Cosa non deve dimenticare un Master che va in gara!

Dalle cose essenziali a quelle “extra”, tutto quello che un Master mette nella borsa da gara.

Stanno per ricominciare le gare e dopo un breve periodo di pausa dalle competizioni, è bene fare un ripasso di tutto ciò che non bisogna dimenticare di mettere nella borsa prima di partire, ma anche apprendere cosa si può portare in più oltre all’essenziale…

Tesserino atleta. È indubbiamente la prima cosa che non deve mancare nella borsa del Master che va in gara. Senza tesserino non si gareggia e riuscire a gareggiare con una deroga, autodichiarazione, fax della Società ed altre invenzioni in deroga a quanto previsto dal Regolamento, è sempre un’impresa che dipende dal Giudice di gara. Per non sperare di gareggiare come sperate di vincere al lotto, non dimenticate il tesserino…e poi ci avete messo così tanto per scegliere la foto adatta da sfoggiare sotto il naso dei Giudici! Under25 ricordatevi che a voi il Tesserino non basta, serve anche il Certificato Medico Agonistico.

Cuffietta. È uno degli elementi essenziali per andare in piscina, tanto più per fare una gara. In verità, alcuni atleti con capelli cortissimi non la usano neppure, ma altri la ritengono un amuleto portafortuna, un marchio di riconoscimento o più semplicemente quel qualcosa in più al quale si è affezionati e non si riesce a fare a meno per scendere in gara. Alcuni ne usano una differente per il riscaldamento e una per la gara. A voi la scelta ma l’importante è che almeno una sia messa in borsa!

Cuffietta di riserva. I più precisi ne portano sempre più di una alle gare, nel caso la prima si rompa o più semplicemente, per essere fighi cambiando cuffietta tra riscaldamento e gare e tra la prima e la seconda gara.

Occhialini. Si inizia a salire nella scala degli elementi essenziali per poter gareggiare. Se della cuffia se ne può fare a meno, agli occhialini invece non si può rinunciare! In verità c’è ancora qualche classic swimmer in giro per le vasche che nuota in stile vintage, senza occhialini, come si faceva in un tempo lontano, ma per la maggior parte dei Master, gli occhialini sono indispensabili. Alcuni ne utilizzano un paio per il riscaldamento e un paio più elaborato per la gara.

Occhialini di riserva. Come per la cuffietta, anche per gli occhialini, i più precisi ne portano sempre un paio di riserva. Non si sa mai che si rompa il primo paio, o si perda tra una camera di chiamata e l’altra, meglio averne sempre un paio di riserva. Anche qui vale inoltre anche il discorso del fare i fighi: più occhialini si sfoggiano e meglio è!

essenziale-borsa-nuoto-masterCostume. Si sale costantemente sulla scala degli “essenziali” e se della cuffietta se ne può fare a meno e degli occhialini nella peggiore delle ipotesi si nuota senza, del costume non si può proprio fare a meno! È vero, il Regolamento Tecnico non vieta di gareggiare nudi, ma non sarebbe uno spettacolo decorso presentarsi ai blocchi di partenza come mamma ci ha fatti e soprattutto il momento del “A posto” non sarebbe un bel vedere! Meglio non dimenticare il costume nella nostra borsa. Così come per gli occhialini, ma anche per la cuffietta, c’è chi usa un costume per il riscaldamento ed uno per la gara. Normalmente si utilizzano gli olimpionici per il riscaldamento, facili e veloci da indossare e quelli più tecnologici, jammer per gli uomini e knee per le donne, per fare la gara. I Master “old style” però preferiscono restare attaccati allo “slippino” anche in gara. L’importante è metterne almeno uno nella borsa!

Ciabatte. Capita di dimenticarle e in quel caso è una bella scocciatura camminare sul piano vasca a piedi nudi, se non altro perché si rischia di scivolare. Peggio ancora quando arriva il momento di fare la doccia…non dimenticatele!

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Accappatoio/Telo. Essenziale per il rilassante momento post gara, ma soprattutto per asciugarvi prima di andare via a gare concluse! Eh no, se ve lo state chiedendo, no, non è fattibile usare i fazzoletti di carta in alternativa. E poi anche l’accappatoio o il telo che sia, ci contraddistingue gli uni dagli altri grazie alle moderne fantasie prodotte negli ultimi anni, soprattutto per i teli. Può essere dunque tranquillamente considerato un elemento “essenziale” che non deve mai mancare nella borsa.

Shampoo e Bagnoschiuma. A meno che non siate all nature e vi va di tornare a casa con un’alta concentrazione di cloro sulla pelle, shampoo e bagnoschiuma sono essenziali per potervi lavare a gare concluse. Mettete un’altra spunta alla lista delle cose da mettere in borsa.

Intimo di ricambio. Sarebbe opportuno portare nella borsa anche l’intimo pulito da indossare a gare terminate. Ci si augura che questa sia abitudine di tutti e che nessuno tenda a risparmiare sulla lavatrice riutilizzando l’intimo già indossato precedentemente. Comunque, almeno qui, vale la regola che ognuno fa come vuole.

Gli accessori extra

Carta igienica. Non c’è da meravigliarsi, in tutte le squadre c’è sempre almeno un Master che si emoziona facilmente e sente il pre gara in maniera viscerale. Alcuni preoccupati clienti fissi del wc prima della gara, portano da casa anche un rotolo di carta igienica, non si sa mai che non se ne trovi disponibile al momento della necessità…certe cose non si possono rimandare!

Phon. In tutte le piscine sono installati i phon ma c’è sempre il Master di turno, spesso donna, in cerca della fantomatica presa elettrica dalla quale succhiare corrente per il suo phon personale, senza il quale, i capelli non si asciugano bene!

master-glamourCosmetici, gel per capelli, lacca, profumi. Sicuramente tutte queste cose non fanno parte degli elementi ”essenziali” che in una borsa di un Master non devono mai mancare, ma talvolta negli spogliatoi ci si imbatte anche nell’atleta “Master Glamour” che dopo le gare ha la festa dell’amico/a di turno, la serata in disco o più semplicemente, è glamour e quindi anche se deve solo tornare a casa, preferisce farlo in grande stile!

Casatiello, torte, pizze e chi più ne ha più ne metta. Alcuni si stanno chiedendo se veramente questi sono tra gli accessori extra che un Master possa portare alle gare da casa. Ebbene si, i più deboli che pare soffrano di cali di zuccheri improvvisi, devono precauzionalmente portarsi dietro gli alimenti giusti per rispondere al mancamento improvviso che spesso arriva tra la sessione del mattino e quella del pomeriggio. Generalmente questa categoria di Master si riunisce in angoli della piscina insieme ai suoi simili, consumando quanto basta per riprendersi a dovere per affrontare la seconda sessione nel pieno delle forze!

Confezione da sei di bevande energetiche. Come per gli alimenti, anche qui si parla di Master che cascano spesso in cali energetici improvvisi, tali da non poter fare a meno di portarsi alle gare una buona scorta di bevande energetiche. Meglio essere previdenti!

Masterotte e Masterotti, buone gare e soprattutto buon divertimento a tutti!

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights