© foto Deepbluemedia / Andrea Masini

Nuoto Acque Libere, Gregorio Paltrinieri domina gli Assoluti, trionfo anche nella 5 km!

Mario Sanzullo argento, exploit di Dario Verani sul podio con il bronzo nell’ultima prova condizionata da un branco di meduse che causano numerosi ritiri

Si sono da poco conclusi i Campionati Italiani Assoluti Open di Fondo e Mezzo Fondo, caratterizzati nell’ultima prova da una splendida giornata di sole, con mare poco mosso rispetto a quello calmo del mattino, e con un’invasione massiccia di meduse che nel mare di Marina di Grosseto, sede di questa 5 km dopo il Golfo di Baratti a Piombino che ha ospitato la 10 e 2,5 km, ha fatto diverse vittime nella gara femminile disputata stamattina, costringendo molte atlete al ritiro e condizionando l’arrivo di tantissime altre.

Sarà la stanchezza accumulata nelle due gare precedenti, sarà la paura delle tantissime meduse, ma la gara maschile vede diversi atleti non partenti, tra cui Domenico Acerenza, bronzo nella 10 km della prima giornata e quarto nella 2,5 km disputata mercoledì che però nel caso specifico ha avuto problemi di disturbi intestinali, e dopo poche bracciate si devono infatti registrare già i primi due ritiri, che diventeranno via via più corposi fino alla fine della competizione.

Intanto Gregorio Paltrinieri prende fin da subito il comando della gara e detta i ritmi, e che ritmi, per niente stanco dalle prove dei giorni precedenti e non appagato dalle vittorie registrate negli ultimi dieci giorni tra Sette Colli, dove ha siglato il Record Europeo nei 1500 stile libero e il secondo all time personale negli 800 stile libero, e Assoluti Open Water con la vittoria della 10 e 2,5 km.

L’atleta delle Fiamme Oro e Coopernuto allenato da Fabrizio Antonelli, non ha nemmeno bisogno di tener testa agli attacchi degli avversari perché si tiene alquanto distante dal gruppo che lo insegue e nuota con disinvoltura anche tra le meduse, davvero numerose oggi, che minacciano l’andamento della competizione, diventando imprendibile per chiunque e chiudendo con un cospicuo distacco su tutti registrando il crono di 57’46”0!

“Le femmine hanno trovato un campo gara più tranquillo rispetto ai maschi ma agonisticamente se ne sono date ugualmente di santa ragione facendo tempi interessanti e una bellissima gara  – ha dichiarato il Tecnico Fabrizio Antonelli a Swim4Life Magazine – Rachele Bruni ha confermato la sua abilità negli arrivi di gruppo, Arianna Bridi ha pagato un po’ di più ma ricordiamo che lei è brava sulla 25 km che è ben diversa come gara. Per quanto riguarda gli uomini, credo che per Paltrinieri questa sia stata la vera prima gara Open Water perché oltre agli avversari ha dovuto affrontare anche un mare abbastanza mosso con onda corta e le tante meduse che hanno causato problemi a mantenere la rotta, ma si è distinto egregiamente staccando gli avversari e arrivando da solo. Ha messo la ciliegina sulla torta a questa dieci giorni di gare tra Sette Colli e Acque Libere, non posso che dirgli bravo!”

Oltre quindici atleti stretti in una morsa alle spalle del campione olimpico, bimondiale e trieuropeo dei 1500 stile libero e campione del mondo degli 800 stile a Gwangju 2019, si contendono i posti rimanenti sul podio tricolore e serve attendere mezzo minuto prima del secondo tocco sul tabellone cronometrico posizionato in mare, che vede l’argento del partenopeo Mario Sanzullo, Fiamme Oro e Circolo Canottieri Napoli, bronzo nella 2,5 km di mercoledì scorso e quinto nella 10 km della prima giornata, nonché argento nella 5 km e bronzo nella staffetta 5 km mixed ai Mondiali di Budapest nel Lago Balaton 2017, che chiude in 58’19”8.

Alle sue spalle chiude le porte del podio assoluto l’exploit straordinario di Dario Verani, CS Esercito / Nuoto Livorno, classe 1995 anche lui allenato da Fabrizio Antonelli, che dopo l’ottimo sesto posto registrato nella 10 km, chiude questa prova con il bronzo in 58’21”7 mettendo ulteriormente in risalto il grande salto di qualità fatto in occasione di questi Campionati.

“Era tanto che inseguivo questo risultato che non era ancora arrivato per diversi problemi che si sono verificati nelle gare precedenti, tra arrivo e gestione gara – ha dichiarato Dario Verani a Swim4Life Magazine – Finalmente oggi è andata tutto per il verso giusto, la gara è andata come mi ero prefissato e sono molto contento. Paltrinieri e Acerenza sono sicuramente uno stimolo importante per me in allenamento. Poi oltre a essere campioni in acqua sono un esempio anche fuori dall’acqua e questo mi dà grande motivazioni”

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

“Mi ha esaltato molto Dario Verani che è stato molto bravo lungo tutto il percorso, prendendo esempio più che valido da seguire in questi giorni da Gregorio Paltrinieri e Domenico Acerenza – prosegue Antonelli a Swim4Life Magazine – La medaglia di Dario è anche frutto del lavoro di questi due atleti che gli hanno indicato la strada giusta da seguire e lui è stato bravo a imboccarla”

Un plauso va anche a Lorenzo Giovannini, classe 1986 e tra i meno giovani degli atleti in gara, inviato di Swim4Life Magazine, che ha esordito a quasi 34 anni in questi Campionati Italiani Assoluti, un’impresa storica e unica che arriva a diciassette anni dalla sua ultima gara da agonista, anche lui in gara in questa 5 km dopo la 2,5 disputata degnamente mercoledì scorso, che chiude a poco più di otto minuti da Paltrinieri in 1h 06’41”9 chiudendo una tre giorni di gare davvero divertente, in cui ha presenziato sempre anche lo stand Nuoto Extremo, lo swim specialist numero uno in Italia e su cui fare affidamento per tutto ciò che serve per vivere il mondo del nuoto.

Clicca qui per i risultati completi

Video arrivo

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine