Emanuela_Romano

Campionati Italiani Paralimpici Società 2014, i verdetti individuali.

Campionati Italiani Paralimpici Società 2014, i verdetti individuali.
Super Romano, Ciulli in grande spolvero, Morlacchi da sovrano anche nei 100 rana.

Emanuela_Romanodi Paco Clienti
Sono molti gli spunti positivi emersi dai Campionati Italiani Paralimpici Società 2014 che si sono svolti da sabato 24 a domenica 25 maggio presso la piscina olimpionica del Villaggio GeTur di Lignano Sabbiadoro.
Tanto per cominciare i 18 nuovi Record Italiani Assoluti e i 24 di categoria che si sono realizzati che rappresentano un miglioramento del settore paralimpico sia per quanto riguarda gli atleti noti, sia per quelli emergenti.
E per quelli emergenti, i giovani, bisogna evidenziare il grande successo ottenuto in seguito al Circuito Futuri Campioni promosso dalla Federazione Italiana Nuoto Paralimpico da questa stagione e fortemente voluto dai Tecnici Federali. L’incentivazione del movimento giovanile è stato evidente, dettaglio particolarmente importante per il futuro del nuoto paralimpico italiano. La finalissima dei 50 stile libero Futuri Campioni disputata tra i migliori otto atleti maschi e femmine classificati nel Circuito stagionale, è stata a dir poco emozionante. Ai blocchi di partenza si presentavano le future speranze del paralimpico italiano, coloro che un giorno potrebbero vestire i panni della nazionale e portare l’Italia sugli alti gradini del panorama internazionale. La gara secca se l’è aggiudicata Camilla Luscrì della A.I.C.S. Pavia Nuoto con 38″67 davanti a Martina Rabbolini della G.S. Dil. Non Vedenti Milano con 36″65 e Sara Belotti della Olimpic Swim Pro con 36″15 con il quale ha inoltre registrato il nuovo Record Italiano Assoluto. Andrea Lobba della Rari Nantes Marostica è stato invece il campione maschile con 30″18 davanti a Federico Bicelli della Pol. Bresciana No Frontiere con 30″52 e Salvatore Urso della Noived Napoli con 33″26.

Futuri_Campioni_Paralimpico_femminePiù che positivi anche i risultati degli atleti di interesse nazionale in chiave europea. Colpisce particolarmente lo stato di forma di Emanuela Romano, S6 della Nuotatori Campani che ha dimostrato di essere proiettata a disputare un Europeo da protagonista. La napoletana ha segnato 1’18″94 nei 100 stile libero, a un secondo e mezzo dal suo personale con il quale ha vinto la medaglia d’argento ai mondiali di Montrèal nella scorsa stagione, 48″02 nei 50 farfalla, a un secondo e mezzo dal crono fatto ai Campionati Italiani invernali di Como, attuale 5° crono europeo e meglio di tutti, 36″73 nei 50 stile libero, a soli 4 decimi dal crono con il quale ha vinto i Mondiali di Montrèal, migliore prestazione assoluta dei Campionati con 963,79 punti!

Soddisfatto il Tecnico Enzo Allocco, referente nazionale per le classi S1-S10 e allenatore della Nuotatori Campani e di Emanuela Romano.
«La condizione della Romano sembra abbastanza buona, anche se c’è ancora un mese di duro e intenso lavoro specifico prima di arrivare alla rifinitura che porterà agli Europei di Eindhoven. Siamo ancora in fase di costruzione delle andature e quindi la Romano è abbastanza carica di lavoro, ma i tempi riscontrati sono molto significativi e incoraggianti.»

Allocco tiene ad elogiare anche tutto il gruppo Nuotatori Campani che ha molto ben figurato a questi Campionati.
Enzo_Allocco«Per quanto riguarda il discorso strettamente legato alla Nuotatori Campani, oltre la Romano è da evidenziare tutto il gruppo femminile, tra cui Angela Procida e Antonella Canciello che possono raggiungere importanti traguardi sportivi. Non è arrivata certamente a caso la vittoria nella Coppa Italia Femminile, un risultato storico per la società. Anche il gruppo maschile si è comportato molto bene. Nonostante molti atleti non siano più giovanissimi, si dimorano sempre entusiasti come se alla prima gara, aspetto positivo che trasmettono anche ai più giovani, tra cui Giuseppe Cotticelli che tra l’altro ha conquistato la Finale Futuri Campioni. Una nota di merito particolare va a Vittorio Abete che da tempo sta vestendo anche i panni di collaboratore per lo sviluppo e la gestione della squadra con una partecipazione a 360°. Anche a Lignano Abete è stato il punto di riferimento per tutto il gruppo in più occasioni.»

Un’ultima nota Allocco la fa sulla formula di questi Campionati Italiani.
«Il Campionato Italiano a Squadre ha una formula di successo che favorisce non solo il numero importante di partecipazione, ma anche la spettacolarità delle gare creando quella motivazione aggiuntiva anche in quegli atleti appartenenti a società non numerose che desiderano comunque essere partecipi del Campionato Italiano di Società che coinvolge con entusiasmo e spirito di partecipazione tutti gli atleti presenti.»

Federico_MorlacchiStupisce anche Federico Morlacchi, S8 della Polha Varese, soprattutto per quel Record Italiano Asosluto siglato un po’ a sorpresa nei 100 rana, si proprio nei 100 rana! Il varesotto ferma il crono su 1’16″27 piazzandosi di prepotenza al 6° posto nell’attuale ranking europea! Ottimo anche il riscontro nei 50 stile libero con 27″73, 15 centesimi sopra al suo personale stagionale.
Continua la sua marcia nella “golden age” Giulia Ghiretti, S5 della Ego Nuoto che si comporta molto bene soprattutto nei 50 farfalla segnando 55″78 con il quale migliora di gran lunga il 58”23 fatto ai Mondiali di Montrèal, avvicinandosi al 9° posto nella ranking europea. Bene anche nei 200 misti con il 4’10″7, nuovo Record Italiano, 6° crono nell’attuale ranking europea  e nei 100 rana con 2’30″49, a 25 centesimi dal suo personale stagionale che è il 6° crono nella ranking europea.

Alla vigilia era scettico Efrem Morelli, S5 della Pol. Bresciana No Frontiere, rimasto fermo per due mesi a causa di un risentimento alla vertebra che a quanto pare non gli fatto perdere più di tanto sulla preparazione atletica. Morelli ha segnato infatti 3’33″35 nei 200 misti, non lontano dal personale di 3’29”89, attuale 3° crono europeo, 43″16 nei 50 farfalla, vicino al 42”29 dei Mondiali di Montrèal, attuale 5° crono europeo e 1’48″75 nei 100 rana, a soli 5 decimi dal suo personale, attuale 3° crono europeo!
Simone_CiulliParticolarmente importi i progressi mostrati da Simone Ciulli, S10 del Circolo Canottieri Aniene che ha fermato il crono a 56″74 nei 100 stile libero, un secondo e 23 meglio di quanto ottenuto al Meeting di Berlino grazie al quale balza dal 9° al 7° posto nella ranking europea! Ciulli si conferma la pinna alata paralimpica italiana segnando uno strepitoso 25″62 nei 50 stile libero, 4° posto nella ranking europea, in linea con quanto fatto a Berlino. Molto bene anche nei 100 farfalla nei quali chiude in 1’01″83, anche questo in linea con quanto fatto a Berlino, 7° crono europeo stagionale. Tutti risultati che per il toscano potrebbero significare la convocazione per Eindhoven.
Altra nota positiva è il parziale recupero di Serena Scipione, S3 del Santa Lucia che per tutta la stagione ha pagato le sofferenze del grave infortunio occorso all’ultimo giorno dei Mondiali di Montrèal. La Scipione ha segnato un promettente 1’31″20 nei 50 dorso, a 5 decimi dal crono fatto ai Mondiali.

Ottima anche le gestione dell’evento da parte della società dell’ASPEA Padova che ha saputo far fronte alla moltitudine di atleti partecipanti a questi Campionati di alto valore tecnico e numerico.
Spettacolare la batteria finale maschile dei
100 stile libero fatta di schiuma e onde alte provocate da Fabrizio Sottile, S12 della Polha Varese che guida la gara segnando 56″48 e 932,37 punti (978,98) davanti a Simone Ciulli, S10 del Circolo Canottieri Aniene con 56″74 e 914,35 punti, Federico Morlacchi, S9 della Polha Varese con 57″94 e 964,45 punti (1.012,67) e Federico Bicelli, S9 della Pol. Bresciana No Frontiere con 1’06″70 e 837,78 punti (1.047,23).
Staffetta_Circolo_Canottieri_Aniene_ParalimpicoDominio netto sulle staffette del Santa Lucia
che fa sue le la 4×50 stile libero maschile e femminile, la 4×100 misti femminile, la 4×50 misti maschi e femmine e la 4×100 misti femmine. Lascia agli altri solo la 4×100 misti maschile e la 4×100 stile libero maschile punti 34, entrambe vinte dalla Canottieri Aniene che in quest’ultima segna anche il nuovo Record Italiano Assoluto con 4’42″68.
Esordio nel settore paralimpico per Vincenzo Boni, S3 del Caravaggio Sporting Village, nuova realtà guidata anche da Massimiliano Rosolino quale responsabile tecnico.

Undicesimo scudetto di fila, sedicesimo complessivo, per il Santa Lucia dunque, come avevamo ampiamente raccontato nell’articolo pubblicato ieri, davanti a Circolo Canottieri Aniene e Pol. Bresciana No Frontiere. Santa Lucia che conquista anche la Coppa Italia Maschile davanti alla Pol. Bresciana No Frontiere ed il Circolo Canottieri Aniene.
Storica vittoria per la Nuotatori Campani che conquista la Coppa Italia Femminile davanti alla Pol. Bresciana No Frontiere  e la ASPEA Padova Onlus. 

Riccardo Vernole fa un primo bilancio a circa 70 giorni dagli Europei di Eindhoven.
«Abbiamo già chiaramente un’idea su chi portare a questi Europei, ma restiamo in attesa di conoscere il programma ufficiale ed anche i risultati che arriveranno dall’ultimo appuntamento stagionale valido come IPC Swimming per fare i conti con la ranking europea. Di certo chi è vicino o ha almeno il terzo tempo europeo, ha praticamente la convocazione quasi in tasca. La cosa importante è che il Consiglio Federale ha accolto la mia proposta volta ad avere anche per questi Europei una nazionale numerosa. Il progetto dal 2009 ad oggi ha avuto una evoluzione eccezionale e possiamo affermare fieri di poter sperare bene anche sulle nuove leve interessanti grazie al Circuito Futuri Campioni.»

Riccardo_VernoleC’è ancora qualche rammarico per la mancata assegnazione all’Italia?
«Mi sarebbe indubbiamente piaciuto avere gli Europei in casa perché avrei promosso in nazionale tutti i 45 tempi MQS realizzati ad oggi. L’evento avrebbe avuto inoltre per noi una ridondanza a livello promozionale molto elevata. Certamente l’assegnazione a Eindhoven è più che valida. È da sottolineare quanto sia comunque difficile organizzare un evento del genere, basti pensare le tempistiche con le quali si sono mossi per l’assegnazione e che solo nei giorni scorsi abbiamo appreso come devono essere regolamentate le cuffie.»

Clicca qui per i risultati completi dei Campionati Italiani Paralimpici Società 2014

Clicca qui per i risultati completi della Finalissima Futuri Campioni

Clicca qui per la galleria foto della sessione gare sabato mattina dei Campionati Italiani Paralimpici Società 2014

Clicca qui per la galleria foto della sessione gare sabato pomeriggio dei Campionati Italiani Paralimpici Società 2014

Clicca qui per la galleria foto della sessione gare domenica dei Campionati Italiani Paralimpici Società 2014

Clicca qui per la galleria foto delle premiazioni dei Campionati Italiani Paralimpici Società 2014

Restate collegati su Swim4life. Pubblicheremo una ulteriore galleria foto di tutte le gare e premiazioni ed il video della finalissima Futuri Campioni 2014.

Commenta i nostri articoli sui Social Network.
Swim4life è anche su:

Facebook, diventa fan: www.facebook.com/Swim4life.it
Twitter, diventa follower: www.twitter.com/Swim4life_it

Swim4life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights