i_want_you_swimmer

Caldo nuoto mercato master anche per la AICS Master Brescia! Oltre Montini, ha già preso altri big.

Caldo nuoto mercato master anche per la AICS Master Brescia!
Oltre Montini, ha già preso altri big.

i_want_you_swimmer

di Paco Clienti
La scorsa settimana abbiamo introdotto l’argomento “mercato atleti master” parlando di una realtà giovane quale la Nuotopiù Academy, forse la società più calda di questo mercato master di inizio stagione (clicca qui per leggere l’articolo)!
Sembra paradossale, ma anche se ci troviamo in un contesto non professionistico, ogni anno le società di nuoto fanno carte false per accaparrarsi gli atleti migliori oltre che impegnarsi per allargare la squadra e questo è un interessante spunto di riflessione.
Molte sono le motivazioni che spingono un atleta a cambiare aria. A volte sono le necessità della vita di tutti i giorni, con gli impegni di lavoro, di studio, o relative alla propria famiglia.
In altre circostanze però, ci sono anche altri fattori che portano un atleta a decidere di cambiare.
Cambiamenti al vertice, ricerca di nuovi stimoli, nuovi progetti o nuovi traguardi, sono tra le motivazioni che portano un atleta a scegliere di cambiare squadra e cedere talvolta alle avance di altre società.
Qualsiasi sia la motivazione, l’atleta che è pronto a cambiare viene risucchiato nel vortice del mercato master!

Emiliano_Caprioli_AICS_Master_Brescia

Oggi parleremo dei movimenti di mercato che sta apportando la AICS Master Brescia, una delle società storiche del movimento master italiano, ritornata nella scorsa stagione a scendere in acqua dopo aver utilizzato la base d’appoggio della Tuathà Dè, una delle squadre più titolate del Circuito degli ultimi anni.

Dopo il ravviamento nella scorsa stagione, si sta mettendo a punto il nuovo motore con il quale della leonessa bresciana gareggerà per la stagione 2013/2014! Parliamo degli sviluppi e dell’argomento mercato con il tecnico Emiliano Caprioli (nella foto a destra).

La AICS Master Brescia si è mossa in maniera prepotente sul mercato e pare che abbia già ufficializzato alcuni prezzi pregiati per la stagione 2013/2014. Chi avete preso ufficialmente?
«Ufficialmente abbiamo preso Fabio Calmasini, Yuri Gotti, medagliato agli italiani assoluti di qualche anno fa nei 1500 stile libero, Andrea Maniero, Fabio Marussig ed Alberto Montini.»

Come avete convinto Alberto Montini a tornare in “patria”?
«Montini ritorna nel gruppo storico in cui è esploso dimostrando al mondo il suo immenso valore per amicizia e voglia di fare qualche staffetta. Sarebbe da chiedere anche a lui il perché ha deciso di tornare nel gruppo che fu Tuathà dè prima di ritornare AICS Master Brescia.»

Ed abbiamo sentito Montini che senza indugio ha confermato i presupposti già accennati da Caprioli.
«È stato un insieme di cose – ha affermato Montini – ricerca di nuovi stimoli, possibilità di staffette molto competitive, in minima parte pure la vicinanza dell’impianto, ma penso che le amicizie abbiano avuto la maggior influenza su questa mia decisione

Europei_Nuoto_Master_Eindhoven_2013_foto_di_Giulia_Noera_foto_2

Oltre gli atleti già citati, quali altri hanno ceduto alle sirene dei leoni bresciani! Avete altri colpi in canna?
«Vorremmo tesserare una donna forte in modo da avere una staffetta forte come quelle maschili e potenziare le mi-staffette. In rosa abbiamo già Chiara Orioli e Leda Bubola, più altre buonissime e storiche gragarie.»

Qual è l’obiettivo di questo ampliamento spaziale della squadra? A cosa punterà la AICS Master Brescia l’anno prossimo?
«Vorremmo essere il Team Italiano più medagliato ai prossimi mondiali in Canada.»

Sappiamo che anche la presidenza è variata, con l’arrivo di Franco Olivetti che succede a Mario Vittoriali. Olivetti è un membro storico di questa squadra, così come Vittoriali, ma il cambiamento al vertice porterà qualche cambiamento sostanziale al gruppo? Si sentirà l’assenza di Vittoriali? 
«L’avvicendamento Vittoriali – Olivetti è nel segno della continuità. Vittoriali resta nel CDA come consigliere, garantendo il consueto apporto di saggezza ed esperienza; Olivetti porterà sicuramente un pò di estro, qualità che lo contraddistingue. Anche per questa domanda, sarebbe da sentire anche i diretti interessati.»

E noi abbiamo sentito sia Olivetti che Vittoriali che hanno espresso parole di entusiasmo che lasciano comprendere qual è il clima dell’AICS Master Brescia.
«Cercherò di portare ancora qualche atleta forte – ha affermato Olivetti – Noi puntiamo al primo posto nella classifica fino a 70 atleti e parteciperemo, spero, con parecchi atleti ai Mondiali di Montreal. Abbiamo già tra i nostri Alberto Montini, Fabio Calmasini, Juri Gotti, Andrea Maniero e spero presto altri di notevole caratura.»

«Come ha già detto Emiliano, l’avvicendamento alla presidenza è nel segno della continuità – ha affermato Vittoriali – essendo il sottoscritto e Franco Olivetti i fondatori dell’AICS Master Brescia. Ad essere sinceri, prima di decidere la mia uscita, ho posto come condizione che la presidenza fosse data ad Olivetti ed a nessun altro della squadra. Questo fa ben capire l’amicizia, la stima reciproca e la quasi fratellanza che divido con Olivetti. Inoltre ritengo giusto e doveroso l’avvicendamento ed il rinnovamento, spazio ai giovani. La società è andata in mani sicure, io resto come atleta “anziano” a disposizione di tutti coloro che vorranno attingere alla mia esperienza.»

Sulla carta, nel nuoto master non ci sono, ufficialmente, interessi economici. Perchè allora certe grandi società fanno l’impossibile per accaparrarsi i più forti e proporre sempre nuovi progetti master?
«Cosa facciano le altre società non lo so. Noi personalmente viviamo di sfide, alzare l’asticella puntando all’eccellenza è nel nostro dna ed in quello del nostro partner Akron di cui siamo il team in ambito master. Quello che ci muove è passione e voglia di primeggiare.»

Entoni_Cantello

È evidente che qualcosa è cambiato nel settore master. Quali sono i vantaggi economici e “politici” di essere una grande squadra master che fa grandi risultati?
«Non vedo particolari vantaggi dal punto di vista politico, né tantomeno dal punto di vista economico, anzi, le stagioni sono sempre più dispendiose.»

Quali sono invece i vantaggi degli atleti di far parte di una grande squadra e società master?
«I grandi atleti hanno bisogno di grandi sfide e grandi stimoli; confrontarsi con pari atleti aiuta a  mantenere motivazioni e “fame” sempre alte. Le staffette sono una bellissima ciliegina sulla torta.»

Emiliano Caprioli ci tiene a chiude l’intervista con una nota:
Per quanto riguarda la stagione precedente, senza entrare nel merito dei singoli (tutti encomiabili), una citazione particolare di merito va ad Entoni Cantello (nella foto a destra), campione europeo dei 100 dorso e nuovo detentore del record europeo nella stessa distanza ed un messaggio di solidarietà ad Alessandro Pontalti, sfortunato nell’infortunarsi a pochi giorni dai Campionati Italiani Master di Trieste, ma che quest’anno, a maggior ragione, avrà voglia di riscatto.

Intanto ci sono importanti aggiornamenti dal caldo mercato della Nuotopiù: il campione del mondo che era in fase di scelta, era Massimiliano Eroli e proprio in questi giorni ha chiuso l’accordo e vestirà in questa stagione la cuffietta della Nuotopiù! Anche Enrico Capitani ha confermato, insieme al ranista fortissimo che era stato accennato da Lococciolo e che oggi si può dire, è Federico Fornaris, classe ’78, 1’04” sui 100 rana e 2’18” sui 200 rana in vasca in lunga nella sua vita da agonista!

Per ora ci fermiamo qui, in attesa di altre calde notizie di mercato master!

Stay tuned only on Swim4life!

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights