Conclusione perfetta di un anno perfetto con i Campionati Italiani Assoluti invernali.

Nell’ultima giornata Silvia Scalia si conferma tra le belle novità dell’Italnuoto.

Si sono conclusi ieri sera i Campionati Italiani Assoluti invernali open che a Riccione hanno decretato l’ultimo atto del 2015 del nuoto italiano, concluso in grande stile e con grande ottimismo guardando all’anno olimpico così come hanno fatto trapelare anche le parole del CT Azzurro Cesare Butini che dopo questi campionati ha trovato sia le certezze in cui era sicuro, sia le promesse in cui sperava. Uno dei tanti nomi emersi in questo campionato è quello di Silvia Scalia. La ventenne atleta della SMGM Team Nuoto Lombardia ha fornito prove di alto livello in tutte le distanze del dorso nei quali ha vinto due medaglie d‘argento nei 50 e 200 e l’oro nei 100 metri, siglando tra l’altro il primato personale in 1’00″54 con il quale ha migliorato non di poco il precedente di 1’02″40 che aveva nuotato appena 15 giorni fa, segnando la nona prestazione italiana di sempre, mettendosi alle spalle anche Margherita Panziera del Circolo Canottieri Aniene che ha segnato 1’01″36.
Butini è apparso tranquillo e fiducioso guardando il futuro, sicuro che gli atleti di interesse nazionale si faranno trovare pronti nel momento in cui bisognerà staccare la qualificazione ai Giochi Olimpici.

Nell’ultima giornata di gare Gabriele Detti dell’Esercito/SMGM Team Lombardia ha messo la firma su questi italiani portando a quattro i suoi titoli italiani vinti in questi invernali. Agli 800 e 400 stile vinti venerdì infatti, si sono aggiunti i 1500 stile libero chiusi in 14’53″93, il suo secondo tempo di sempre ed i 200 stile libero nei quali ha messo a segno il suo miglior crono di sempre segnando 1’48″76.

Si è confermata prima donna nelle lunghe distanze anche Martina Caramignoli delle Fiamme Oro Roma/Aurelia Nuoto che dopo aver fatto suoi per la prima volta gli 800 stile, ieri ha vinto anche nei 1500 in 16’16″40, così come si è confermato miglior interprete della velocità nello stile libero Luca Dotto della Forestale/Larus Nuoto che dopo aver vinto i 100, ha portato a casa anche i 50 stile libero segnando 22″26.
silvia-di-pietro
Ottimi riscontri nella velocità pura li ha regalati anche Silvia Di Pietro della Forestale/Circolo Canottieri Aniene che dopo i 50 stile ha vinto anche i 50 farfalla segnando 26″33 ed i 100 stile libero con il primato personale di 54″52, 35 centesimi meglio del crono nuotato quest’anno agli Italiani estivi.
Bis anche per Federico Turrini dell’Esercito/Nuoto Livorno che all’oro vinto nei 400 misti, ha abbinato quello conquistato nei 200 misti segnando 2’01″11.
La sfida eterna nei 200 farfalla rosa è andata a Stefania Pirozzi delle Fiamme Oro Roma/Circolo Canottieri Napoli che con 2’09″17 ha battuto Alessia Polieri delle Fiamme Gialle/Imolanuoto che ha nuotato in 2’09″89 seguita sul podio da Francesca Stoppa della Rari Nantes Trento con 2’11″90.

Dopo il titolo con record italiano siglato nei 100 dorso nella giornata di venerdì, Simone Sabbioni dell’Esercito/Swim Pro SS9 ha vinto anche i 50 dorso segnando 25″17 sotto gli occhi del primatista italiano Niccolò Bonacchi, secondo con 25″59 e Matteo Milli del Circolo Canottieri Aniene, terzo con 25″81. Il romagnolo si è fermato invece al bronzo nei 200 dorso segnando 1’59″99 alle spalle di Luca Mencarini delle Fiamme Oro Roma/CC Aniene con 1’58″06 e Christopher Ciccarese delle Fiamme Oro Roma/Circolo Canottieri Aniene con 1’59″79.

Dopo aver vinto i 50 rana, Fabio Scozzoli dell’Esercito/Imolanuoto ha portato a casa l’argento nei 100 rana segnando 1’01″41 scambiandosi di posto con Andrea Toniato delle Fiamme Gialle/Team Veneto che dopo l’argento nei 50 rana, stavolta ha messo le mani davanti segnando 1’01″35.
Nella rana veloce al femminile si è confermata in gran forma Martina Carraro della Azzurra 91 che dopo i 100 rana ha vinto anche i 50 metri segnando 31″06 davanti ad Arianna Castiglioni delle Fiamme Gialle/Team Insubrika con 31″45 e Michela Guzzetti dell’Esercito con 31″96.
A Riccione è arrivato anche il primo titolo in carriera per Carlotta Toni della Rari Nantes Florentia che ha fatto suoi i 400 misti in 4’43″46 davanti a Luisa Trombetti delle Fiamme Oro Roma/Rari Nantes Torino con 4’44″51 e Susanna Negri della SMGM Team Lombardia con 4’47″71.

Nelle fasi finali sono emersi altri importanti riscontri dalle staffette con la 4×100 stile libero femminile del Circolo Canottieri Aniene che ha vinto l’oro con 3’42″64 facendo registrare la frazione lanciata con costume in tessuto più veloce di sempre con Federica Pellegrini che ha stampato 53″15.

stefano-moriniNel corso della sessione pomeridiana di ieri il tecnico federale Stefano Morini ha poi ricevuto la premiazione ufficiale del Trofeo Alberto Castagnetti per l’allenatore dell’anno vinto per il secondo anno di seguito, con la consegna del premio avvenuta per mano del CT Azzurro Cesare Butini.

I gialloblu del Circolo Canottieri Aniene hanno primeggiato in entrambe le classifiche di società con 182 punti nella categoria femminile e 181,5 in quella maschile.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Clicca qui per i risultati Campionati Italiani Assoluti invernali 2015

Swim4Life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine