Iscrizioni gara Rio 2016, si annuncia il duello Sjostrom contro Pellegrini nei 200 stile!

E nei 1500 stile ci sarà anche quello con Paltrinieri contro Sun Yang. Regolarmente iscritta anche la russa Yulia Efimova in attesa del CIO che deciderà domani sulla Russia alle Olimpiadi.

Saranno ufficialmente 906 gli atleti iscritti nelle 32 gare di Nuoto ai prossimi Giochi Olimpici che si terranno a Rio dal 5 al 21 agosto, in rappresentanza di 172 Federazioni, un record per le Olimpiadi avendo superato il precedente che risale a Londra 2012 con 167 delegazioni.

È quanto emerge dalla lista iscritti alle gare pubblicata ieri sul sito ufficiale della FINA, 489 uomini e 417 donne a caccia di un sogno, che sia quello di vincere la tanto ambita medaglia d’oro, raggiungere un podio, disputare una finale o semplicemente partecipare all’evento sportivo per eccellenza.

Florent Manaudou punterà tutto esclusivamente sui 50 stile che ha vinto a Londra 2012 davanti allo statunitense Cullen Jones ed al brasiliano Cesar Cielo che però a Rio non ci saranno, mentre ci saranno l’altro statunitense Nathan Adrian e l’altro brasiliano Bruno Fratus che vinsero rispettivamente l’argento ed il bronzo sempre alle spalle di Manaudou ma ai Mondiali di Kazan.

Situazione analoga nei 100 stile in cui Nathan Adrian sarà lì a difendere il titolo vinto a Londra, ma mancheranno gli altri due medagliati, James Magnussen che a Rio disputerà solo la staffetta con l’Australia ed il canadese Brent Hayden che a Rio non ci sarà, mentre ci saranno il cinese Ning Zetao che l’anno scorso ha vinto il titolo mondiale a Kazan, davanti all’altro australiano Cameron McEvoy e all’argentino Federico Grabich che in Russia salirono sul podio alle sue spalle, senza dimenticare l’Azzurro Luca Dotto che parte con il terzo crono mondiale dell’anno.

Situazione invece diversa nei 200 stile che vedranno in gara gli atleti saliti sul podio di Londra 2012, senza l’aggiunta di Cameron McEvoy che come riportato già da Swim Swam, ha rinunciato alla gara per lasciare spazio al compagno David McKeon e poter puntare più liberamente ai 50 e 100 stile.

A proposito di Russia, Yulia Efimova è regolarmente iscritta ai 100 e 200 rana anticipando probabilmente quella che potrebbe essere la decisione che il CIO comunicherà solo domani, ovvero dell’eventualità di estromettere la Russia dalle Olimpiadi in conseguenza allo scandalo del Doping di Stato emerso dal Rapporto McLaren – clicca qui per leggere la notizia – Se il CIO dovesse infatti pronunciarsi contro la Russia, le iscrizioni gara andrebbero rivisitate, cosa che riesce difficile da sostenere a questo punto.

gregorio-paltrinieriE a proposito di situazioni misteriose o poco chiare, il cinese Sun Yang è iscritto ai 200, 400 e anche ai 1500 stile libero e almeno sulla carta assisteremo al grande confronto in quest’ultima gara con Gregorio Paltrinieri, senza dimenticare ne l’australiano Mack Horton ne tanto meno Gabriele Detti, ma nemmeno gli statunitensi Connor Jaeger e Jordan Wilimovsky, mentre la svedese Sarah Sjostrom è iscritta ai 50, 100 e anche 200 stile oltre ai 100 farfalla, ragion per cui, almeno sulla carta, dovremmo finalmente assistere al duello tanto atteso e sempre rimandato (Europei di Berlino 2014 e Mondiali di Kazan 2015) con Federica Pellegrini nella sua gara in cui però la principale donna da battere sarà la statunitense Katie Ledecky. Le due si potrebbero incontrare addirittura anche nei 100 stile in cui la Pellegrini è iscritta, senza aver dato però certezza di disputare questa gara.

Per quanto riguarda le altre gare, guardando gli interessi Azzurri, Gabriele Detti nei 400 stile, Federico Turrini nei 400 misti e Piero Codia nei 100 farfalla sono quelli che nel ranking mondiale figurano nei primi otto al mondo, ma alle Olimpiadi tutto può succedere.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Clicca qui per l’elenco iscritti maschi

Clicca qui per l’elenco iscritti femmine

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine