben preparate ma non conosco chi siano. Penso solo che secondo me andiamo lì e vinciamo, proprio perché ci andiamo senza pretese e con l’idea di divertirci!

Lo sai che il numero di squadre di Pallanuoto iscritte ai Mondiali di Riccione 2012 sono un record assoluto per il settore master?
Si e credo sia una cosa molto positiva. Mi pare però che il numero maggiore sia rappresentato dalle squadre maschili…

È esatto, dei 104 club di Pallanuoto, 92 sono maschili.
Bene allora, la nostra squadra è composta quasi da tutte single! Risponde sorridente e divertita la simpaticissima Monica.

Ora che ci sei dentro fino al collo, che considerazione hai del settore master per le discipline acquatiche?
Vedo il settore Master un mondo a se, molto particolare. Per certi versi divertente, per altri strano. Forse è perché sono stata agonista in passato, ma oggi mi fa strano osservare certi atleti Master che danno un’importanza secondo me eccessiva agli eventi. Per me il Master è “la spiaggia” di chi vuole tornare a fare quello che faceva un tempo ma si vuole solo divertire. Per chi non ha fatto agonismo in passato e fa parte del Master, la situazione non cambia molto, in quanto credo che sia pur sempre un modo per staccare la spina dalla vita di tutti i giorni e divertirsi. Non siamo certamente professionisti!

primo_pianoCosa ti aspetti da questo mondiale?
Solo ed esclusivamente tantissimo divertimento!

Clicca qui per visualizzare i gironi dei club donne ai Mondiali di Riccione 2012.

Clicca qui per visualizzare i gironi dei club uomini ai Mondiali di Riccione 2012.

Clicca qui per visualizzare le nazionalità di tutti i club iscritti.

                                     Sporting Club Argentario 2012

raduno

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights