Ideati gli occhialini che aiutano a mantenere la rotta nelle gare in Acque Libere!

L’accessorio è ancora in via di perfezionamento ma è stato già approvato dalla USA Triathlon.

Quante volte capita di perdere la rotta durante una gara in Acque Libere? È una grana che talvolta può capitare anche ai nuotatori più esperti e spesso questo errore incide in maniera importante sull’esito finale di una gara. Le gare in acque libere, soprattutto quelle in mare, sono prove molto dure perché si affrontano parametri che non esistono in piscina, ovvero le correnti. Inoltre non esistono corsie, né tanto meno linee sul fondale che aiutino i nuotatori a nuotare nella direzione giusta, senza dimenticare che i percorsi non sono mai rettilinei.
L’unico riferimento che si ha nelle gare in acque libere sono le boe di segnalazione alle quali puntare di volta in volta durante la gara per mantenere la giusta rotta prevista dal percorso. Spesso diventa però difficile seguire la rotta giusta per tutte le varianti dette prima, ma questa difficoltà potrebbe essere eliminata in un futuro non troppo lontano.

Grazie al finanziamento del progetto ottenuto dall’americana Kickstarter, ben presto saranno messi in produzione un paio di occhialini che potrebbero rivoluzionare il mondo del nuoto in acque libere in quanto aiutano a mantenere la rotta durante la nuotata!
Questo nuovo modello di occhialini è ancora in via di sviluppo e perfezionamento, ma l’accessorio ideato dalla OnCourse Goggles è stato già approvato dalla USA Triathlon il che fa pensare che ben presto potrebbe rientrare anche nella valutazione della FINA al fine dell’omologazione.

Come funzionano
occhialini-segnaletici-per-mantenere-la-rotta-nuoto-acque-libereQuesti speciali occhialini sfruttano il campo magnetico terrestre orientando la rotta del nuotatore verso un punto preciso impostato dallo stesso atleta mentre è in acqua. Gli occhialini contengono infatti una bussola elettronica ad alta precisione, un accelerometro con compensazione di inclinazione ed un microprocessore grazie ai quali riescono ad individuare in maniera immediata la rotta impostata verso un punto di destinazione. Nel caso delle gare in acque libere, le ambite boe segnaletiche di percorso ed il canale finale o imbuto di arrivo in chiusura della gara.
Entrambe le lenti degli occhialini sono inoltre dotate di una luce led che trasmette segnali luminosi differenti a seconda che l’atleta stia mantenendo la rotta prefissata o meno. Quando entrambe le luci led si accendono fisse sul verde, significa che il nuotatore sta nuotando nella direzione giusta. Gli occhialini analizzeranno continuamente la direzione che si sta nuotando e segnaleranno immediatamente al nuotatore l’eventuale errore di direzione tramite i segnali emessi dai led che comunicheranno in quale verso è necessario nuotare per correggere la rotta, così come indicheranno la gravità della deviazione. La tecnologia di questi occhialini permette inoltre di compensare anche gli spostamenti dell’atleta dovuti alle correnti laterali.
Una volta raggiunta la prima boa, è necessario impostare la nuova direzione verso la boa successiva o l’imbuto d’arrivo, tenendo premuto un pulsante posto sugli occhialini mentre si guarda il punto di destinazione finale.
Gli occhialini vengono alimentati da una batteria al litio che può essere ricaricata anche tramite un collegamento USB ad un computer.

Il vantaggio che promettono questi occhialini è sicuramente quello di impiegare uno sforzo fisico inferiore e condurre una gara molto più semplice visto che praticamente azzereranno la difficoltà principale di questa disciplina acquatica.
Il supporto dotato da questi occhialini dona infatti di un enorme vantaggio ad un nuotatore in quanto con questo accessorio si potrebbero risolvere tutti i problemi dovuti alla variante incalcolabile del nuoto in acque libere che però allo stesso tempo caratterizza questa disciplina acquatica. In effetti le gare in acque libere risultano affascinanti anche per questo motivo: riuscire a mantenere la rotta è anche una conseguenza della preparazione tecnica dell’atleta e della sua esperienza. Allenarsi a mantenere la rotta incide anche sulla tecnica di nuotata che vede l’atleta nuotare con la classica bracciata a testa alta proprio per verificare il percorso, il marchio di riconoscimento di un atleta open water!
Pertanto, la domanda che curiosamente ci poniamo adesso è: i nuotatori specialisti in acque libere apprezzeranno questa innovazione?

Swim4Life All Rights Reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights