A Rio è notte da world record, ne arrivano quattro in tre finali!

Adam Peaty riscrive ancora una volta la rana mondiale, Sjostrom, Ledecky e Oleksiak super donne. Fischi per la Russia, alla Efimova e alla 4×100 stile maschile

Incandescente la seconda giornata di finali all’Aquatics Stadium per i Giochi Olimpici di Rio che ha visto cadere quattro Record del Mondo in tre finali ricche di spettacolo e colpi di scena.

sarah-sjostrom-olimpiadi-rio-2016La finale dei 100 farfalla donne incorona la svedese Sarah Sjostrom che sale nell’Olimpo dei Dei con il crono di 55”48 Record Olimpico e Record del Mondo che va a cancellare il 55”64 che la stessa svedese aveva stabilito ai Mondiali di Kazan 2015.

«Sono molto felice, ho lavorato molto su questa gara – ha dichiarato Sarah Sjostrom a fine gara – Finalmente in questa olimpiade sono riuscita a prendere questo successo in questa distanza.»

oleksiak-olimpiadi-rio-2016Alle spalle della campionessa svedese si piazzano la sedicenne canadese Penny Oleksiak che si aggiudica l’argento con 56”46 strappando il Record Mondiale Juniores cancellando il 57”63 della cinese Xinyi Chen stabilito ai Mondiali di Kazan 2015. Completa il podio la statunitense Dana Vollmer con 56”63.

Che spettacolo che ha offerto la finale dei 100 rana uomini che già dalle batterie avevano vissuto emozioni incredibili con il britannico Adam Peaty che andava a riscrivere il limite mondiale portando il primato a 57”55. Ebbene il britannico Adam si è decisamente superato, nonostante la sua classica partenza caratterizzata da una lenta subacquea, ma che in poche bracciate l’ha visto recuperare il gap rispetto agli avversari e guadagnare la testa della gara già ai primi trenta metri. Velocissimo il passaggio a metà gara (26”61) che lo proietta dritto verso la vittoria che otterrà con il crono finale di 57”13. Per lui si tratta del primo oro olimpico in carriera con Record Olimpico e nuovo Record del Mondo migliorato di ben 42 centesimi.

«Quello che sono riuscito a fare  è la gara perfetta – ha dichiarato Adam Peaty a fine gara –Se tu lavori duro puoi ottenere qualsiasi risultato. Non immaginavo di poter arrivare fino a questo ma lavorerò ancora per migliorarmi.»

Non c’è storia per gli avversari e per il sudafricano Cameron Van Der Burgh, campione olimpico uscente, che si prende l’argento con 58”69 davanti allo statunitense Cody Miller con 58”87.

katie-ledecky-wr-400-free-olympic-games-rio-2016Era attesissima la finale dei 400 stile donne e dopo i due primati mondiali battuti poco prima si attendeva il terzo che non è tardato ad arrivare con l’Aliena statunitense Katie Ledecky che conquista l’oro olimpico in 3’56”46clicca qui per leggere la notizia Argento per la britannica Jazz Carlin con 4’01”23 e bronzo per la statunitense Leah Smith con 4’01”92. La campionessa europea di Londra l’ungherese Boglarka Kapas chiude al quarto posto con 4’02”37.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

michael-phelps-olympic-games-rio-2016Non manca lo spettacolo nella finale della staffetta 4×100 stile uomini che vede trionfare con orgoglio e strapotenza la formazione degli Stati Uniti con Caeleb Dressel (48″10), Michael Phelps (47″12), Ryan Held (47″73) e Nathan Adrian (46″97) con 3’09″92. Per il cannibale di Baltimora, ritornato ad alti livelli dopo il ritiro di Londra 2012, si tratta della 23esima medaglia olimpica. Argento per la Francia composta da Mehdy Metella (48″08), Fabien Gilot (48″20), Florent Manaudou (47″14) e Jeremy Stravius (47″11) con 3’10″53. Chiude il podio il bronzo dell’Australia con James Roberts (48″88), Kyle Chalmers (47″38), James Magnussen (48″11) e Cameron Mcevoy (47″00) con 3’11″37. Da notare che anche in occasione delle staffette non sono mancati fischi alla formazione della Russia.

Passando alle semifinali dei 200 stile uomini che vedono davanti a tutti il cinese Sun Yang con 1’44”63, crono che costituisce la migliore prestazione mondiale stagionale, davanti al giapponese Kosuke Hagino con 1’45”45 e dallo statunitense Conor Dwyer con 1’45”55. La seconda serie della distanza avevano visto un incredibile partenza del sudafricano Chad Le Clos che a metà gara ha effettuato il forte passaggio di 50”70 per poi calare nella seconda parte accedendo alla finale con il settimo tempo.

yulia-efimova-olimpiadi-rio-2016La semifinale dei 100 rana donne vede favoritissima l’atleta russa Yulia Efimova che con la sua classica nuotata fluida e incantevole chiude con 1’05”72, tra una serie di fischi provenienti dalle tribune dell’Aquatics Stadium a causa della sua riammissione ai Giochi Olimpici avvenuta solo pochi giorni dopo la questione del Doping di Stato della Russia annunciata in anteprima italiana da Swim4life Magazine – clicca qui per leggere la notiziaAccede in finale con il primo tempo la statunitense Lillia King con 1’05”70 seguita dalla cinese Jinglin Shi con 1’06”31. In quarta piazza troviamo la campionessa olimpica in carica Ruta Meilutyte, apparsa appesantita e non al meglio della condizione, con 1’06”44.

«Mi sento molto bene – ha dichiarato Ruta Meilutyte a fine gara – Sono supportata dai miei familiari, dai miei sponsor. Preferisco gareggiare con atlete pulite, ma in genere non mi piace guardare le mie avversarie. Punterò a fare il massimo.»

La semifinale dei 100 dorso uomini vede davanti a tutti lo statunitense Ryan Murphy con 52”49 seguito dal connazionale David Plummer con 52”50 e dall’australiano Mitchell Larkin con 52”70. Quarto Camille Lacourt con 52”72.

La semifinale dei 100 dorso donne vedono l’accesso in finale con il primo crono per la statunitense Kathleen Baker con 58”84 davanti alla magiara Katinka Hosszu con 58”94 e la cinese Yuanhui Fu con 58”95.

Appuntamento fissato per le 18.00 ora italiana, per le batterie di qualifica dei 200 stile donne con Federica Pellegrini e Alice Mizzau, 200 farfalla uomini e 200 misti donne con Sara Franceschi e Luisa Trombetti della terza giornata dei Giochi Olimpici di Rio, trasmesse in diretta su Rai Sport.

Clicca qui per i Risultati Gare in tempo reale del Nuoto dei Giochi Olimpici di Rio 2016

Clicca qui per il Calendario Gare del Nuoto e gli orari della diretta televisiva

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Ciro Porzio

Consulente informatico, matematico con la passione per le statistiche e apprendista nuotatore. Ricopre diversi ruoli di responsabilità in Swim4Life Magazine.