Mondiali Master Gwangju, italiani padroni del mezzofondo, pokerissimo nei 400 stile!

Ori per Claudio Berrini, Dino Schorn, Igor Piovesan, Matteo Montanari e Nicola Nisato con Record Europeo, Franca Bosisio nei 50 dorso e Carlo Travaini nei 50 rana. Argenti per Francesco Pettini e Maurizio Tersar, bronzi per Daniela Sabatini e Lorenzo Giovannini. Il medagliere degli italiani conta 67 medaglie

Cala il sipario sui Mondiali Master FINA disputati a Gwangju. La rassegna iridata coreana ha visto gli italiani conquistare in quest’ultima giornata 12 medaglie, che con le 55 dei giorni scorsi portano il medagliere a 67 medaglie (31 ori, 26 argenti, 10 bronzi). Inutile dire che il confronto del medagliere con l’edizione di Budapest 2017 (107 medaglie, ndr) vede un divario netto condizionato però esclusivamente dal numero di italiani che hanno partecipato alle due edizioni. La differenza sta sicuramente sul fatto che la capitale ungherese era più facilmente raggiungibile della cittadina coreana. Complessivamente i numeri della partecipazione ai mondiali di Budapest 2017 furono nettamente più alti di quelli di Gwangju 2019.

Katharina Flora, Nicholas Alfred Neckles

Due Record Mondiali, entrambi nei 50 dorso, stabiliti nell’ultima giornata ancora dalla nonnina ungherese Katharina Flora, Master80 della Debreceni Szenior Uszo Klub, che nuota in 49″92 e dall’atleta delle isole barbados Flying Fish Nicholas Alfred Neckle, Master40 delle Barbados Masters con 27″13

La gara dei 400 stile libero portano in auge il talento dei mezzofondisti italiani che in Corea conquistano addirittura cinque ori e due bronzi. Gradino più alto del podio per Claudio Berrini, Master65 della Nuoto Master Brescia, con 5’13″60 così come Dino Schorn, Master50 de Il Delfino Napoli è campione mondiale in 4’25″49.

“Tengo veramente tanto a ringraziare il mio tecnico Gianni Butera che dopo la perplessità iniziale ha accettato di seguirmi quotidianamente a 700 km di distanza – racconta Dino Schorn ai microfoni di Swim4life Magazine – Gli avevo proposto una collaborazione biennale che culminasse qui a Gwangju: tra europei e mondiali nella mie quattro gare a sl mi ha fatto ottenere otto medaglie (un solo bronzo) oltre a due record europei e a cinque italiani. E sono molto grato a Il Delfino Napoli, mia squadra dal 2013, che a me e alla mia compagna Paola – ringrazio anch’essa pubblicamente per avermi sempre assecondato e sopportato durante i momenti delicati – ci ha sempre fatto sentire come a casa nostra e per il fondamentale sostegno senza il quale quasi sicuramente non sarei potuto venire fino a qua in Corea”

Oro anche per Igor Piovesan, Master45 della Natatio Master Team con 4’16″55Nicola Nisato, Master40 della D.L.F. Nuoto Livorno che con 4’08″67 stabilisce anche il Record Europeo migliorando il 4’11”04 dei campionati italiani di Riccione 2017 di Samuele Pampana.

“Sono molto contento per il record europeo stabilito oggi nei 400 – racconta Nicola Nisato sicuro ai microfoni di Swim4life Magazine – erano due anni che non riuscivo a nuotare su questi tempi, molto importante è stato avere affianco Matteo Montanari che fino a metà gara mi ha portato a fare un ottimo passaggio, poi sono riuscito a tenere molto bene fino alla fine e chiudere forte! Certo questi 400 erano un po’ un’incognita perché gestire una settimana di gare non è semplice in questi contesti nonostante l’ottimo stato di forma, però con due ori e due record,uno del mondo uno europeo, non mi posso certo lamentare“

L’ultimo oro sulla distanza è di Matteo Montanari, Master30 della Esc  Brescia che con 4’04″17 ottiene il miglior crono assoluto sulla distanza e il titolo mondiale e il Record Italiano polverizzando il vecchio limite di Igor Piovesan di 4’10″14 datato febbraio 2008.

“È stata una settimana piena e complicata per tanti motivi: fuso orario, alimentazione e poca vita fuori dalla piscina – racconta Matteo Montanari ai microfoni di Swim4life Magazine – In generale sono stati 8 mesi di duri allenamenti, cercando di far conciliare sempre tutto e penso di esserci riuscito alla grande. Sono contento di questi campionati dai quali torno a casa completamente soddisfatto natatoriamente parlando (la ciliegina sulla torta sarebbe stato 4.03.9 ma sono dettagli), con tante certezze e convinzioni anche al di fuori del nuoto. Un pensiero va quindi a tutto il gruppo Italia qui a Gwangju perché abbiamo fatto veramente squadra ed è stato molto bello. Porto a casa qualcosa da ognuna delle persone che ho avuto il piacere di conoscere o di approfondire la conoscenza”

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Bronzi invece per Daniela Sabatini, Master50 della Team Insubrika con 4’59″11Lorenzo Giovannini, Master30 della Nuoto Club Firenze che dopo tre quarti posti riesce a conquistare il podio in 4’13″43.

Inarrestabile Franca Bosisio, Master50 della Team Trezzo Sport, che nei 50 dorso conquista un altro titolo mondiale con il tempo di 32″88 eguagliando così il suo Record Italiano datato marzo 2018. Sulla stessa distanza arrivano anche gli argenti di Francesco Pettini, Master55 della Empire Sport & Resort, con 31″28 e di Maurizio Tersar, Master40 della Nuoto Master Brescia con 28″31.

Le ultime medaglie di questo mondiale per gli italiani provengono dai 50 rana con Carlo Travaini, Master55 della Acqua1village che conquista l’oro in 30″39 e lo spagnolo, che gareggia per l’italia e quindi arricchisce il nostro medagliere, Pere Balcells Prat, Master65 della Aquatica Torino, argento con 33″92.

Tra i medagliati, ricordiamo che in questa edizione dei mondiali così come in tutte le ultime è stata consegnata una medaglia anche agli atleti dal quarto al sesto posto, così nei 50 dorso troviamo il quarto posto di Gherardo Mercati, Master80 della Bergamo Nuoto, con 1’01″86, i sesti posti di Raffaele Lococciolo, Master45 della Nuoto Club Firenze, con 30″04 ed Entoni Cantello, Master30 della Nuoto Master Brescia, con 27″79. Nei 400 stile libero invece tra i Master30 troviamo Giacomo Rigon (Aquapolis) ed Alex Cantello (Nuoto Master Brescia) rispettivamente quinto con 4’21″66 e sesto 4’23″27.

Risultati Mondiali Masters Gwangju 2019

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Swim4Life Magazine contribuisce dal 2011 a:

  • divulgare l’informazione sul nuoto della categorie Assoluti, giovanili, Paralimpici e Master
  • divulgare informazioni di interesse generale in merito ad alimentazione, salute, tecniche di nuotata e allenamenti
  • divulgare informazioni di interesse generale a riguardo dell’ambientamento bambini all’attività natatoria

Inoltre segue da vicino gli eventi più importanti di nuoto regalando migliaia di immagini realizzate da bordo vasca, offre notizie di anteprima e interviste ai protagonisti del nuoto di tutte le categorie, oltre ad allietare i lettori con svariati argomenti di Lifest,yle.

Se il lavoro svolto fino ad oggi ti piace e ti farebbe piacere trovare sempre disponibile e aggiornato Swim4Life Magazine anche in futuro, abbiamo bisogno del tuo contributo.

Aiutaci a sostenere le spese necessarie a mantenere vivo questa Testata Giornalistica Registrata donando a tuo piacere per la nostra attività, te ne saremo immensamente grati!

a

Lorenzo Giovannini

Dipendente di un’azienda farmaceutica di Prato. Ha un passato da agonista e dal 2010 partecipa al Settore Master. Reporter sul piano vasca.