Bastia_a_Riccione

Report master della settimana, i mostri in acqua! Oltre 4.000 master in acqua con Riccione che fa le prove Mondiali.

Report master della settimana, i mostri in acqua!
Oltre 4.000 master in acqua con Riccione che fa le prove Mondiali.

Bastia_a_Riccionedi Paco Clienti.

Il week end scorso ha visto una vera e propria invasione master nelle piscine italiane, tanto da toccare una quota di oltre 4.000 atleti in gara, con i trofei di Bergamo, Memorial Gnecchi e quello di Riccione che hanno fatto da soli circa 2.500 atleti! Questi numeri, conseguenza anche di trofei importanti e sentiti, specialmente quello di Riccione che poteva considerarsi una vera e propria prova pre-mondiale visto che la vasca nella quale si sono disputate le gare è proprio una di quelle dove si svolgerà l’evento atteso a giugno (l’altra sarà quella scoperta), hanno prodotto una serie innumerevole di risultati di rilievo, ma soprattutto hanno visto tantissimi atleti master nuovi! Evidentemente l’evento Mondiale di Riccione 2012 ha stuzzicato l’interesse di tanti, compresi gli ex agonisti importanti che hanno scelto il master per togliersi qualche soddisfazione in occasione di un’importante competizione quali i Mondiali.
Sempre più organizzazioni scelgono la classifica corta per premiare le società.

Riccione sceglie di sommare i punteggi tabellari conseguiti dai primi 8 atleti classificati nelle gare individuali e da tutte le staffette classificate.
Bergamo stabilisce invece che la classifica finale di Società viene fuori sommando i punteggi dei primi dodici atleti classificati per ogni gara e categoria.
Corato, al suo 1° trofeo Peucetia, decide di premiare le società in base alla somma dei punteggi supermaster di ogni categoria, gara e sesso dei primi otto classificati.
Solo Napoli e Genova restano con i metodi classici, considerando tutti gli atleti in gara per la somma dei punteggi alla società.
La scelta di considerare solo i primi 8 o 12 delle classifiche, premia sicuramente le squadre con un valore tecnico più alto a dispetto del numero di master che possono vantare all’interno del gruppo, a discapito però dello spirito master, finalizzato semplicemente all’aggregazione ed al numero più che al valore tecnico delle prestazioni in gara. Ma quali di questi due pensieri è più giusto nel mondo master di oggi?
Bergamo e Riccione premiano inoltre alcuni atleti del trofeo, a prescindere dal risultato.
A Riccione si sono premiati infatti i due atleti, maschio e femmina, più anziani, oltre alle due migliori prestazioni assolute maschili e femminili ed i premi per i record Italiani, Europei e Mondiali ottenuti.
Bergamo invece  ha premiato Graziella  Lorenzi, M65 del Caronno P. N. che pur essendo arrivata 2^ nella classifica di categoria dei 200 farfalla con 6’00″26 per 591,13 punti, si aggiudica la targa ricordo in quanto atleta più anziana nella specialità, messa in palio in ricordo dell’atleta Maria Del Grande.
Benedetto Strechelli, M75 della Geas, si aggiudica invece la targa ricordo messa in palio per il più anziano nei 50 Rana maschile nuotati in 55″28 per 739,51 punti, in ricordo dell’atleta Elio Gnecchi.
Ancora premi inusuali e che possono vincere anche atleti meno forti: omaggio per il 21° classificato assoluto di ogni gara maschile e femminile, per festeggiare la 21^ edizione del “Memorial Gnecchi”!
Premi di valore anche per i master di alto livello con una medaglia di vero argento per i nuovi record italiani.
Impossibile riassumere i tantissimi risultati di valore di questo week end, quindi ci limiteremo a citarne solo alcuni.
riccione_1Riccione (foto di laura Massimiliani) vede il debutto nel mondo master di Olivier Vincenzetti, uno che non aveva un buon rapporto con la nazionale azzurra tanto che decise di naturalizzarsi tedesco ad un certo punto della sua carriera. Vincenzetti  era un atleta che agli assoluti primaverili del 2002 aveva battuto un certo Terrin nei 50 Rana ed era arrivato poco dietro a Fioravanti con il tempo di 28”63. Vincenzetti vince i 200 rana M30 in 2’33″89  per 931,51 punti e i 100 rana M30 in 1’10″34 per 927,21 punti.
Gli Umbri sbancano il Trofeo Città di Riccione, con il Centro Nuoto Bastia (nella foto di copertina, Stefano Venanzi, Serena Peppicelli e Lucia Mezzopera, alcuni dei protagonisti del Bastia, foto di Venanzi) che si aggiudica il 1° posto con 76.862,22 punti, davanti alla squadra Lombarda della Rari Nantes Legnano che si ferma a 64.926,11 ed alla squadra di casa, il C. N.  UISP Bologna, la squadra dell’azzurro Marco Orsi, che arriva 3^ con 64.926,11 punti.
A Riccione si vedono tantissimi risultati interessanti.
Antonello Laveglia, M45 dell’Aquatic Forum chiude i 1500 SL in  18’17″30 pari a 944,04 punti.
Silvia Parocch, M45 del Molinella Nuoto chiude i 100 Farfalla in 1’10″52 pari a 958,88 punti ed esalta poi sui 100 dorso che vince in 1’10″74 pari a 1.009,33 punti, prendendosi un nuovo Record Europeo sul suo stesso tempo di 1’11”26 fatto lo scorso anno.
Mauro  Cappelletti, M45 dell’Ice Club Como, prova a prendersi il Record Italiano dei 100 Farfalla detenuto ora da Andrea Toja con 1’00”33 fatto agli ultimi Italiani ma ferma il crono a 1’00″94 che valgono 970,30 punti.
Ottima prova di Sabina Vitaloni, M40 della Derthona Nuoto che scalda i motori per il Trofeo casalingo di Città di Tortona nel prossimo week end, vincendo i 200 rana in 2’55″89 per 958,84 punti e i 100 in 1’21″62  per 946,58 punti.
Alberto Montini, M40 della Tibidabo, mette tutti i ranisti in riga con il 2’24″03 per 1.037,91 punti nei 200. Sarà mai possibile battere quel  Record del Mondo di 2’18”94 da lui stabilito nel 2009 con i supercostumoni? Montini si esalta anche nei 200 farfalla che chiude in 2’15″47 per 975,05 punti.
Belle le sfide anche nelle varie staffette, con Centro Nuoto Bastia, AICS Master Brescia e RN Legnano in particolare che se le danno di santa ragione con i leoni Bresciani che dominano in molte occasioni.
riccione_2Dovrà aspettare il 1° gennaio 2012 per omologare nuovi record di categoria ma intanto Mira Guglielmi, M60 Emiliana dell’Ass.Ne Amici Del Nuoto, fa le prove generali segnando 3’28″36 per 969,72 punti nei 200 farfalla che le sarebbe valso il R. I. ai danni di Rita Androsoni che detiene il risultato con 4’00”06 dal 2001!
Rischia di cadere un altro record importante, quello M25 di Massimiliano Quagliani nei 100 dorso, 1’01”42 fatto nel 2005 ed è Entoni Cantello del Master Brescia che minaccia il risultato con 1’01″77 per 942,20 punti.

Osvaldo Menotti  Bertuccelli della  Versilianuoto, si prende il record italiano M75 dei 100 rana sostituendo l’1’37”52 di Negri fatto agli ultimi Italiani, con 1’37″79 per 962,68 punti.
Bella prova nei 50 farfalla di Gabriele Maini, M45 del Master AICS Brescia, argento agli ultimi italiani dietro Rico Rolli e davanti ad Andrea Toja, che vince con 27″43 per 967,55 punti.
Podio eccellente nei 100 SL M40 con Cristiano Baldini dell’Aquatic Team Ravenna, 1° con 56″70 per 939,86 punti, Andrea Borsari del CN Uisp Bologna, 2° con 57″61 per 925,01 punti ed Enrico Capitani della D.N. Pontedera, 3° con 57″81 per 921,81 punti.
Sfiora il R. I. Gianluca Giglietti, M50 del Centro Nuoto Bastia che nuota i 100 SL in 58″59 per 948,80 punti, avvicinandosi al 58”34 di Marcello Guarducci, fatto nel 2007.

Record Italiano di Susanna Sordelli, M55 dell’Aquatic Forum che con 2’53″41 per 990,54 punti nei 200 dorso, batte il 2’53″56 del 2011 di Cristina Tarantino!

Cade un record di valore storico: Osvaldo Menotti Bertuccelli  del Versilianuoto batte il R. I. dei 100 SL M75 detenuto da Celio Brunelleschi con il tempo di 1’22”69 fatto nel 2001! Bertuccelli segna il nuovo record con 1’18″36 per  934,15 punti.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Al 21° Memorial Gnecchi si sfiorano i 1.000 partecipanti con una bassissima percentuale di donne, appena il 29% circa. È il Barzanò che si aggiudica il trofeo con 75.676,63 punti.
Martina Benetton, recente master della settimana di Swim4life, è stata la protagonista dei 200 SL M25, vinti in 2’14″16 pari a 935,15 punti!
Nella cat. M40 è invece Valeria  Vergani del Pratogrande Sport che fa la padrona vincendo in 2’12″65 pari a 975,20 punti, sfiorando il Record Italiano detenuto da Silvia Parocchi in 2’11”16 dal 2006.
La cat. M45 è invece di Daniela De Ponti  dell’NC Milano che vince in 2’19″49 pari a 953,55 punti.
È Mariarose Vecchi del Bergamo S. T. che con 2’51”48 per 857,88 punti si aggiudica la targa ricordo messa in palio per la miglior prestazione femminile M55 nei 200SL, in ricordo dell’atleta Maria Lamperti.
Tra gli uomini, bella sfida vinta sul filo di lana nella cat. M25, dove è Giorgio Romano  del Team Insubrika che conquista l’oro in 2’01″44 pari a 915,35 punti, davanti a Massimiliano Colombi  del Bergamo Swim Team che tocca la piastra a 2’01″92 pari a 911,75 punti.
Da annotare anche la prestazione di Fabio Calmasini, M40 del Leosport  che ferma il crono a 1’57″85 pari a 975,82 punti.
A Bergamo si rivede in gara anche l’ex azzurra Lara Consolandi, all’esordio nei master in questa stagione, M30 del Soncino che vince i 50 SL in 27″46  per 950,47 punti, minacciando il R. I. di Alfonsina Irace, fissato a 26”80 nel 2009 e vincendo i 100 SL in 59″97 per  950,48 punti, minacciando il R. I. di Monica Soro, fissato a 59”28 nel 2004.
Buone prestazioni di Max Gialdi nei 50 e 100 SL. L’atleta M40 del Bergamo Swim Team segna 23”80 e 53”62, totalizzando complessivamente 1.965,59 punti!

Cade il Record Europeo dei 400 Misti M40 femminile! Valeria Vergani del Pratogrande Sport conquista il risultato grazie al 5’15″77 per 993,63 punti, un soffio sui 5’15”87 della Spagnola Ana Grilo, fatto nel 2009. In italia si pende il Record Nazionale si Silvia Parocchi 5’24”223 del 2007.

Altro Record conquistato per questione di decimi. Andrea Florit, M50 del Rovigo Nuoto nuota i 100 rana in 1’10″64 per 981,60 punti, prendendosi il R. I. e cancellando l’1’10”74 fatto da Merli nel 2009!        

A Genova nel Trofeo GOA si presentano meno di 300 persone ma non mancano le emozioni.
Protagonista dei 200 e 400 SL è anche Bernardo Bordonali, M50 della Verolanuoto che chiude rispettivamente con i tempi di 2’10″86 per 937,72 punti e 4’33″58 per 966,30 punti.

Ancora Giulio Divano in cattedra. L’M80 dell’ Amatori Nuoto Savona stravolge tutti nei 100 Farfalla in 1’30″15 pari a 1.193,46 punti che gli valgono il nuovo primato del mondo, battendo il ceco Ziegler Jan che portava il record dal 2006 con 1’42”60!
Divano non si accontenta e fa risultato anche nei 100 misti con 1’31″52 pari a 1.036,06 punti, steccando di circa 1” il Record Mondiale di 1’30”18, detenuto dal 2008 dal nipponico Nakahari Zenji. Si accontenta però di aver conquistato almeno il Record Europeo, cancellando l’1’32”25 del tedesco
Karl Hauter che portava il record dal 2005!
Vincono i Nuotatori Genovesi  con  54.437,77 punti.

A Corato è il Netium Nuoto che si aggiudica il 1° Trofeo Peucetia.

Di Napoli e del Trofeo Blue Team ne abbiamo parlato dettagliatamente nello speciale di ieri. Clicca qui per leggerlo.

Ecco i risultati ufficiali completi:

8° Trofeo Città di Riccione

Trofeo GOA di Genova

Trofeo 21° Memorial Gnecchi di Bergamo

3° Trofeo Blue Team di Napoli

1° Trofeo Peucetia di Corato

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights