Il grande valore dei nonni per i nuotatori!

Spesso rappresentano una figura essenziale per gli atleti di tutte le età e spesso sono fonte di energia per affrontare il nuoto tutti i giorni

Nelle scorse settimane la descrizione delle tipologie di genitori che si incontrano alle gare dei giovanissimi ha destato grande curiosità e interazione dei nostri lettori che mossi dall’istinto genitoriale, si sono riconosciuti in una, piuttosto che nell’altra categoria, contribuendo a dar vita ad un acceso dibattito sulla nostra pagina Social. Ed in verità la gestione dell’attività sportiva extrascolastica delle giovani generazioni deve obbligatoriamente passare attraverso chi esercita la potestà sul minore, non potendo agire, o semplicemente muoversi, senza l’ausilio di un adulto.
È inevitabile allora che nello sport praticato dai ragazzi si rispecchia la realtà familiare ed ambientale nella quale questi vivono e crescono, che spesso ha diramazioni tali da divenire un nucleo complesso di affetti e legami parentali.
Molti genitori impegnati in giornate piene di oneri, si affidano allora a parenti prossimi che oltre ad aiutare logisticamente, si appassionano allo sport praticato dai piccoli, fino a diventare presenza importante ed irrinunciabile agli impegni sportivi dei pargoli. Chi ha la fortuna di avere la figura dei nonni nella propria vita, sicuramente può cogliere l’importanza della loro presenza.

nonni, attraverso i giochi e le dimostrazioni del loro affetto, possono rafforzare e consolidare le capacità dei nipoti, soprattutto incoraggiandoli nello sviluppo della loro fantasia, creatività e nel raggiungimento dei loro sogni. Essi si trovano in una fase della loro vita meno competitiva che li rende capaci di ascoltare con serenità e calma i nipoti, di sentire le loro emozioni, di comprendere i bisogni più profondi, di meravigliarsi delle loro scoperte, in altre parole di entrare in sintonia con loro.
C’è da considerare inoltre che i nonni sono forse gli unici in grado di regalare ai piccoli nipoti il dono più prezioso della vita: il tempo. Ciò permette al bambino, la cui percezione del tempo è rallentata, di sentirsi particolarmente a suo agio, in quanto la fretta di assolvere le varie incombenze della giornata, lascia spazio alla calma, al silenzio e le cose vengono vissute nella loro dimensione umana. Queste peculiarità si riscontrano nello speciale rapporto che nasce quando i nonni si appassionano allo sport praticato dai nipoti. Nel nuoto possiamo ritrovare cinque caratteristiche che fanno dei nonni degli ottimi supporter dei giovani nuotatori.

nonno-nuotatoreSono felici di essere lì
I nonni non portano orologi. Non hanno fretta, non si agitano fuori dalla piscina aspettando che l’allenamento sia finito perché in genere non hanno altri impegni e sono felicissimi di utilizzare il proprio tempo per godersi questa parte così importante della vita dei nipoti. Si siedono nelle tribune ed ammirano con devozione i piccoli progressi in acqua dei nipoti, godono dell’intero spettacolo sorridendo ad ogni tuffo, ad ogni bracciata e ad ogni vasca nuotata. Non si trattengono dall’esternare complimenti per qualsiasi cosa facciano i bambini in acqua.

Non sono focalizzati sui risultati
I nonni sono meno competitivi rispetto ai genitori. Davanti a loro la vita si prospetta come un quadro complesso ed il tempo assume una rilevanza assoluta. Questo che vivono insieme ai nipoti è parte di quel quadro e ne godono di ogni momento senza particolari fini o scopi. Una vittoria o una sconfitta hanno soltanto il significato di una tappa della crescita e danno importanza più alla condivisione del momento che al risultato.

Non sono in contrasto con gli allenatori
Di genitori che si confrontano con gli allenatori, spesso anche con toni poco cordiali, ne vediamo tutti i giorni purtroppo. I nonni non criticano, osservano con gioia e nutrono molto rispetto verso il lavoro del prossimo in generale e di chi si prende cura dei nipoti in particolare.

grandfather-with-swimmerSi sentiranno utili
I nonni sono una componente essenziale per le famiglie composte da genitori che lavorano. Ormai sia le mamme che i papà possono loro malgrado dedicare sempre meno tempo alle attività extra scolastiche dei figli, che rischiano così di dover trascorrere pomeriggi interi con estranei. Scegliere un corso di nuoto è un passaggio importante nella vita familiare che coinvolge tutti. Non sempre gli impianti sportivi sono facilmente raggiungibili. Molti devono affrontare pomeriggi in macchina, tra traffico ed impegni che si accavallano. Delegare questo onere ai nonni farà sentire loro sicuramente utili, quasi indispensabili all’armonia della famiglia, facendo risparmiare anche risorse economiche di non poca importanza.

Viziano i nipoti col cibo
Noi genitori siamo diventati poco permissivi con il cibo. Cerchiamo di imporre alla famiglia questo o quel tipo di alimento, rigorosamente bio e rigorosamente povero di grassi. Abbiamo perso un po’ il contatto con l’aspetto gioviale e siamo forse un po’ troppo concentrati su ingredienti e calorie. I nonni no! La maggior parte dei nonni ignora con piacere la tabella nutrizionale e riserva al nipotino nuotatore un bel premio per la fatica profusa in acqua, magari condito da un bel “non dirlo a mamma e papà che lo hai mangiato”!

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Giusy Cisale

Giusy Cisale

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*