Atos Partner IT Rio 2016: innovazione, sicurezza e digitalizzazione dei Giochi Olimpici!

L’evoluzione tecnologica di cui Atos è promotore non conosce confini

Atos SE (Società Europea) è leader nei servizi digitali con un fatturato annuo di circa 12 miliardi di euro e 100mila dipendenti in 72 Paesi. Fornisce servizi di Consulting & Systems Integration, Managed Services & BPO, Cloud Operations, Big Data & Security Solutions e Transactional Services attraverso Worldline. Grazie alla sua comprovata competenza tecnologica e ad una profonda conoscenza del settore, il Gruppo collabora con clienti globali nelle diverse aree di business: Difesa, Finanza, Sanità, Media, Manufacturing e Retail, Utilities, Settore Pubblico, Telecomunicazioni, Trasporti. Non poteva dunque esserci Worldwide Information Technology Partner migliore per i Giochi Olimpici e Paralimpici di Rio, dove Atos si è schierata ai blocchi di partenza con i suoi 11mila atleti provenienti da 207 Paesi che dal 6 agosto si stanno sfidando in 42 discipline di 28 sport. In realtà Atos affianca i Giochi Olimpici dall’edizione invernale del 2002, proseguendo poi con l’edizione di Torino 2006.

atos-screen-high-resIn qualità di Worldwide IT Partner del Comitato Olimpico Internazionale, il Gruppo ha realizzato la sofisticata infrastruttura tecnologica della manifestazione sportiva con sicurezza, innovazione e digitalizzazione che rappresentano l’anima di Atos, artefice delle Olimpiadi più connesse di tutti i tempi. La società francese in questi importanti giorni sta mettendo a disposizione tutto il suo know per assicurare una vera “digitalizzazione” del massimo evento sportivo mondiale: l’Olympic Video Player, che fornisce in tempo reale risultati, statistiche, biografie e commenti sui social media, il Games Management System, che gestisce la pianificazione e l’accredito di oltre 300mila persone, tra volontari, atleti e giornalisti e l’Information Diffusion System, gestito direttamente dal TOC (Technology Operation Center) che mette a disposizione dei commentatori e dei giornalisti dotati di touch screen i risultati delle gare di tutte le discipline.

«L’evoluzione tecnologica di cui Atos è promotore non conosce confini – commenta in una nota Giuseppe Di Franco, Chief Executive Officer di Atos Italia – La nostra forza è racchiusa nell’armoniosa unione tra innovazione, persone e business. L’appuntamento olimpico è l’emblema che mette in risalto la consolidata esperienza e il know how maturati dai nostri business technologists e che ci proietta anche nelle future sfide, tra cui quella delle Olimpiadi di Tokyo 2020.»

Tra le soluzioni fornite durante questi Giochi Olimpici, anche l’app myInfo+ che permette alle varie testate accreditate, agli atleti, agli allenatori e ai partner ufficiali, di selezionare contenuti, classifiche, informazioni di trasporto e calendari gara.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Ciro Porzio

Consulente informatico, matematico con la passione per le statistiche e apprendista nuotatore. Ricopre diversi ruoli di responsabilità in Swim4Life Magazine.