alice-scarabelli-rinata-festeggia-il-suo-primo-podio-italiano-assoluto

Alice Scarabelli rinata, festeggia il suo primo podio italiano assoluto

“Se non fosse stato per mia madre e per gli Stati Uniti, avrei smesso e invece sono cresciuta e ho ritrovato la voglia di nuotare”

Alice Scarabelli è tornata a nuova vita e l’epilogo della sua rinascita dalle ceneri di anni colmi di difficoltà, è rappresentato dall’argento vinto nei 200 stile libero ai Campionati Italiani Assoluti primaverili.

Nello Stadio del Nuoto di Riccione che ospita l’evento proprio in questi giorni, la 24enne ha conquistato un argento ricco di significato, festeggiato con abbracci emozionanti e affettuosi.

È stato un Campionato inaspettato per me, sono salita per la prima volta sul podio degli Assoluti – spiega Alice ai nostri microfoni – Ero agitata per quello che potevo fare, perché avevo lavorato bene e pur non sentendomi benissimo in acqua, ho raggiunto una medaglia emozionante”

alice-scarabelli-rassoluti-nuoto

Un risultato inaspettato per lei e poco quotato ai pronostici, con l’atleta tesserata Phoenix che partiva dalla corsia laterale.

Erano quattro anni che non scendevo sotto i due minuti in lunga – racconta l’ex Azzurra – È stata la prima finale A agli Assoluti e sono riuscita anche a vincere la mia prima medaglia, sono contentissima”

Abbracci molto intensi dopo la gara, con la madre e l’amica e collega di nuoto Gioele Origlia.

Se ci penso mi emoziono ancora adesso – confessa la 25enne di Milano – Mia madre è stata la prima che ho cercato con lo sguardo in mezzo al pubblico quando mi sono resa conto di essere arrivata seconda. Penso che questa medaglia sia uno dei momenti più belli che abbiamo condiviso insieme ed è stato molto emozionante, faccio ancora fatica a parlarne. Subito dopo ho abbracciato Gioele, rivali in acqua ma sorelle fuori. Anche lei molto emozionata perché sa quello che ho passato, quanto è stato difficile per me. Mi ha detto che si è sentita come se fosse stata con me in acqua. Sono felice di aver condiviso questa gioia anche con lei”

alice-scarabelli-assoluti-nuoto-2022

Medaglia d’argento alle Universiadi 2019 con la 4×200 stile libero, l’atleta esce da un’annata molto difficile, in cui si è infortunata due volte.

A maggio 2021 ha riscontrato una microfrattura al piede e alla caviglia causata accidentalmente durante un allenamento a secco.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

È rimasta ai box un mese, prima di ritornare ad allenarsi gradualmente, ma a fine novembre ha dovuto fermarsi nuovamente fino a tutto dicembre per una ricaduta dello stesso infortunio.

Ne ho passate davvero tante in questi ultimi anni e se non fosse stato per mia madre avrei smesso – racconta l’atleta seguita da Manuel Piacenza a Tortona quando si trova in Italia – L’anno scorso ero quasi decisa a ritirarmi e invece oggi sono ancora qui. Quella dei 200 stile libero è stata una bellissima giornata che ricorderò per sempre”

Premiata tra l’altro da Federica Pellegrini.

Questo ha dato valore aggiunto al mio podio – afferma Alice ancora visibilmente emozionata – Purtroppo non ho avuto la fortuna di gareggiare insieme a lei, però il fatto che ci abbia premiato è stato speciale. Il 200 stile rimarrà sempre la sua gara ed è stato ancora più bello essere premiata da lei”

alice-scarabelli-200-stile-libero-assoluti

Dalla scorsa estate vive temporaneamente in New Jersey, dove sta seguendo un Master in comunicazione e media presso la Rutgers University, con prospettiva di laurearsi l’anno prossimo.

Mi sto trovando molto bene negli USA, avevo bisogno di cambiare, avevo bisogno di nuovi stimoli e quello che ho trovato lì mi ha fatto ritrovare il piacere di nuotare, cosa che non avevo più. Mi emoziona parlarne, perché più che la medaglia e il tempo, la conquista è stata ritornare a essere felice di nuotare e competere con serenità. Puoi essere in forma quanto vuoi, ma se non sei serena diventa tutto difficile e gli Stati Uniti mi hanno aiutata tanto a ritrovare serenità. La mia squadra americana e l’allenatore che mi segue lì, Jon Maccoll, mi hanno supportata davvero tanto da quando sono negli Stati Uniti. Ho trovato un’altra piccola famiglia. Consiglio a chiunque abbia la possibilità di vivere un’esperienza del genere di farla, perché è qualcosa che ti arricchisce davvero”

È stato difficile ottenere la possibilità di poter vivere quest’esperienza negli USA?

Devo dire di no. È stato un po’ inaspettata come cosa, perché la possibilità mi è stata paventata in un momento in cui stavo pensando di smettere di nuotare. Sono stata invece contattata da College Life Italia che mi ha messo a conoscenza del fatto che potessi accedere a una borsa di studio spiegandomi tutto ciò che mi serviva sapere per sfruttare questa occasione e ho deciso di provarci. Sarà la vita che mi ha mandato questa fortuna, i sacrifici che ho fatto, ma è stata un’occasione davvero preziosa quanto inaspettata. Mi sta permettendo di crescere e maturare tanto. Sto imparando a cavarmela da sola anche se lontana da casa, dall’altra parte del mondo, in una nuova cultura, una nuova lingua e nuove persone”

alice-scarabelli-nuoto

Cosa è successo dopo quel magico podio alle Universiadi 2019 con la 4×200?

Napoli 2019 è stato molto speciale per me, ma dopo ho fatto molta fatica, prima a causa del Covid e poi per gli infortuni e altre difficoltà. Ho perso molta motivazione e sicurezza in me stessa. Però volevo cercare di fare in modo di non perdere ciò che avevo conquistato nel tempo e l’opportunità degli Stati Uniti è stata davvero importante per riprendermi. Sono grata alla famiglia che ho anche dall’altra parte del mondo”

Si riparte dunque da questo vinto nei 200 stile a questi Assoluti?

Assolutamente si, riparto da qui, incrocio le dita e spero di fare sempre meglio. Ho comunque ritrovato la voglia di allenarmi, di fare bene e migliorarmi, quindi ce la metterò tutta”

Alice Scarabelli – Video Intervista

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine