Nuoto, Rikako Ikee torna in piscina dopo aver battuto la leucemia

Segno di vittoria della 19enne giapponese che torna ad allenarsi dopo aver sconfitto il cancro che le aveva impedito di partecipare ai Mondiali di Gwangju

Dopo 406 lunghi giorni da quando le era stato diagnosticata la leucemia, la nipponica Rikako Ikee ha festeggiato il suo ritorno in piscina che sancisce la fine di un percorso arduo e difficile, in cui la 19enne ha dovuto affrontare, convivere e combattere contro la malattia che l’ha tenuta lontana dal nuoto e a causa della quale non ha potuto partecipare ai Campionati Mondiali di Gwanju nella scorsa estate.

Proprio durante quell’edizione dei Campionati iridati, ricordiamo il bellissimo gesto dell’australiana Emma McKeon, la svedese Sarah Sjostrom e la canadese Margaret Macneil che fece il giro del mondo: durante una delle foto di rito della premiazione dei 100 farfalla, le tre atleta lanciarono un messaggio di solidarietà e incoraggiamento alla giapponese utilizzando le loro mani per scrivere “Never Give Up Rikako Ikee”.

credit photo: Lee Jin-man

L’atleta simbolo del Giappone per le Olimpiadi di Tokyo 2020 aveva accusato un malore durante un ritiro stagionale ad inizio 2019, a seguito del quale aveva eseguito degli accertamenti clinici che fecero emergere la natura del problema.

“Ho la leucemia, ma posso batterla” – disse Ikee e così è stato per l’atleta, prima giapponese a infrangere la barriera dei 54 secondi nei 100 stile libero (53″99) e prima studentessa giapponese della scuola media superiore a qualificarsi per i Campionati FIFA World Aquatics a soli 14 anni dove vinse un oro nei 50 e 100 farfalla, un argento nei 50 stile libero, un bronzo nella 4×100 misti.

Nel suo palmares vanta la partecipazione ai Giochi Olimpici di Rio 2016, dove migliora tre volte il proprio record giapponese nei 100 farfalla, otto medaglie, di cui sei d’oro, conquistate ai Giochi Asiatici 2018, sette medaglie ai Mondiali juniores di Indianapolis 2017 di cui fu protagonista assoluta, quattro medaglie ai Campionati del Pacifico e la partecipazione ai Mondiali di Budapest 2017 in cui arrivò quarta nella 4×100 misti, quinta nella 4×200 stile libero e sesta nei 100 farfalla e nella 4×100 stile libero.

Una bellissima notizia che serviva in questo difficile momento causato dall’emergenza Covid-19 che ha paralizzato l’intero mondo.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights