napolitano_vezzali_consegna_bandiera_olimpiadi_ansa

Napolitano rende onore ai campioni dei Giochi di Londra. Al Quirinale premiati i protagonisti olimpici e paralimpici.

Napolitano rende onore ai campioni dei Giochi di Londra.
Al Quirinale premiati i protagonisti olimpici e paralimpici.

napolitano_vezzali_consegna_bandiera_olimpiadi_ansadi Paco Clienti.
Ieri sera gli atleti Azzurri medagliati alle Olimpiadi ed alle Paralimpiadi di Londra sono stati ricevuti al Quirinale dal Presidente della Repubblica Napolitano. Nel Salone dei Corazzieri erano inoltre presenti la Giunta ed il Consiglio Nazionale del CONI, il Ministro per gli Affari Regionali, il turismo e lo Sport, Piero Gnudi, i Presidenti ed i Segretari federali delle Federazioni medagliate, nonché i Commissari Tecnici delle discipline che a Londra sono salite sul podio, guidati dal Presidente del CONI, Giovanni Petrucci, dal Segretario Generale e Capo Missione ai Giochi Olimpici, Raffaele Pagnozzi e dal Presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli.

“E’ stata una Olimpiade ricca di successi e soddisfazioni anche per lo sforzo organizzativo – ha commentato Giorgio Napolitano durante la cerimonia – Voglio dire grazie a tutta la delegazione italiana. Non sempre gli sforzi si sono trasformati in medaglie ma è normale o umano che sia così. Gli atleti non sono macchine e bisogna essere loro vicini anche nella sconfitta talvolta ingiusta”.

morlacchi_camelliniIl Presidente Petrucci, subito dopo l’inno di Mameli, ha esteso i suoi ringraziamenti a tutto il mondo olimpico e paralimpico:“con orgoglio posso dire oggi che il mondo dello sport ha superato le barriere, siamo un mondo ‘unico’, sono state vinte 56 medaglie, 28 alle Olimpiadi ( 8 ori – 9 argenti – 11 bronzi)  e 28 ai giochi Paralimpici (9 – 8 – 11), ma Pancalli ha vinto un oro più di me e devo darne atto”.

Tra gli atleti onorati di riconoscimento dal Presidente Napolitano, erano presenti Cecilia Camellini e Federico Morlacchi, tra i protagonisti assoluti alle Paralimpiadi di Nuoto in vasca.
Cecilia Camellini, 20 anni di Formigine, tesserata con la Tricolore Reggio Emilia, a Londra ha conquistato due medaglie d’oro nei 50 e 100 stile libero, entrambe le gare con Record del Mondo e due di bronzo nei 100 dorso e 400 stile libero, classe S11, per la disabilità visiva.
Federico Morlacchi, 19 anni di Luino, tesserato per la PolHa Varese, ha portato a casa tre medaglie di bronzo nei 100 delfino, 400 stile libero e 200 misti, classe S9, per la disabilità funzionale.
Napolitano_incontra_i_medagliati_olimpici_di_LondraI due Azzurri sono stati tra i protagonisti di uno spettacolo senza precedenti che ha coinvolto oltre 17.000 spettatori al giorno e migliaia di telespettatori rimasti incollati per 10 giorni davanti alla tv a tifare Italia, lanciando fortemente il settore del nuoto Paralimpico che conferma la costante crescita che già dimostrava da alcuni anni.

”Abbiamo riscontrato una grande lezione di vita – ha dichiarato Napolitano riferendosi ai Giochi Paralimpici – Dalle prove di questi atleti ci è venuta una grande soddisfazione sportiva ed un ulteriore motivo di orgoglio nazionale, una grande lezione di vita, una grande lezione morale. Lo ha capito tutta Italia”.

Martina_Grimaldi

I due nuotatori azzurri paralimpici erano stati accompagnati per l’occasione dal Presidente FINP Roberto Valori, dal Segretario Federale Franco Riccobello e dal CT Riccardo Vernole.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

“Non voglio nascondere l’emozione, ma neanche l’orgoglio nell’accompagnare oggi i miei atleti – ha affermato Luca Pancalli, Presidente del CIP – Questo sogno è stato reso possibile grazie alla caparbietà dei miei Azzurri, alle Federazioni sportive, alle famiglie ed al cammino che abbiamo intrapreso ben dodici anni fa. Il mio Paese, i media e le televisioni hanno mostrato il volto dello sport come strumento e riabilitazione sociale”.

Insieme ai campioni Paralimpici, sono stati resi di merito anche la fondista Martina Grimaldi, bronzo alla 10 km delle Olimpiadi in Acque Libere, accompagnata dal Commissario Tecnico della nazionale Massimo Giuliani ed il gruppo del Settebello di pallanuoto accompagnati dal CT Alessandro Campagna, vice campioni olimpici, caduti solo in finale contro la corazzata della Croazia.

Con la riconsegna del tricolore da parte dei porta bandiera Azzurri Oscar De Pellegrin e Valentina Vezzali e la premiazione di tutti gli atleti medaglisti, si chiude definitivamente l’avventura Olimpica e Paralimpica  di Londra 2012, con l’arrivederci a Rio 2016.

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights