Nuoto, Mack Horton sdegna Sun Yang durante la premiazione dei 400 stile

Il gesto di protesta durante la cerimonia dei Mondiali di Gwangju arriva dopo il litigio avvenuto durante gli allenamenti dei giorni scorsi

Un Mondiali di fuoco quello di Gwangju e non solo per gli strepitosi e a tratti sorprendenti risultati che hanno caratterizzato la prima giornata, ma anche per i retroscena che si sono manifestati nelle ultime 72 ore.

Nei giorni in cui precedevano l’inizio della competizione infatti, ci sono state scintille tra l’australiano Mack Horton e il cinese Sun Yang durante le fasi di allenamento nella piscina del Nambu International Aquatics Center di Gwangju che ospita la 18esima edizione dei Campionati Mondiali di Nuoto FINA. Sun Yang incrociando Horton sul piano vasca lo ha salutato, senza ricevere ricambio dall’australiano che avrebbe affermato “Non ho tempo da perdere con chi bara”.

Poi lo scontro freddo tra i due si è ripetuto durante la Cerimonia di premiazione dei 400 stile libero vinti proprio dal cinese e che hanno visto sul podio anche Horton e l’Azzurro Gabriele Detti. Dopo l’inno cinese, Horton si è infatti rifiutato di avvicinarsi a Sun per la foto di rito del podio che ha visto quindi l’australiano distante e con lo sguardo nel vuoto per alcuni minuti imbarazzanti.

Horton aveva invitato Detti a fare la stessa cosa ma il livornese, pur rispettando la decisione dell’australiano, ha deciso di fare diversamente.

Ricordiamo che il pluricampione olimpico e mondiale cinese venne trovato positivo ad uno stimolante nel 2014, ma fu clamorosamente sospeso dalla federazione cinese solo per tre mesi, in tempo per partecipare ai Giochi Asiatici, mentre lo scorso settembre è stato protagonista in negativo della vicenda che sta spopolando in tutto il mondo, distruggendo a martellate alcune provette contenenti il suo sangue prima che venisse analizzato per l’antidoping, un fatto su cui la Wada, organo mondiale per l’antidoping, sta indagando portando il caso in esame al TAS che però emetterà sentenza a settembre, ovvero poco dopo i Campionati Mondiali.

“Le sue azioni e il modo in cui è stata gestita tutta la faccenda la dicono lunga – ha affermato Horton dopo la cerimonia di premiazione dei 400 stile libero – Sun Yang è un truffatore dopato”

Non è mancato il disappunto del cinese che ha risposto con un “Horton mi ha mancato di rispetto” mentre ha glissato Gabriele Detti, bronzo iridato della gara, affermando che “Sun ha vinto con merito. Se sta qui vuol dire che poteva partecipare a prescindere dalle chiacchiere che girano”.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Swim4Life – All rights reserved

Swim4Life Magazine contribuisce dal 2011 a:

  • divulgare l’informazione sul nuoto della categorie Assoluti, giovanili, Paralimpici e Master
  • divulgare informazioni di interesse generale in merito ad alimentazione, salute, tecniche di nuotata e allenamenti
  • divulgare informazioni di interesse generale a riguardo dell’ambientamento bambini all’attività natatoria

Inoltre segue da vicino gli eventi più importanti di nuoto regalando migliaia di immagini realizzate da bordo vasca, offre notizie di anteprima e interviste ai protagonisti del nuoto di tutte le categorie, oltre ad allietare i lettori con svariati argomenti di Lifestyle.

Se il lavoro svolto fino ad oggi ti piace e ti farebbe piacere trovare sempre disponibile e aggiornato Swim4Life Magazine anche in futuro, abbiamo bisogno del tuo contributo.

Aiutaci a sostenere le spese necessarie a mantenere vivo questa Testata Giornalistica Registrata donando a tuo piacere per la nostra attività, te ne saremo immensamente grati!

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine