Ryan Lochte allo sbando, silurato da USA Swimming, dal Comitato Olimpico USA e adesso anche dalla TV!

Sospeso per dieci mesi dopo la bravata di Rio ed escluso dai possibili convocati dei Mondiali di Budapest, adesso rischia di essere silurato anche dal programma TV Watch Dancig with the Stars

Un’intera carriera mandata all’aria per una bravata, questo è quello che ha fatto Ryan Lochte con l’episodio che lo ha visto protagonista a Rio de Janeiro subito dopo le Olimpiadi, nel quale avrebbe finto di aver subito una rapina mai avvenuta insieme ai suoi compagni di nazionale Gunnar Bentz, Jack Conger e Jimmy Feigen.

Le conseguenze di questa bravata sono scaturite dopo poche ore dai fatti, con la perdita di tutti gli sponsor che sostenevano lo statunitense, a cominciare da Speedo che il 22 agosto ha annunciato di porre fine alla sponsorizzazione dell’atleta, distinguendosi però nella scelta destinando 50mila dollari, una parte dei soldi che avrebbe dovuto percepire Lochte, a Save the Children, charity partner di Speedo, per finanziare progetti di sviluppo per i bambini in Brasile.

“Per quanto abbiamo avuto un rapporto vincente con Ryan per oltre un decennio ed egli sia stato un membro importante del team Speedo, non possiamo tollerare un comportamento così in contrasto con i valori di questo marchio – È quanto dichiarava Speedo con la sua scelta – Apprezziamo i suoi molti successi e speriamo che possa superare questo momento, traendo insegnamento da questa vicenda.”

ryan-lochte-dancing-with-starA catena, Lochte è stato mollato anche da Ralph Lauren e da tutti gli altri sponsor, andando incontro ad un danno economico personale non da poco, ma probabilmente quello che è peggio è arrivato dopo, con il provvedimento disciplinare ufficializzato il 9 settembre scorso dal Comitato Olimpico degli Stati Uniti e USA Swimming, particolarmente incisivo proprio per Lochte:

  • Sospeso dalle competizioni della nazionale nazionali ed internazionali USA per 10 mesi, fino al 30 giugno 2017, tra cui i Campionati Nazionali 2017, cosa che lo rende non convocabile per Campionati del Mondo di Budapest 2017
  • Durante la sospensione resterà senza stipendio mensile da USA Swimming o la USOC
  • Durante la sospensione non potrà ricevere nessun sostegno diretto o semplicemente accedere ai centri di allenamento o altre strutture del USOC
  • Perderà tutti i finanziamenti ottenuti con la medaglia d’oro vinta alle Olimpiadi di Rio pari a circa 100mila euro
  • Presterà 20 ore di servizio alla comunità
  • Non gli sarà consentito di unirsi al Team USA per la visita alla Casa Bianca ed al Presidente Barack Obama relativamente a quanto conquistato ai Giochi di Rio dalla squadra
  • Non gli sarà consentito di partecipare all’evento annuale “Golden Goggles” di USA Swimming nel 2016

Insomma, un provvedimento particolarmente pesante per l’atleta, che mina seriamente la sua carriera visto i suoi 32 anni. I Mondiali di Budapest sarebbero potuti essere infatti la sua ultima competizione prima del ritiro, ma dopo questo provvedimento, probabilmente la carriera di uno dei nuotatori più forti di sempre potrebbe essere già terminata.

ryan-lochtePochi giorni fa si è espresso anche il Comitato Internazionale Olimpico, definendo per sua fortuna adeguata la punizione già adottata dal Comitato Olimpico Statunitense e da USA Swimming, ritenendo quindi inopportuno infierire sull’atleta. Ma, coerentemente con il suo modo di apparire, a tutto questo Lochte sembra fare uno sbuffo come se nulla di tutto ciò fosse grave per lui, citando Albert Einstein sul suo profilo Twitter: “La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l’equilibrio, devi continuare a muoverti”.

E in movimento, Lochte si è messo subito, diventando uno dei protagonisti di Watch Dancig with tha Stars, la versione americana di Ballando con le Stelle dove però ha già riscontrato grossi problemi dopo la prima puntata andata in onda due giorni fa. L’esibizione di Ryan Lochte e la sua partner Cheryl Burke sotto le note quasi ironiche di “Call Me Irresponsible” di Michael Bublè, è stata infatti interrotta da due uomini che hanno tentato di salire sul palco per aggredire Lochte, arrestati poi con l’accusa di violazione di domicilio. Durante l’episodio, c’era anche un gruppo di donne che indossando magliette con il simbolo anti-Lochte, hanno cantato “Bugiardo, Bugiardo”, prima di essere messe fuori dagli addetti alla sicurezza.

Lochte è adesso sotto votazione e quindi giudizio del pubblico americano che non sembra essergli vicino in questo momento delicato della sua vita, rischiando di essere da loro silurato subito dopo l’esordio.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Riflettendo, è davvero un peccato che un atleta come Ryan Lochte non sarà più ricordato per aver vinto quattro volte di seguito i Mondiali nei 200 misti in cui detiene anche il Record Mondiale, per le sue impressionanti subacquee diventate il suo marchio di fabbrica e per le numerose vittorie ai Giochi Olimpici a partire dall’edizione di Atene 2004 fino a quella di Rio 2016, ma per questo episodio che ha inevitabilmente macchiato tutto ciò che ha fatto in vasca.

ryan-lochte-kayla-rae-reidCome prenderà tutte queste cadute la sua fidanzata modella ed ex coniglietta di Playboy Kayla Rae Reid?
Ricordate la scena del film Ogni maledetta domenica di Oliver Stone, quando Cap Rooney interpretato da Dennis Quaid, il giocatore della squadra Football degli Sharks allenati da Tony D’Amato interpretato da Al Pacino, viene messo in panchina per far posto al più giovane Willie Beamen interpretato da Jamie Foxx che prende il sopravvento diventando la nuova star della squadra oscurando la fama di Rooney? La moglie di Rooney perde il controllo pensando di dover rinunciare alla notorietà avuta grazie al marito, prendendolo addirittura a schiaffi quando lui pensa al ritiro dopo aver subito un serio infortunio ed avendo raggiunto anche una certa età.

Non possiamo sapere se finirà con Kayla Rae Reid che prende a schiaffi Ryan Lochte, ma una cosa è certa, Ogni maledetta domenica si vince o si perde, resta da vedere se si vince o si perde da uomini”.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine