Piero Codia da applausi nei 100 farfalla!

Insieme a lui salgono sul podio Martina De Memme e Andrea Toniato che portano a 10 il bottino di medaglie vinte alle Universiadi.

Si fa più pesante il forziere Azzurro con due medaglie d’argento e una di bronzo conquistate nella sesta giornata delle Universiadi che si stanno disputando a Gwangju dove gli Azzurri stanno facendo veramente molto bene anche in prospettiva degli ormai imminenti Mondiali di Kazan.

Piero Codia ha strappato applausi vincendo l’argento nei 100 farfalla nuotati in 51”69, a soli 5 centesimi dal Record Italiano. Codia sigla il sesto crono mondiale promettendo un interessante dualismo in quel di Kazan con l’altro Azzurro Matteo Rivolta. Oro al russo Evgeny Koptelov che segna 51”50, terzo crono mondiale e bronzo per il bielorsso Yauhen Tsurkin con 52”12.

Finale avvincente e vincente anche nei 50 rana nei quali Andrea Toniato conquista l’argento segnando 27”41 alle spalle del serbo Caba Siladi con 27”34 e davanti al kazaco Dmitriy Balandin con 27”47.

Martina De MemmePodio anche per Martina De Memme nei 200 stile libero nuotati in 1’59”14 che è il personale assoluto della livornese, alle spalle della cinese Shijia Wang con 1’59”89 e la statunitense Shannon Vreeland con 1’58”38.

Manca per un soffio la seconda medaglia di queste Universiadi Christopher Ciccarese che nei 200 dorso chiude quarto in 1’57”83, a 62 centesimi dal personale assoluto. Sesto posto invece per Giorgio Gaetani che segna 2’00”07 nella finale vinta dallo statunitense Jacob Pebley che chiude in 1’56”29, quarto crono mondiale, davanti al nipponico Keita Sunama con 1’57”50 ed al russo Andrei Shabasov con 1’57”68.

A dir poco interessante anche la finale dei 1500 stile libero nella quale Matteo Furlan chiude sesto in 15’13”76 con un podio ad alta velocità nel quale il primo gradino lo impegna il nipponico Ayatsugu Hirai che si inserisce prepotentemente al terzo posto nel ranking mondiale segnando 14’56”10. Alle sue spalle l’ucraino Sergii Frolov con 15’02”81 e l’altro nipponico Kohei Yamamoto con 15’03”99.

Chiude al sesto posto anche Arianna Barbieri nella finale dei 50 dorso chiusi in 28”59, 4 centesimi peggio del crono nuotato in semifinale. Oro all’australiana Holly Barratt con 28”04 seguita sul podio dalla cinese Hoi Shun Stephanie Au con 28”38 e dalla coreana Hyounji Yu con 28”38.

Ai piedi del podio la staffetta 4×200 stile libero maschile che chiude con il crono di 7’14”38 alle spalle di USA con 7’10”82, Australia con 7’13”04 e Giappone con 7’13”12.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Scatto eccellente di Martina Carraro che nella semifinale dei 50 rana ferma il crono a 30”89 con il quale migliora il Record Italiano da lei stessa nuotato al Settecolli diventando la prima italiana a rompere il muro dei 31 secondi! La Carraro arriva in finale con il terzo miglior crono insieme ad Ilaria Scarcella che segna il sesto tempo utile con 31”13.

Finale guadagnata anche per Giuseppe Gattuso che chiude con il quinto crono nei 50 stile libero nuotati in 22”38. Nella stessa gara al femminile passa anche Aglaia Pezzato segnando l’ultimo crono utile con 25”41.

Secondo e terzo crono di accesso in finale dei 200 farfalla per Stefania Pirozzi con 2’09”11 ed Alessia Polieri con 2’09”26.

Appuntamento a domani per la penultima giornata dei Giochi Mondiali Universitari a partire dalle 3:00 ora italiana.

Clicca qui per i risultati 38° Universiadi Gwangju

Clicca qui per il live streaming delle Universiadi Gwangju

Swim4Life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights