Photo by CHARLY TRIBALLEAU / AFP / Getty Images

Olimpiadi Tokyo 2020, spuntano fuori le nuove date, 23 luglio – 8 agosto 2021

L’indiscrezione arriva come notizia certa dall’emittente TV giapponese NHK che dà con sicurezza il rinvio di un anno esatto anche per le Paralimpiadi, i Mondiali di Nuoto di Fukuoka potrebbero essere disputati tra aprile e maggio 2021

La notizia sta rimbalzando in tutto il mondo dopo essere stata lanciata ieri sera dall’emittente televisiva giapponese NHKclicca qui per la notizia – e subito confermata anche dal New York Times, secondo i quali i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 si disputeranno dal 23 luglio all’8 agosto 2021 traslando l’evento esattamente di un anno rispetto al programma originale (24 luglio – 9 agosto) rivisto a causa dell’emergenza mondiale dovuta al contagio di Coronavirus Covid-19.

Non esiste ancora ufficialità da parte del Comitato Organizzatore Locale di Tokyo, né tanto meno dal Comitato Olimpico Internazionale che dovranno riunirsi tra fine aprile e inizio maggio proprio per decretare le nuove date.

Anche i Giochi Paralimpici vedrebbero il nuovo programma di un anno esatto avanti e quindi dal 24 agosto al 5 settembre, sempre secondo quanto riportato da NHK che dà per certa la notizia anticipando il CIO e gli organizzatori locali che avrebbero secondo l’emittente nipponica prescelto queste date.

Se il nuovo programma dovesse essere confermato, alcuni Campionati Mondiali programmati per l’estate 2021 dovranno necessariamente subire delle variazioni in calendario e questo sembrerebbe non rappresentare un problema per Sebastian Coe, numero uno mondiale dell’Atletica Leggera che avrebbe affermato che gli organizzatori locali stanno valutando la possibilità di spostare l’evento iridato in Oregon nel 2022.

Secondo quanto riportato sempre da NHK, anche la FINA avrebbe dato ampia disponibilità a rivedere il programma dei Mondiali di Fukuoka 2021, con l’intento in ogni caso di confermare sia la sede dell’evento che l’anno in cui dovranno disputarsi.

Tutto ciò significherebbe per il nuoto che se non fosse possibile far disputare i Campionati Europei di Budapest entro questa estate come deciso in via preliminare dalla LEN, si rischierebbe l’annullamento dell’edizione o il rinvio al 2022 traslando di conseguenza l’edizione di Roma al 2024 e così via gli altri eventi.

L’eventualità non è certo improbabile considerando l’andamento dell’emergenza che negli ultimi sei giorni ha quasi raddoppiato i numeri, arrivando a oltre 600mila contagiati e più di 26mila vittime in tutto il mondo.

Si rischia insomma un anno di pausa per tutto lo sport a livello mondiale e uno spostamento in avanti di un anno o due di tutte le competizioni già programmate.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights