Assetto_nuoto_Delfino

Migliorare il Delfino con una video lezione!

Il tutorial Speedo a disposizione dei delfinisti.

La difficoltà più grande che si verifica nel nuotare a Farfalla o Delfino, come si preferisce chiamarlo, è quella di riuscire ad eseguire questo stile per molti metri. Anche nel delfino, così come negli altri stili del nuoto, la cosa più importante non è la forza che si riesce ad imprimere in acqua ma bensì la tecnica della quale si è dotati che influiscono tantissimo sui movimenti e la coordinazione necessaria che se eseguiti in maniera scorretta causano uno spreco di energia eccessivo che va a condizionare in maniera particolare il rendimento della nuotata.
Come già detto nell’articolo dedicato al dorso (clicca qui per leggerlo), riuscire ad ottenere il massimo rendimento con il minimo sforzo è l’arma vincente di un buon nuotatore che permette di realizzare grandi e straordinari risultati.
Il Delfino è definito lo stile di nuoto più armonioso in quanto viene eseguito correttamente grazie ad un movimento ondulatorio ed allo stesso modo potente che ricorda appunto la nuotata di un delfino.
Nel Delfino, più che negli altri stili, la gestione gara ed il modo di nuotare cambia tantissimo in base alla specialità di gara che si va ad eseguire. Come negli altri stili invece, sono da curare in maniera precisa tutte le fasi di nuotata, dalla partenza e la fase subacquea, alla nuotata, virata e arrivo.

Come già detto negli speciali pubblicati in precedenza per trattare gli altri stili, la forza che si riesce ad impiegare in acqua non è determinante da sola per ottenere un ottimo risultato. Ad essa va necessariamente unita un’ottima tecnica di nuotata che spesso supera l’importanza di essere forti a livello muscolare riuscendo a fare la differenza nel migliorare il proprio personale in maniera significativa. Allenare la tecnica con esercizi dedicati per ogni stile di nuoto è fondamentale per migliorare, soprattutto quando si raggiunge un certo livello oltre il quale diventa difficile migliorare ulteriormente.
butterfly_technical_sUna delle più grandi pecche del nuoto è talvolta la mancanza di una guida tecnica che da bordo vasca impartisca lezioni finalizzate a correggere gli errori tecnici, mancanza che si verifica soprattutto per la categoria Master. È soprattutto per questa categoria di atleti e per gli appassionati di nuoto ai primi livelli che Speedo ha risposto alla grande realizzando una serie di video tutorial dedicati ad ogni stile di nuotata!
Brevi ma significative video lezioni di nuoto che affrontano nel dettaglio i particolari tecnici di cui tener conto per eseguire una corretta nuotata che risulti produttiva, efficace e quanto meno dispendiosa possibile.
Riprese subacquee, riprese esterne, schemi indicativi e descrizione delle fasi di nuotata indicano come migliorare virate, partenze, bracciata, gambata, assetto in acqua e respirazione.
Analizziamo dunque il video tutorial per il Delfino. La prima parte che si analizza nel video è la bracciata sottolineando però che il segreto per nuotare bene a delfino è di eseguire correttamente il movimento ondulatorio del corpo. Nella prima fase di bracciata i muscoli delle braccia forniscono la trazione necessaria per spostare il corpo in avanti sottoponendole ad uno sforzo particolarmente faticoso in rapporto alla durata, mentre nella seconda fase forniscono supporto con la spinta generata dai grandi muscoli del tronco del corpo. Con un movimento sciolto bisogna portare le braccia sulla superficie dell’acqua e tenerle dritte fino al loro rientro in acqua. In questo, le mini palette possono aiutare ad esercitare l’ingresso della bracciata in acqua. Nella fase di bracciata è molto importante tenere le spalle e i gomiti alti e spingere il petto verso il basso evitando in questo modo di affondare troppo perdendo assetto e sprecando energie in maniera eccessiva per recuperarlo dopo ogni fase di bracciata. Nel commettere questo errore tecnico si perde moltissimo in quanto la forza propulsiva viene utilizzata per immergersi in profondità e non per avanzare.
Tecnica_bracciata_nuoto_DelfinoAnche nel Delfino la gambata parte da una spinta di anca realizzando una propulsione tale da far raggiungere alle gambe l’estensione massima. I colpi di gambe sono due per ogni ciclo di bracciata, con il primo che viene eseguito durante l’ingresso delle braccia in acqua ed il secondo che segue la fase di spinta. Il primo colpo di gambe serve a dare continuità di propulsione aiutando a mantenere velocità dopo la fase di recupero della braccia, mentre invece il secondo sostiene la propulsione e aiuta a non far affondare il corpo nella fase di spinta favorendo l’innalzamento di spalle e capo.
La posizione della testa durante l’ingresso in acqua delle braccia è fondamentale per mantenere il corretto assetto tecnico. La testa deve guardare verso il fondo della piscina e deve restare riparata in mezzo alle spalle per garantire una perfetta posizione idrodinamica.
Nella fase di respirazione è importante tenere posizionato il mento più vicino possibile alla superficie dell’acqua. Le pinne possono aiutare a svolgere esercizi finalizzati a migliorare il movimento ondulatorio, la fase di respirazione e l’assetto tecnico.
Nuotare correttamente e riuscire a sentire lo scivolo in acqua può essere determinante nel raggiungimento di grandi obiettivi personali.

L’allenatore che si occupa delle schede e dei consigli sulla tecnica è Fred Vergnoux, Tecnico della nazionale Spagnola ed Allenatore di atleti come Mireia Belmonte che proprio ieri ha stabilito due Record del Mondo ai Mondiali indoor che si stanno svolgendo a Doha.
Vergnoux ha allenato molti nuotatori d’elite in tutto il mondo, dal Regno Unito agli Stati Uniti d’America, fino alla Francia, Sud Africa e poi Spagna. Gli atleti e le rappresentative nazionali hanno conquistato sotto la sua guida tecnica 220 record nazionali, 4 Record Mondiali, 8 Record Europei, 3 Record del Commonwealth e 9 Record del Sud America, oltre a 3 medaglie olimpiche, 11 mondiali e 33 europee.
Il successo ottenuto da Speedo con i video tutorial con oltre 100mila visite registrate in meno di cinque mesi e l’utilità dei contenuti di questi video, rappresentata dalla grande richiesta degli utenti, ha spinto il marchio col boomerang a realizzare nuovi video tutorial, ad oggi in lavorazione, che saranno lanciati prossimamente attraverso il canale ufficiale Youtube Speedo. Stavolta gli atleti protagonisti dei nei nuovi video tutorial saranno tra quelli migliori al mondo, tra i quali Ryan Lochte, Natan Adrian, Tyler Clary e Natalie Coughlin che si presteranno alla realizzazione di vere e proprie lezioni di nuoto da seguire da casa!

Clicca qui per diventare fan della pagina ufficiale Facebook di Speedo Italia

Swim4life – All rights reserved

Paco Clienti

Paco Clienti
Responsabile Redazione Swim4Life Magazine

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*