Nuoto Paralimpico, Azzurri sempre da podio agli Europei!

Tre medaglie in meno di un’ora per il team Italia in attesa dell’epilogo della serata in corso di svolgimento

Serata entusiasmante ed emozionante quella della quinta serata di finale dei Campionati Europei di Dublino che dopo l’oro con Record del Mondo di Carlotta Gilli nei 200 misticlicca qui per saperne di piùvede arrivarealtre tre medaglie.

Finale mozzafiato quella dei 100 farfalla S10 maschile che vedono Stefano Raimoni lottare tra il secondo e il terzo posto fino alla fine, subendo però la rimonta dell’ucraino Maksym Krypak negli ultimi metri che gli soffia l’argento chiudendo davanti in 54”83, seguito dall’atleta della Rari Nantes Verona che però migliora il Record Italiano detenuto con 56”50 fermando il crono a 55”86 che gli vale il bronzo europeo.

“Sono stanco, tre giorni di gare sono tanti e non sono abituato – ha dichiarato Raimondi – Finalmente è arrivato un bel sorriso, approfitto per salutare i miei nonni che mi seguono da casa”

Non riesce mai ad inserirsi nella lotta per il podio Riccardo Menciotti che però chiude quarto con il crono di 59”49 nella finale vinta dall’altro ucraino Denys Dubrov con 54”78.

“Le sensazioni non erano buonissime – ha dichiarato Menciotti – Il tempo mi soddisfa a metà, il delfino non sono riuscito a nuotarlo molto quest’anno ma è un quarto posto che mi porto a casa”

Non basta a Martina Rabbolini nuotare il personal best per conquistare il podio, dal quale disterà una posizione al termine della finale dei 200 misti SM11 in cui si piazza in 3’07”27 alle spalle delle ucraine Yana Berezhna con 3’01”04 e Maryna Piddubna con 2’53”76 e dell’olandese Liesette Bruinsma che chiude con il Record del Mondo fissato a 2’46”58 migliorando di 33 centesimi il precedente della neozelandese Mary Fisher del 2012.

“Ho abbassato di tre secondi il mio migliore – ha dichiarato Martina Rabbolini – Sono contentissima del mio crono e questo mi soddisfa. Non sono riuscita ad agganciare il podio ma le mie avversarie stando andando davvero forte. Lavorerò per il futuro per dare il massimo anche io”

La finale maschile dei 200 misti SM11 vede invece il sesto posto del 18enne Salvatore Urso che chiude in 2’52″47 migliorando però il Record Italiano di 2’54″36 detenuto da Federico Bassani dalla scorsa stagione che, anche lui in finale, chiude ottavo con il tempo di 2’57″41.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

“Contentissimo per il record italiano – ha dichiarato Salvatore Urso – Non potevo ambire alla medaglia, visto la caratura degli avversari. Quindi il mio oviettivo era solo ed esclusivamnete il tempo e sono davvero soddisfatto del risultato”

“Oggi non è andata benissimo – ha dichiarato Federico Bassani – Non sono molto in forma. Ho fatto lo stesso tempo di questa mattina, ma va bene così, complimenti a Salvatore Urso per lo splendido risultato”

Azzurri ancora sul podio con l’argento vinto da Alessia Berra nei 200 misti SM12 chiusi in 2’36”74 alle spalle della tedesca Elena Krawzow con 2’31”61. Metà gara a testa per le due, con l’Azzurra davanti fino alla frazione a rana, in cui perde posizione sotto l’attacco della tedesca che poi chiude abbondantemente davanti alle avversarie, con la connazionale Neele Labudda che chiude il podio in 2’43”79.

“Ho provato un po’ a stare dietro alle mie avversarie, ma poi h o pensato di dover risparmiare anche qualcosa per la staffetta – ha dichiarato Alessia Berra – La staffetta è una gara importante in cui si sente ancora di più il senso di squadra”

Chiude quarto invece Fabrizio Sottile che nei 200 misti SM12 nuota in 2’27”00 alle spalle dell’olandese Rogier Dorsman con 2’20”40 e degli ucraini Danylo Chufarov con 2’15”78 e Iaroslav Denysenko con 2’12”67.

“Al quinto giorno di gare inizio a sentire che le energie stanno finendo – ha dichiarato Fabrizio Sottile – Ho avuto difficoltà dopo il dorso, ho cominciato ad avere un risentimento nelle braccia e nella rana non riuscivo ad aprire bene la bracciata. L’ultimo 50 ero troppo contratto e non riuscivo a dare il massimo”

Bronzo nella emozionante finale dei 100 farfalla S10 per la primatista europea Alessia Scortechini, in cui aggancia l’ultimo gradino del podio dopo un testa a testa che negli ultimi quindici metri ha favorito le avversarie. Bella gara per l’atleta del Circolo Canottieri Aniene che tiene testa all’olandese Lisa Kruger che vince in 1’07″82 e alla polacca Oliwia Jablonska che conquista l’argento in 1’07″86, arrivando quasi a contendersi l’oro chiudendo poi terza in 1’08″25.

“Non è la medaglia in se che non mi soddisfa, ma più che altro è il tempo – ha dichiarato Alessia Scortechini – Speravo di fare meglio del tempo che ho fatto, sono contenta a metà, speravo di andar meglio, ma va bene così”

Gare in corso di svolgimento, commentate attentamente da Swim4Life Magazine e in diretta su RAI Sport con il commento di Tommaso Mecarozzi e Federica Fornasiero, coadiuvati da Arianna Secondini in zona mista.

Clicca qui per i risultati completi

Clicca qui per Programma Gare, Start-List gare, copertura Televisiva e convocati Azzurri FINP

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Swim4Life Magazine contribuisce dal 2011 a:

  • divulgare l’informazione sul nuoto della categorie Assoluti, giovanili, Paralimpici e Master
  • divulgare informazioni di interesse generale in merito ad alimentazione, salute, tecniche di nuotata e allenamenti
  • divulgare informazioni di interesse generale a riguardo dell’ambientamento bambini all’attività natatoria

Inoltre segue da vicino gli eventi più importanti di nuoto regalando migliaia di immagini realizzate da bordo vasca, offre notizie di anteprima e interviste ai protagonisti del nuoto di tutte le categorie, oltre ad allietare i lettori con svariati argomenti di Lifestyle.

Se il lavoro svolto fino ad oggi ti piace e ti farebbe piacere trovare sempre disponibile e aggiornato Swim4Life Magazine anche in futuro, abbiamo bisogno del tuo contributo.

Aiutaci a sostenere le spese necessarie a mantenere vivo questa Testata Giornalistica Registrata donando a tuo piacere per la nostra attività, te ne saremo immensamente grati!

Ciro Porzio

Consulente informatico, matematico con la passione per le statistiche e apprendista nuotatore. Ricopre diversi ruoli di responsabilità in Swim4Life Magazine.