Katie Ledecky show con World Record al Kazan Arena!

Tre gli Azzurri qualificati per le semifinali e finali dopo le batterie eliminatorie di stamattina.    

Il programma gare del mattino dei Mondiali di Nuoto di Kazan è terminato con i 1500 stile libero femminili che hanno regalato forse lo spettacolo più bello vissuto fino ad ora in questi campionati. Realizza infatti qualcosa di straordinario la statunitense Katie Ledecky che aggredisce letteralmente la gara girando con una media sotto al Record del Mondo in maniera costante per tutti i 1500 metri, trascinando il pubblico presente al Kazan Arena, lo speaker, la squadra statunitense e sicuramente tutti quelli che hanno avuto la fortuna di seguire la gara in TV, dando spettacolo e una vera e propria lezione di nuoto moderno! Bracciata elegante ed incredibilmente efficace, lunga e distesa sull’acqua, tambureggiante ma senza sprecare energie che le consente di progredire in maniera impressionante. Gambe inserite gradualmente ai mille metri e via di corsa a segnare il nuovo World Record contro tutte le aspettative di queste batterie eliminatorie in 15’27”71 con il quale migliora il 15’28”36 da lei stessa nuotato nella scorsa stagione. Serve a poco l’ottima gara della danese Lotte Friis che nella batteria precedente era andata anche lei all’attacco nuotando gran parte della gara con un ritmo forsennato con una media di 1’03”/1’04” per ogni 100 metri, chiudendo in 15’54”23 che vale il secondo tempo di accesso alla finale. In terza posizione si attesa l’australiana Jessica Ashwood che segna 15’56”22.

Aurora PonselèGara positiva per una splendida Aurora Ponselè che ha voglia di riscattare il Mondiale in Acque Libere non andato nel migliore dei modi, offrendo una prestazione di ottimo livello segnando 16’12”01 che le permette nelle ultime vasche, grazie al sorpasso realizzato sulla tedesca Beck, di conquistare l’ambita finale che si giocherà domani sera. Personale abbattuto di 88 centesimi per la Ponselè che guadagna la qualificazione con l’ultimo crono utile.

«Mi sono allenata tutto l’anno per arrivare a questi mondiali in maniera lucida e gestirli in un certo modo e invece sto facendo tutto l’opposto – ha dichiarato la Ponselè a fine gara – Sono contenta però per come è andata questa gara e la finale conquistata e sono felicissima per la proposta di matrimonio ricevuta da Simone (Ruffini n.d.r.) sul podio mondiale della 25 km.»

Fuori invece Martina Caramignoli che purtroppo non riesce ad ingranare la marcia decisiva nella gara che l’ha vista salire sul podio ai Campionati Europei di Berlino 2014, nuotando in 16’27”13, ben al di sopra delle sue possibilità, chiudendo 13esima in una gara nella quale anche lei sperava di ottenere molto di più.

«Sono quattro mondiali che rincorro questa finale e anche quest’anno non è arrivata – ha dichiarato in lacrime Martina Caramignoli – ho attraversato una stagione difficile per il virus intestinale che mi ha condizionato la preparazione a metà stagione, sono riuscita a rientrare bene e fare un bel Settecolli ed un’ottima Universiade nella quale ho raggiunto la miglior forma di quest’anno, che ho cercato di mantenere anche in questi mondiali, senza però riuscirci.»

Ma il mondiale non è finito per la Caramignoli che si giocherà il tutto per tutto negli 800 stile libero che disputerà venerdì.

Nove Azzurri in gara per conquistare la qualificazione, tre qualificati per un bilancio abbastanza buono emerso dalle batterie di questa mattina iniziate con i 100 dorso femminili dominate in scioltezza dalla magiara Katinka Hosszu che ha segnato 58”78, a 66 centesimi dal Record del Mondo datato 2009 che potrà attaccare nelle semifinali e poi magari nella finale di questa specialità. Tra i primi tre tempi troviamo le australiane Emily Seebohm con 59”04 e Madison Wilson con 59”17, ma in semifinale ci arriva anche la statunitense Missy Franklin con 59”59, mentre escono purtroppo fuori Elena Gemo, 23esima con 1’01”10 che è un buon tempo considerato che è stato nuotato al mattino nelle eliminatorie, ma che purtroppo non è bastato per entrare nelle semifinali, e Margherita Panziera, 37esima con 1’02”17 che sa un po’ di amaro.

Simone_Sabbioni_Campionati_Italiani_Assoluti_Invernali_2014Si prosegue con i 100 dorso maschili che vedono l’australiano Mitchell Larkin che sfodera la migliore prestazione con 52”50 con il quale registra il nuovo Record dell’Oceania davanti allo statunitense Matt Grevers con 53”21 ed il cinese Jiayu Xu con 53”29 tra i primi tre tempi. In semifinale approdano anche il nipponico Irie Ryosuke, quinto con 53”37 e l’Azzurro Simone Sabbioni, 11esimo con un ottimo 53”83, a 34 centesimi dal Record Italiano. Fuori invece Christopher Ciccarese, 26esimo con 54”81 che non è un tempo malvagio nuotato in batteria, ma in un mondiale come questo non basta per passare il turno.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Nelle batterie dei 100 rana femminili si impone la russa Yuliya Efimova che chiude davanti a tutte in 1’06”31 dopo un passaggio fulmineo ai 50 metri in 31”08 promettendo spettacolo per le semifinali di oggi nelle quali si ritroverà tra le prime avversarie la cinese Shi Jinglin con 1’06”45 e la statunitense Jessica Hardy con 1’06”68. In semifinale nuoteranno anche la lituana Ruta Meilutyte, quarta con 1’06”75, la svedese Jennie Johansson e la giamaicana Alia Atkinson, ottave con 1’07”09 e la danese Rikke Moller Pedersen, 13esima con 1’07”39. Nelle semifinali ci sono tutte le big e c’è anche l’Azzurra Arianna Castiglioni che chiude 14esima con 1’07”52, a 43 centesimi dal personale che le consentirà di nuotare quella che si prospetta una difficilissima gara nella sessione di oggi pomeriggio. Fuori invece Ilaria Scarcella, 25esima con un buon 1’08”13, non lontana dal suo personale.

Filippo_Magnini_intervista_Swim4Life_01I 200 stile libero maschili vedono da subito il cinese Sun Yang fare la voce grossa segnando il miglior crono con 1’46”00 davanti al britannico James Guy con 1’46”10 ed il tedesco Paul Biedermann con 1’46”20. Arrivano in semifinale anche l’australiano Cameron Mcevoy, quarto con 1’46”39, il russo Danila Izotov, sesto con 1’46”65 e lo statunitense Ryan Lochte che come al solito si nasconde nelle batterie segnando un tranquillo e contenuto 1’47”18 che vale il 13esimo tempo. Nonostante la buona gara esce purtroppo fuori Filippo Magnini, 20esimo con 1’48”18 che potrebbe essere il suo ultimo risultato individuale ad un mondiale.

«Sono abbastanza contento del crono fatto – ha dichiarato Magnini a fine gara – Sto vivendo questo mondiale con molta serenità, vedo che la squadra c’è e non sto pensando che potrebbe essere il mio ultimo mondiale. Mi godo questi giorni che in teoria non torneranno e poi quando non sarò più in vasca penserò che questo era il mio ultimo mondiale. È più divertente stare tranquilli e pensare a nuotare.»

L’appuntamento per le semifinali e finali di oggi pomeriggio è fissato a partire dalle 16.30 ora italiana in diretta su Rai Sport.

Clicca qui per i risultati Mondiali Nuoto Kazan 2015

Clicca qui per tutti gli orari e le dirette TV del programma gare Mondiali Nuoto Kazan 2015

Clicca qui per la diretta Rai Sport dei Mondiali di Kazan 2015

Swim4Life All Rights Reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights