photo: Paco Clienti / Swim4Life Magazine

Nuoto, ripartire alla ricerca delle sensazioni perdute

I dolori protagonisti della ripresa, ma con pazienza ritroveremo ritmo, nuotata e movimenti tecnici che rappresentano la colonna sonora dei nostri allenamenti

Dopo un lungo periodo di circa tre mesi di pausa, ieri i nuotatori di tutti i livelli hanno ritrovato l’amata piscina e l’acqua al cloro che tanto sono mancate durante il lockdown assunto come misura di contenimento del contagio da Coronavirus Covid-19, ma come è stato ritrovare il nuoto nuotato?

Immergersi nuovamente nell’elemento che ci dona pace, serenità e quella piacevole adrenalina seguita da un indescrivibile senso di appagamento e relax, è stato sicuramente uno di quegli eventi da ricordare nel corso della vita, ma come è stato riprendere a nuotare dopo così tanto tempo?

Il nuoto si sa, non perdona assenze così lunghe e riprendere gli allenamenti dopo quasi tre mesi è stato come ricominciare a nuotare dopo anni. Inutile nasconderlo, tutti quanti ci siamo sentiti come robot in acqua!

La cura della muscolatura di sostegno alla nuotata non è semplice e non si può seguire pienamente con allenamenti a secco in sostituzione di quelli in acqua come praticato negli ultimi tre mesi e lo stesso discorso vale per la preparazione aerobica.

Manca la potenza, le capacità respiratorie, la scioltezza nei movimenti e la resistenza e, inutile nasconderlo, i dolori sono i veri protagonisti di questa ripresa ed è meglio accettare il fatto che non riusciremo a vivere pienamente il piacere di nuotare per almeno un mese.

Ma non temete, di buono c’è che abbiamo tempo, perché il 2020 sarà probabilmente ricordato come l’anno senza competizioni. È vero, non è facile, ma tutti sono nella stessa situazione.

Quello che bisogna fare adesso, ricominciando da zero, è ritrovare quelle sensazioni andate ormai perdute, quelle sensazioni che sostengono il ritmo, la nuotata e i movimenti tecnici che rappresentano la colonna sonora dei nostri allenamenti.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

La piscina dove ci alleniamo ha sicuramente fatto tutto il necessario per riaprire in sicurezza, osservando scrupolosamente le Linee Guida e operando la sanificazione nel miglior modo possibile, quindi questo non deve preoccuparci. Ciò che dobbiamo pensare a fare è soltanto nuotare.

Certamente è vero, ci sono tante cose nuove di contorno a cui abituarsi, dai percorsi obbligati alla misura della temperatura corporea, la mascherina per accedere all’impianto sportivo, i turni sia per nuotare che per accedere agli spogliatoi e magari l’impossibilità di utilizzare la doccia.

È vero anche che queste nuove regole minano quella parte essenziale di relax che si trova in piscina, ma bisogna adattarsi e adeguarsi al momento, sperando ovviamente che questa sia soltanto una fase prima di ritornare alla vera normalità.

Ricordate anche che rispettare scrupolosamente tutte le nuove regole e mettersi “in riga” aiuterà anche il gestore della piscina dove vi allenate a lavorare meglio ed essere più sereno rispetto a quanto necessariamente va fatto in questo momento per preservare la salute di tutti.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine