benedetta-pilato-nuoto-violenza-su-donne-bambini

Benny Pilato su violenza donne, “Non voglio insegnare ai miei figli questa realtà”

Sull’argomento anche Gregorio Paltrinieri, “Le persone vanno istruite, violenze fisiche e verbali sono gravi, dobbiamo porre fine a questa orrenda situazione”

Ciò che riguarda la violenza donne e bambini è un argomento di cui si parla sempre più spesso purtroppo, perchè sempre più spesso si verificano abusi in tal senso.

Benedetta Pilato e Gregorio Paltrinieri hanno incantato in due giornate di Campionati Italiani Assoluti di Nuoto, strappando il pass per le Olimpiadi con due prestazioni spettacolari, rispettivamente nei 100 rana e nei 1500 stile libero.

Sono stati due degli atleti protagonisti in vasca, insieme ai vari Ceccon, Razzetti, Viberti e Mora che hanno messo in tasca la nazionale, o per Parigi o per i Mondiali di Doha.

Benedetta Pilato e Gregorio Paltrinieri si sono però fatti anche portavoce su un delicato e importante argomento, di cui purtroppo si parla ancora oggi definendolo un problema attuale: la violenza donne e bambini.

Viviamo in un mondo in cui esistono ancora guerre per il potere, talvolta mascherate da scopi religiosi, ma l’unico motivo per il quale esistono è sempre e solo la sete di potere.

Esplodono lontane dalle nostre case, abbiamo la fortuna di viverle dal divano di casa nostra e di commentarle perfino, sentendoci liberi di esprimere qualsiasi pensiero a riguardo.

Purtroppo però, le violenze non sono soltanto quelle che esplodono in paesi lontani dal nostro, ma talvolta sono anche quelle che si verificano nel vicino della porta accanto.

Nella Giornata Internazionale di eliminazione della violenza di genere celebrate il 25 novembre, si è ricordato tutto questo e il rosso è stato il colore protagonista di molte campagne social contro la violenza di genere.

Secondo le statistiche, in Italia una donna su tre è vittima di violenze, ma l’80% non fa denuncia e lo dice solo agli amici.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Il femmicidio di Giulia Cecchettin, o lo stupro delle cuginette del Parco Verde di Caivano, sono purtroppo uno dei tantissimi casi, tra i più recenti, che si sono verificati in Italia.

Proprio in questi giorni il Senato ha approvato definitivamente all’unanimità il Disegno di Legge n. 923 avente ad oggetto “Disposizioni per il contrasto della violenza sulle donne e della violenza domestica” che ha lo scopo dirafforzare la protezione delle vittime di violenza attraverso misure di prevenzione, ma anche il potenziamento delle misure cautelari e l’anticipazione della soglia della tutela penale.

Nei giorni scorsi su Vanity Fair è apparso un articolo dedicato ad Angelica Martellone, studentessa 16enne del Liceo Enrico Fermi di Bologna, che ha scritto una lettera in occasione di un dibattito che si è tenuto a scuola proprio in occasione del 25 novembre, per parlare di violenza di genere.

Dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin a scuola abbiamo parlato molto di violenza, ma ho notato che c’erano alcune persone, soprattutto ragazzi, che non riuscivano a capire pienamente quello che stavamo dicendo noi ragazze o le insegnanti – si legge nella lettera di Angelica – C’era anche chi sminuiva le nostre parole. A volte mi hanno detto di stare zitta perché sono una che parla sempre, o che ‘I ragazzi fanno così perché sono meno maturi’ e peggio ancora, mi hanno detto ‘guarda che finisci come Giulia’. Ho scritto con la speranza che almeno un ragazzo possa comprendere quello che viviamo e dica ‘Allora è vero’”

federnuoto-nuoto-violenza-su-donne-bambini
Foto: Andrea Staccioli / DBM / Inside Foto
Benedetta Pilato contro la violenza donne e bambini, FIN e RAI promuovono 1522

La Federazione Italiana Nuoto è RAI che segue i Campionati aderiscono alla campagna di sensibilizzazione promossa in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Gli atleti medagliati ai Campionati Italiani Assoluti di Nuoto in corso da martedì e fino a tutto oggi nella piscina dello Stadio del Nuoto di Riccione, stanno aderendo tutti alla campagna indossando una spilla a forma di fiocco rosso sulla tuta all’altezza del cuore, distribuita in zona premiazione, prima della cerimonia di rito sul podio.

No alla violenza fisica e psicologica contro donne e bambine: Federnuoto promuove il numero antiviolenza e stalking 1522 indetto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità.

Componendo il numero telefonico 1522 è possibile mettersi in contatto con un’assistenza specializzata che accoglie le richieste di aiuto e sostegno delle vittime.

Benedetta Pilato contro la violenza donne e bambini, “Non voglio insegnare ai miei figli che bisogna essere donne coraggiose”

Proprio in questi giorni, durante le competizioni, Benedetta Pilato è intervenuta sull’argomento che riguarda la violenza donne e bambini esprimendo un importante punto di vista che dovrebbe far riflettere.

Non posso credere di dover vivere in un mondo in cui noi donne dobbiamo essere ogni giorno coraggiose in quello che facciamo, ai miei figli non voglio insegnare questo – ha detto Benedetta Pilato – Non voglio ritenermi fortunata se nella mia vita incontro una persona perbene, quella dovrebbe essere la quotidianità. Mi dà fastidio che ci siamo quasi abituati nel sentire certe notizie quasi tutti i giorni, non deve essere così”

Benedetta Pilato contro la violenza donne e bambini, sull’argomento anche Gregorio Paltrinieri

Oltre Benedetta Pilato, si è espresso sul delicato argomento anche Gregorio Paltrinieri, che si è definito inorridito dall’attualità.

gregorio-paltrinieri-nuoto-giornata-internazionale-violenza-su-donne-bambini

A me sembra sempre scontato parlarne, quando invece scontato non lo è, perché ci sono sempre casi e in questo periodo se ne parla tantissimo, ma ce ne sono sempre stati – ha detto Gregorio Paltrinieri – Vanno istruite le persone, se ne deve parlare sempre di più, si deve far capire quanto sia grave quello che sta succedendo, e che è sempre successo, e quanto sia brutto.

Non può succedere al giorno d’oggi. Non so come dirlo, ma è una cosa talmente basilare che mi fa veramente star male. Tutti noi assistiamo a queste violenze ogni giorno, non solo fisiche, ma anche verbali. Spero che la gente inizi a prenderne consapevolezza, se ne parli sempre di più e si vada verso la fine di questa orrenda situazione”

Il mondo è contaminato dal male, ma si può sempre contrastarlo.

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights