Susan-Taylor

Susan Taylor perde la vita nella Manica per beneficenza. Si tratta della settima vittima del canale inglese.

Susan Taylor perde la vita nella Manica per beneficenza.
Si tratta della settima vittima del canale inglese.

Susan-TaylorSusan Taylor non ce l’ha fatta ed ha tragicamente perso la vita nel tentativo di attraversare la Manica, impresa che si era imposta al fine di raccogliere fondi per il Rainbow’s Hospice, una Casa Famiglia per bambini ed adolescenti sita a Leicestershire, dove Susan viveva.
La tragedia si è consumata domenica 14 luglio, quando Susan, a poche miglia dalla meta, ha avuto un collasso mentre era a largo delle coste francesi. Susan è stata subito soccorsa dall’imbarcazione della Channel Swimming Association che la seguiva nell’impresa che però ha potuto fare ben poco in attesa dell’elicottero che l’ha trasporta all’ospedale di Boulogne dove la donna è deceduta ufficialmente intorno alle 19.00.
La traversata era seguita in diretta dalla sorella e dagli amici su internet grazie a un localizzatore.
Susan, soprannominata “Nemo” come il pesce pagliaccio del film Disney, era riuscita a farsi sponsorizzare raccogliendo un fondo di circa 3mila sterline.

La giovane donna, 34 anni, si era allenata molto per raggiungere il suo traguardo e condivideva sulla sua pagina Facebook i progressi che faceva di giorno in giorno, ma non sono bastati ne gli allenamenti, ne le opportune visite e controlli medici effettuati prima dell’impresa per salvaguardare la vita della donna.

Purtroppo Susan non è la prima vittima che miete la Manica che ha tolto la vita ad altre sei persone! L’ultima è avvenuta l’anno scorso, con la scomparsa di un operaio irlandese, Paraic Casey, 45 anni, che fu colpito da un malore nei pressi delle coste francesi.

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights