Federica_Pellegrini_intervista_Swim4life_00

La nuova Pellegrini è a pancia in su? La Fenice è tornata, ma non solo sul dorso! A Riccione ha sbancato sfiorando il primato italiano nei 200 dorso.

La nuova Pellegrini è a pancia in su? La Fenice è tornata, ma non solo sul dorso!
A Riccione ha sbancato sfiorando il primato italiano nei 200 dorso.

Federica_Pellegrini_intervista_Swim4life_00di Paco Clienti
La fenice è rinata dalle ceneri, ancora una volta! I recenti Campionati Italiani Primaverili, conclusi sabato scorso a Riccione, l’hanno eletta tra le protagoniste assolute ed i fatti parlano chiaro, Federica Pellegrini è sulla buona strada per la resurrezione dopo essere letteralmente decaduta alle Olimpiadi di Londra 2012! Il 2012, una stagione strana, quella in cui veniva da un mondiale dominato, quella in cui aveva dimostrato inizialmente di essere sempre quella da battere, con gli Europei di Debrecen vinti nei 200 stile, oltre i titoli italiani conquistati sia agli Italiani Assoluti Invernali che Primaverili. L’anno in cui la campionessa doveva consacrarsi definitivamente alle Olimpiadi alle quali cercava la continuità dopo Pechino 2008 e dove invece è caduta senza riuscire mai a contrastare i duri colpi inflitti dalle varie Allison Schmitt, Camille Muffat, Bronte Barratt e Rebecca Adlington che le hanno portato via tutte le piazze dei 200 e 400 stile, le specialità in cui lei era la più forte al mondo da anni! E poi il gossip per la storia finita con Luca Marin e quella iniziata con Filippo Magnini, il tanto, troppo gossip che ha fatto campare i giornaletti scandalistici per mesi e mesi e che intanto hanno contribuito ad affondare ancora di più una Pellegrini già in crisi di risultati. Si archiviano le deludenti Olimpiadi, si sceglie di cambiare guida tecnica, si punta ancora sul francese Philippe Lucas ma ci sono troppi impedimenti per far si che questo matrimonio si ricostruisca.

Federica_Pellegrini_intervista_Swim4life_01E quindi si parla ancora di lei e solo di lei, delle incomprensioni con la Federazione Italiana Nuoto e del suo futuro incerto, una situazione che nessuno, compresa lei, poteva immaginare nemmeno lontanamente fino a poco prima delle Olimpiadi. Infine la scelta di prendersi un anno sabatico, lontana dalla pressione delle gare internazionali dove avrebbe reso la sua presenza solo per le staffette, tanto che agli Italiani Invernali 2012 non si presenta per nessuna gara individuale! Venir fuori da tutto questo non sarebbe stato facile per nessuno, a maggior ragione per lei che ha dimostrato di essere talvolta fragile caratterialmente. Ed invece la leonessa, o la divina, come meglio si preferisce chiamarla, è venuta fuori ancora una volta, sbalordendo tutti in occasione di questi Campionati Italiani Assoluti Primaverili! Arianna Barbieri ed Elena Gemo probabilmente avranno pensato “ma perché competere proprio nel dorso?”. Si, perché la Fenice ha deciso che la strada giusta per risorgere era quella di girarsi a pancia all’aria, per guardare tutto sotto un’altra visuale! Ebbene, il risultato è stato sino ad ora sbalorditivo! Un titolo italiano nei 100 dorso con un rispettosissimo crono di 1’00”69 con il quale si è messa dietro le specialiste Elena Gemo ed Arianna Barbieri ed uno straordinario titolo italiano nei 200 dorso, nei quali oltre a sbaragliare la concorrenza delle rivali più esperte della specialità quali Ambra Esposito e Carlotta Zofkova, ha fatto anche tremare Alessia Filippi che da casa ha assistito all’incredibile gara della Fede nazionale che con 2’08”05 ha sfiorato l’impresa di registrare il nuovo Record Italiano, proprio quello detenuto dalla Filippi con 2 centesimi in meno, fatto ai Giochi del Mediterraneo di Pescara del lontano 1987! Insomma, la Pellegrini ha fatto stropicciare gli occhi e sfregare le mani a molti italiani che quasi increduli hanno poi assistito alla conquista del titolo italiano anche nei 200 stile libero in cui ha siglato il miglior crono stagionale a livello mondiale!
Federica_Pellegrini_intervista_Swim4life_07Questo è solo l’inizio, così come lascia intendere lei che nonostante tutto resta ferma nell’idea di rimanere a riposo in campo internazionale per tutta questa stagione. Ma sarà realmente così a Barcellona? L’occasione per capire qualcosa di più della nuova Fede, l’abbiamo avuta proprio a Riccione, dove con lei ci siamo confrontati in una breve intervista.

Com’è ogni volta tornare allo Stadio del Nuoto di Riccione per i Campionati Italiani?
«È sempre una bellissima esperienza, anche perchè questa è una vasca molto veloce, molto bella e che regala sempre molte emozioni, per cui per me è sempre una piacevole esperienza tornare a gareggiare qui.»

In questi giorni riccionesi hai girato in una veste molto alla moda, anche quando arrivavi in piscina. Zainetto colorato, scarpette brillanti, giubbetto in pelle…un po’ stile Lochte?
«Sono sempre stata un po’ così, alla moda diciamo – risponde sorridente la Pellegrini – mi piace vestire in maniera un po’ più particolare.»

Lochte ha una grande passione per la moda e sogna di diventare uno stilista in futuro. È una cosa che potrebbe interessare anche te?
«Non è ancora in programma una cosa del genere, ma in futuro chissà.»

A proposito di esporsi, tu sei sempre stata abbastanza riservata a livello mediatico. Nonostante si viva l’era dei Social Network, tu hai continuato esclusivamente a dare alcune notizie di te solo attraverso il tuo blog. Da qualche giorno invece sei sbarcata su Twitter! Cosa ti ha fatto cambiare idea?
«Sinceramente perché fondamentalmente ci sono tante persone che si sono spacciate per me, aprendo profili falsi e mettendo in giro anche notizie non vere che mi riguardavano, quindi principalmente l’ho fatto per eliminare tutti i fake che sono venuti fuori in questi anni.»

Federica_Pellegrini_intervista_Swim4life_03Adesso parliamo di nuoto. Ti sei riscoperta una dorsista di primo livello. Ora dovrai vedertela con la Franklin ai mondiali! Cosa ti manca per starle addosso?
«Ma no, l’obiettivo non è sicuramente quello di stare addosso alla Franklin, non sono una dorsista. Qui a Riccione ho fatto delle buone gare ed intanto mi sono qualificata per i Mondiali, poi vedremo cosa riusciremo a fare a Barcellona, ma senza nessun obiettivo stratosferico.»

Secondo te cosa pensano le tue avversarie italiane dei 100 e 200 dorso adesso che devono confrontarsi con te?
«Bè si tratterà solo di quest’anno insomma, non è una cosa a lungo termine, quindi non penso di diventare una rivale a tempo pieno.»

A proposto, ti sei riscoperta fortissima nel dorso e sei sempre fortissima nello stile libero come hai dimostrato qui ai Campionati Italiani Primaverili. Una come te non dovrebbe cavarsela male nel delfino e non so come tu vada a rana, ma…ci hai mai pensato a preparare un bel 200 misti?
«Non credo proprio – risponde quasi imbarazzata la Pellegrini – i misti non fanno per me perché poi a rana non sono per niente coordinata. Non è uno stile che nuoto e non riesco a farlo per niente bene. Nei misti poi la rana è uno stile fondamentale e quindi non penso proprio di poter riuscire a farli nemmeno se mi impegnassi.»

Federica_Pellegrini_intervista_Swim4life_05In questi Campionati Italiani Primaverili hai stupito te stessa e tutti gli spettatori con le due straordinarie gare nei 100 e 200 dorso, ma paradossalmente hai forse stupito anche di più per quanto hai fatto poi nei 200 stile libero! Hai fatto meglio degli italiani del 2011 e delle Olimpiadi ed hai registrato il miglior crono mondiale stagionale, appena un secondo oltre il crono con il quale vincesti i mondiali di Shanghai due anni fa…ma quante vite ha Federica Pellegrini?
«Tante, davvero tante. In effetti però non mi aspettavo nemmeno io di andare così forte nei 200 dorso. I 200 stile poi sono venuti fuori un po’ di conseguenza.»

Ma a questo punto la scelta di prendersi una pausa o anno sabatico che sia, adesso potrebbe essere rivista in occasione dei vicini Mondiali di Barcellona?
«Nonostante i buoni risultati raggiunti in questi campionati, in ogni caso quest’anno continuerà comunque ad essere così come avevo prefissato. Ho scelto il riposo e così deve essere fino alla fine della stagione. Nessun ripensamento, nessun cambio di programma ed anche se in questi italiani è venuto fuori un buon 200 stile, non mi presenterò nella gara individuale dei mondiali.»

Quanto conta per te avere le giuste certezze, le persone giuste al momento giusto e seguire un allenatore in cui credi ciecamente?
Federica_Pellegrini_intervista_Swim4life_04«Tantissimo! Tutto questo è fondamentale.»

Meglio essere più forti tecnicamente o mentalmente?
«Non si può fare a meno di entrambe le cose! Se si vuole eccellere in questo sport, ci deve essere al 100% sia la testa che la tecnica.»

Com’è allenarsi con un coach a distanza? Cosa si perde o cosa si guadagna?
«È bello, o meglio, è funzionale, anche perché fortunatamente conosco molto bene Philippe e lui conosce molto bene me, quindi il fattore distanza si minimizza e non cambia nulla e non incide per il buon rendimento degli allenamenti.»

Una volta archiviati i mondiali però, a partire da settembre sarai a Narbonne. Cosa ti aspetti dalla futura vita francese?
«Moltissimi allenamenti, molto duri.»

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights