Foto Twitter Giovanni Malagò

Olimpiadi, Malagò: “Italia rischia di figurare senza inno e bandiera”

Il presidente del Coni ritorna sulla Riforma dello Sport “Tra un mese il Cio potrebbe sospenderci per i Giochi Olimpici”

Manca solo un mese all’Esecutivo del Comitato olimpico internazionale, che il prossimo 27 gennaio potrebbe sanzionare l’Italia se il Governo italiano non garantirà l’autonomia del Coni.

Torna sull’argomento il presidente Giovanni Malagò, come già anticipato alcune settimane fa – clicca qui per leggere, che ai microfoni di Rai Radio 1, nel corso della trasmissione Sabato Sport, non nasconde le sue preoccupazioni.

“Quanto è grande il rischio di andare ai Giochi di Tokyo senza inno e senza bandiera? È molto elevato perché, dopo aver speso impegni e promesse senza essere riusciti a ottenere la soluzione, siamo arrivati all’ultimo miglio. L’Italia in questi frangenti, però, dà il meglio di sé e tira fuori il coniglio dal cilindro: è abbastanza imbarazzante essere arrivati a questo punto, tutto sanno il rischio che corriamo, ci auguriamo che chi ha l’onere e la responsabilità di trovare la soluzione quantomeno mantenga la parola”

Continua il discorso sulle possibili sanzioni da parte del CIO.

“Sarebbe un danno di immagine spaventoso. Pensate alla Russia, paese top e non solo per lo sport, che non potrà partecipare con la propria bandiera nè alle Olimpiadi di Tokyo nè ai Giochi di Pechino. Non so se vi rendete conto della pesantezza della decisione, anche per i rapporti con Giappone e Cina”

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387
quanto-e-grave-assenza-nuoto-promozione-speedo-kit-swim-camp"

Ciro Porzio

Ciro Porzio
Consulente informatico, matematico con la passione per le statistiche e apprendista nuotatore. Ricopre diversi ruoli di responsabilità in Swim4Life Magazine.