ritornare-a-nuotare
foto per gentile concessione di Natalia Foffi

Ritornare a nuotare, quel senso di libertà che solo un nuotatore può capire

Il ritorno regala un senso liberatorio indescrivibile: è come ritornare a casa dopo un lungo viaggio di lavoro, quella casa che non ti rinnegherà mai!

In quanti sanno cosa significa ritornare a nuotare dopo un lungo periodo di inattività? L’amore per il nuoto è particolare, va e viene senza che nessuna delle due parti sia contraddetta dall’altra.

O meglio, il nuoto non perdona arrivederci: se ti assenti dagli allenamenti per oltre una settimana, devi ricominciare tutto daccapo!

Però il ritorno in piscina, seppure duro da sostenere, è sempre ben gradito, sia da chi torna che da chi ti accoglie.

Chi pratica nuoto a livello competitivo sa bene di cosa si sta parlando e soprattutto lo sa bene chi pratica nuoto a livello amatoriale.

Persone che frequentano corsi di nuoto o che si allenano per le competizioni Master, sono talvolta costrette ad abbandonare la passione acquatica per impegni di lavoro, di famiglia o personali che sovrastano la volontà di recarsi in piscina con una frequenza regolare.

Per chiunque sia stato colpito almeno una volta dalla freccia del “cupido acquatico”, si sa che si resta folgorati dall’ardore dell’amore generato per il nuoto e una volta provato (veramente), non se ne riesce più a fare a meno.

C’è chi ritorna a nuotare dopo una pausa di una settimana, chi dopo un mese, chi dopo un’intera stagione agonistica e c’è anche chi ritorna a nuotare dopo anni di inattività.

Il ritorno, per tutti, regala un senso liberatorio indescrivibile: è come ritornare a casa dopo un lungo viaggio di lavoro, quella casa che non ti rinnegherà mai!

Dove troverai sempre compagni di viaggio che come te, sono innamorati persi di quella T che scorgono sul fondo della piscina a ogni virata e a ogni arrivo.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

E che con te condivideranno quella passione smisurata per la quale siamo disposti a sacrifici incredibili per chiunque altro viva al di fuori del mondo del nuoto.

La piscina non è un luogo, ma un popolo, fatto di persone appassionate che sanno bene che gli basterà muovere due bracciate in acqua al rientro dopo una breve o lunga assenza per riassaporare quel senso di libertà, di sollievo e leggerezza che soltanto il nuoto sa regalare.

Il rapporto con il nuoto è così intimo e profondo che è impossibile da descrivere a parole e soltanto chi è stato un nuotatore può conoscere il valore dell’emozione di un ritorno in piscina.

Tutti quanti gli altri, ti chiederanno cosa ci trovi di così speciale in una piscina, in uno sport individuale che non ti offre alcun gioco di squadra e che inoltre appare come monotono.

E allora tu sorriderai delicatamente e senza rispondere nulla, perdonerai coloro che non sanno ciò che dicono e non sanno nemmeno cosa si perdono!

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine