marco-fratini-miracolo-garda

Marco Fratini compie il miracolo, nuota 140 km in tre giorni intorno al Lago di Garda!

Il medico perugino diventa il primo al mondo a riuscirci, tutto per promuovere una raccolta fondi per AISM

Miracolo, esclamerebbe qualcuno, Marco Fratini ce l’ha fatta: il 50enne medico perugino ha nuotato intorno al Lago di Garda in tre giorni consecutivi per un totale di 140 km!

Durante la Swim the Garda, questo il nome del miracolo compiuto da Marco Fratini, ci sono state soltanto piccole pause tecniche per rigenerarsi con massaggi, sedute psicoterapeute, alimentazione e due micro sonni, uno da 45 minuti circa e l’altro un po’ più lungo fatti nelle notti di venerdì e sabato.

La distanza nuotata è risultata alla fine di 140 km e sono servite 64 ore e 44 minuti con 115mila bracciate per nuotarla.

Un’impresa titanica – come definita da Massimiliano Rosolino – Sabato ho seguito per oltre sei ore la Capri – Napoli ed è stata durissima e non oso immaginare come possa essere fare il giro del Lago di Garda per oltre 140 km – ha commentato l’olimpionico partenopeo durante una delle dirette organizzate da S4L durante l’impresa – Siamo in tanti che sosteniamo Marco, quello che ha fatto è di motivazione per tante persone e lo sport deve trasmettere questo.

Sembrano impresi folli, ma a volte la follia è qualcosa che molte persone ritengono superficiale, ma poi quelle stesse persone ci riflettono e provano a dare anche loro il massimo per raggiungere un traguardo. Ovviamente per fare una cosa del genere devi essere preparato e avere uno staff enorme, un grande gesto solidale di Marco a favore di AISM. La ricerca riguarda tutti e non solo i diretti interessati, quindi tutti dobbiamo dare il nostro contributo con una donazione”

marco-fratini-miracolo-swim-the-garda
Un miracolo quasi compromesso

Un’impresa non facile, “condita” anche di un imprevisto di percorso che a un certo punto ha messo in dubbio l’arrivo al traguardo: una crisi significativa è arrivata nella notte di sabato, la seconda consecutiva in cui Marco nuotava senza fermarsi.

Una crisi ipotermica, di mancanza di sonno e un calo glicemico importante, hanno causato un mancamento a Marco Fratini, che però anche grazie al pronto intervento del suo staff si è rimesso in sesto in meno di due ore, quasi come per miracolo, riprendendo la sua avventura alla volta del traguardo fissato al Circolo Canottieri Garda Salò.

La società con base sulle sponde del Garda ha giocato un ruolo importante in questa impresa che sa di miracolo, perché oltre a supportare il team di Swim the Garda alla partenza e all’arrivo, ha assistito l’atleta con un’imbarcazione di appoggio che ha ospitato anche Swim4Life Magazine per tutti e tre giorni.

marco-fratini-miracolo-garda-kayak-360

Così come la 1° CR.Kayak 360, anche loro di supporto a Marco Fratini con i loro kayak che hanno aiutato l’atleta a tenere una buona rotta insieme all’instancabile Max Tosi con il suo veliero e la Protezione Civile di Modena e Persiceto.

Un’impresa così non può passare inosservata – ha dichiarato Filippo Magnini durante una delle dirette organizzate da S4L – Non so quanti avrebbero il coraggio di nuotare anche di notte. Ho visto cose bellissime durante questa Swim the Garda attraverso i contenuti pubblicati sui social, come gli abbracci con la figlia”

marco-fratini-miracolo-garda-swim

Nuotare circa 50 km al giorno non è da tutti, ma al di là dell’impresa è bello il motivo per cui si prova una sfida del genere – ha aggiunto Magnini – Donare ad AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla. Dobbiamo tutti dare un contributo e bombardare di donazioni questa associazione. Penso che anche questo dia la forza a Marco per fare una cosa del genere. Freddo, correnti, buio della notte, ci sono cose che mi spaventano di questa impresa, sta facendo una cosa incredibile, molto bella. Faccio il tifo per Marco”

Marco Fratini compie il miracolo, nuota 140 km in tre giorni intorno al Lago di Garda, l’ammirazione dalle personalità del mondo del nuoto

“Straordinario”, “incredibile”, “eroico”, “un esempio”, tantisono stati gli appellativi dati al miracolo compiuto da Marco Fratini dai vari Matteo Giunta, Fabio Scozzoli, Martina Carraro, Arianna Bridi, Giulia Gabbrielleschi, Fabio Calmasini, Gaia Naldini e Fabrizio Antonelli, le personalità del mondo del nuoto che hanno voluto dare un prezioso contributo alla Swim the Garda attraverso i loro interventi durante l’impresa attraverso le dirette organizzate da S4L Magazine.

marco-fratini-miracolo-garda-team

Gli interventi con le interviste integrali sono tutte disponibili sul nostro canale Instagram nella sezione reels.

AIDO, Associazione italiana per la donazione di organi, che ha organizzato una colazione solidale in occasione della tappa di Torre del Benaco e l’Associazione 6 Luglio fondata da Diego e Silvia, i genitori della piccola Giorgia scomparsa il 28 febbraio 2022 a causa di una leucemia, che hanno organizzato una colazione solidale sulla tappa di Gargnano presso il Bar Fontanelle e nella tappa di San Felice del Benaco fanno anche loro parte del miracolo di Marco Fratini.

E il miracolo ha fatto sì che le donazioni, in questi giorni in cui Marco è stato supportato anche da Speedo, si amplificassero anche verso queste due realtà a scopo benefico.

Ovviamente presente alla Swim the Garda anche l’AISM, l’Associazione Sclerosi Multipla, che ha organizzato un pranzo solidale in occasione della tappa di Brenzone.

Al miracolo di Marco Fratini e della Swim the Garda, hanno però preso parte anche uno staff brillante, composto dall’Allenatore Stefano Candidoni, dal Medico Maria Rita Pieracci, dal Nutrizionista Aurora Amato, dal Fisioterapista Cristina Amato, dalla Psicologa Anna Grazia Frascella, dal Responsabile Comunicazione Michele Bellucci, dal Responsabile logistica Mario Pizzoferrato, dal responsabile Area legale/organizzativa Barbara Briziarelli e dal responsabile area marketing Alex Broccoletti, che tra l’altro ha voluto contribuire anche con una nuotata di supporto per un pezzo di tratta verso Gargnano insieme a Marco Fratini.

marco-fratini-miracolo-garda-dino-schorn

A proposito di compagni di viaggio, Marco ne ha incontrati tanti durante le tre giorni di Swim the Garda, tra i quali ricordiamo il campione del mondo Master Dino Schorn, Virginia Tortella, soprannominata anche come la Rana del Garda per aver nuotato in passato oltre 30 km a rana nel Lago di Garda, anche per lei a scopo benefico, e la 13enne Nicole Brighenti della Amici del Nuoto Riva, che ha nuotato la sua prima esperienza in acque libere per 6 km e mezzo per accompagnare Marco da Brenzone a Malcesine.

Ho assistito con entusiasmo alla Conferenza Stampa di presentazione di Swim the Garda e quando Marco mi ha chiesto per scherzo se lo avessi accompagnato per un tratto, ho accettato subito – ha dichiarato Nicole a S4L – Lo scopo di Swim the Garda è molto nobile e sono contenta se posso dare anche io un piccolo contributo”

marco-fratini-miracolo-garda-nicole-brighenti-amici-nuoto-riva

Swim the Garda è anche sui canali Social di Marco Fratini, Facebook sulla pagina Marco Fratini Ultraswim – clicca qui per seguirla – e Instagram sul profilo personale dell’atleta – clicca qui per seguirlo – e sul sito web ufficiale www.marcofratini.com.

Marco Fratini compie il miracolo, nuota 140 km in tre giorni intorno al Lago di Garda – Clicca qui per la Galleria Foto dell’impresa

Giro del Lago di Garda a Nuoto senza mai fermarsi, l’impresa che ha l’obiettivo di sostenere AISM

AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, è l’unica organizzazione in Italia che si occupa in modo strutturato e organico di tutti gli aspetti legati alla sclerosi multipla (SM) attraverso una prospettiva d’insieme che abbraccia il tema dei diritti delle persone con SM, i servizi sanitari e socio-sanitari, la promozione, l’indirizzo e il finanziamento della ricerca scientifica.

La SM è una malattia tra le più comuni e più gravi del sistema nervoso centrale: è cronica, imprevedibile, progressivamente invalidante.

marco-fratini-miracolo-garda-tramonto

Colpisce in numero maggiore le donne, in un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini, ed esordisce per lo più tra i 20 e i 40 anni. I sintomi e il decorso della malattia variano da persona a persona. In Italia c’è una nuova diagnosi di SM ogni 3 ore.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights