Roma

Tuffo di Capodanno, buon auspicio e tradizione, mista ad un pizzico di follia! Così si inaugura il nuovo anno.

Tuffo di Capodanno, buon auspicio e tradizione, mista ad un pizzico di follia!
Così si inaugura il nuovo anno. 

romadi Paco Clienti.
Da generazioni si ripete un evento diventato una tradizione, il tuffo di Capodanno!
A sfidare le condizioni atmosferiche avverse e l’acqua gelida, non curanti delle conseguenze alle quali si potrebbe incorrere considerando anche il cenone consumato la sera prima, sono sempre migliaia di intrepidi che rispettano l’appuntamento fisso ogni 1° Gennaio!
Sarà un modo per scacciare l’anno vecchio, per portarsi buon auspicio per l’anno nuovo o per sfidare se stessi, ma il tuffo di Capodanno è diventato ormai per tante persone un momento al quale non si rinuncia, forse anche per ritrovarsi ogni anno a sfidare insieme le acque con un pizzico di follia.

A Livorno il gruppo “Amici del mare” organizza da anni l’evento che vede circa 200 persone che si tuffano dal molo “Gabbiano”, presso la Rotonda di Ardenza, forse il punto più visibile della costa livornese. L’appuntamento è sponsorizzato anche dal Comune di Livorno, Ufficio Sport e dalla Provincia di Livorno che ogni anno pubblicizzano l’evento a livello mediatico e producono magliette personalizzate, consegnate a tutti coloro che si tuffano.

livornoSul Lago di Garda sono diverse le località dalle quali ci si tuffa nel nuovo anno: i primi a tuffarsi sono i desenzanesi che alle 9.30 di ogni anno si tuffano dalla spiaggia del Desenzanino. A Maderno, invece, la sfida sulle acque ghiacciate è prevista per le 11.00 sul lungo lago nella zona del campo ippico. A Gargnano, in località Fontanelle, sono giunti alla 6^ edizione del tuffo di Capodanno, mentre a Riva del Garda, presso il porticciolo in piazza IV Novembre, si terrà la 14^ edizione del tuffo di Capodanno, con circa 50 persone  guidate dall’organizzatore dell’evento Fabrizio Di Stasio.

A Catanzaro per il terzo anno consecutivo si ritrova il gruppo capitanato da Antonio Transtevere, Mario Caccavari, Umberto Crivaro e Antonio Saraco che  insieme alla squadra di nuoto Master “Gruppo polisportivo di Catanzaro”, sfidano le acque gelide del mare Jonio in occasione dell’evento “Tuffati con noi”. L’appuntamento calabrese fissato presso il Baraonda, è arricchito dal gruppo folcloristico guidato dal maestro Mezzatesta con canti popolari e balli e sullo sfondo ci saranno anche i fuochi d’artificio che partiranno da due cilindri posizionati ai lati della spiaggia in maniera anche da stabilire il confine entro cui consumare il grande tuffo.

tuffo_di_capodanno_terza_edizione_brindisi-bA Catania si svolge invece il “San Silvestro a mare”, una vera e propria gara, organizzata per la prima volta nel 1960 da Lallo Pennisi, istituzione della pallanuoto catanese, all’altezza del porto di Ognina, davanti al Circolo Canottieri Jonica, che vede ogni anno al 31 dicembre, partecipanti di tutte le cir_marinafasce d’età e di varie nazioni. La manifestazione, appoggiata dalla Provincia di Catania, dal Nuoto Catania, dalla FIN Sicilia, dal Circolo Canottieri Jonica, prevede la consegna di costumi e magliette ai partecipanti, nonché la calottina numerata che permetterà di individuare anche a distanza il vincitore di ogni singola categoria.

A Brindisi il 1° giorno dell’anno si festeggia con il tuffo in mare alle ore 11.00 con gli “Amici della Conca” che in collaborazione con il Comando Provinciale dei Vigili del fuoco di Brindisi, organizzano il “Tuffo di Capodanno”, giunto alla 3^ edizione. L’evento è da sempre legato alla solidarietà, in favore delle attività del “Gruppo Comunale A.I.D.O. Brindisi – Associazione Italiana Donatori Organi, Tessuti e Cellule” e si terrà come nelle precedenti edizioni presso “La Conca” sulla Litoranea Nord di Brindisi, Zona Sciaia. Singolare la benedizione religiosa delle acque prima del tuffo. 

A Cirò Marina quest’anno si terrà il 1° Tuffo di Capodanno 2012, presso la sede della Lega Navale, al termine de quale saranno premiati il più giovane e il più anziano tuffatore sia per gli uomini che per le donne. Tutti i partecipanti riceveranno comunque un gadget ricordo dell’evento.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

A Viareggio l’arenile antistante piazza Mazzini sarà il palcoscenico del Tuffo di Capodanno come ogni anno. L’organizzazione prevede addirittura strutture mobili installate sul posto per l’allestimento degli spogliatoi. Dopo la presentazione dell’evento e la firma sull’apposito registro, alle ore 12.00 si darà il via alla corsa verso la battigia per il tuffo collettivo.

gemellaggioA Napoli, presso la spiaggia delle Mortelle del porto Granatello di Portici, si tiene il Tuffo di Capodanno da ormai 20 anni circa e che dal 2007 è stato organizzato in maniera ufficiale dal “gruppo 1° Gennaio” che insieme ad alcuni atleti della società di Nuoto Master “Gabbiano” di Napoli, festeggiano il 1° giorno dell’anno a sfondo ambientalistico. L’evento, al quale presenzia anche la Croce Rossa, è infatti finalizzato al recupero del mare di Portici, patrimonio naturalistico abbandonato però da tempo al suo destino ed all’inquinamento, non curato dalle istituzioni locali. 
Il gruppo 1° Gennaio di Napoli è inoltre gemellato con le organizzazioni del Tuffo di Capodanno di Levanto e di Gaeta, quest’ultima gestita dal nuotatore master Giorgio Marinaccio. 

tuffo_2012_levanto

Ma i temerari atleti del Gabbiano Napoli, non contenti dell’impresa del 1° gennaio, sfideranno le acque gelide anche il 6, per il 2° Tuffo dell’anno alla Befana!

A Roma da anni si tiene il consueto tuffo dai ponti nel Tevere, ma la tradizione del tuffo di Capodanno si svolge anche in altri paesi del mondo ed in particolare in Olanda, dove con il ijskoude duik, tuffo ghiacciato in olandese, si celebra il nuovo anno in oltre 60 città, con tuffi in mare o
in lago. Nonostante il freddo, sono almeno 25.000 le persone che si tuffano nelle acque gelide ogni 1° gennaio. La tradizione ebbe inizio nel 1960, quando un club di nuoto decise di iniziare l’anno con un tuffo in mare. Il tuffo di Capodanno è diventato olandatradizione nazionale dopo la sponsorizzazione da parte di una nota marca di zuppa. Da quel momento, il numero di partecipanti e siti è aumentato ogni anno.

Tra i siti più rilevanti c’è la spiaggia di Scheveningen, dove ogni capodanno oltre 10.000 persone si tuffano in mare. È una scena da non perdere, almeno come spettatore!

Non ci resta che augurare a tutti voi un buon tuffo e che il 2012 sia un ottimo anno nuovo, con affetto, da Swim4life.it!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

                                                  s4l_03_esteso   Logo_Quelli_che_il_nuoto_lo_amano

MAD_3_2012

                                                                                                                                                    © Dream Works Animation



Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine