Caeleb Dressel spaziale, 50 stile libero da alieno!

Il 24enne eguaglia il suo Record Americano e vola a Tokyo con il miglior crono mondiale stagionale insieme a Michael Andrew, fuori Nathan Adrian – Video Gara

Dopo aver vinto i 100 stile libero con il tempone di 47”39 che lo ha spedito alla sua seconda Olimpiade in carriera con il secondo crono più veloce al mondo di questa stagione – clicca qui per saperne di più – il 24enne ha dato spettacolo anche nei 50 stile libero e 100 farfalla.

Campione del mondo in entrambe le specialità, Dressel ha vinto i 100 farfalla con un altro sub 50 secondi, segnando 49″87 che un pò “tradisce” le attese dopo il tempone segnato nelle semifinali con 49”76 fermandosi a 26 centesimi dal suo Record Mondiale registrato due anni fa ai Campionati iridati di Gwangju, seguente al 50”17 delle qualifiche, in cui aveva migliorato il Record degli US Open di 50”22 detenuto da un certo Michael Phelps.

Chiaramente stiamo cercando il pelo nell’uovo perchè Dressel ha di fatti le prime quattro prestazioni mondiali di sempre che precedono il 49″82 di Phelps targato Roma 2009 e al quale segue il suo 49″86 dei Mondiali di Budapest 2017.

Il nuovo cannibale della Florida che il 19 agosto compirà 25 anni, ha fatto di nuovo vibrare le tribune del CHI Health Center di Omaha nell’ultima giornata dei Trials olimpici USA nuotando un fulmineo 50 stile libero.

Nuotata potente come al solito, un siluro che ha percorso i 50 metri in 21”04, lo stesso crono che gli consegnò il titolo iridato nella finale dei Mondiali di Gwangju 2019 e che ad oggi è la terza prestazione mondiale di sempre.

Risultato strabiliante, c’è poco da dire, che segue al 21”29 nuotato in batteria e che si ferma ancora una volta, così come in Corea, a 13 centesimi dal Record Mondiale gommato del brasiliano Cesar Cielo nuotato nella finale mondiale di Roma 2009.

Tra lui e Cielo c’è poi il 20”94 del francese Fred Bousquet siglato ai Campionati francesi primaverili del 2009, ma l’impressione è che quel 21”04, Dressel lo possa cancellare tra un mese.

Alle sue spalle Michael Andrew che ha nuotato in 21″48 staccando anche lui il pass olimpico dopo quello ottenuto con grande rumore nei 200 misti.

Fuori invece Nathan Adrian che chiude terzo in 21″73: dopo la lotta al cancro nel 2019 e il ritorno alle competizioni, Adrian non è riuscito a compiere quello che sarebbe stato un miracolo centrando la sua quarta Olimpiade in carriera.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Dopo 13 anni in nazionale, questa sarà la prima uscita internazionale dello squadrone di nuoto americano senza Nathan Adrian.

Video Gara

Si concludono bene i Trials per Simone Manuel che dopo essere rimasta fuori dai 100 stile libero accusando ancora gli strascichi dell’over training, ha trionfato nei 50 stile libero in 24″29, un centesimo prima di Abbey Weitzeil, staccando il pass per le Olimpiadi.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine