2_Trofeo_Swin4Life_-_Memorial_Casale_2014_Niccolo_Beni

Beni attaccato da un anonimo, ecco a cosa portano le frustrazioni.

Beni attaccato da un anonimo, ecco a cosa portano le frustrazioni.
L’Italia resterà ferma, anzi andrà indietro, se si continua così.

2_Trofeo_Swin4Life_-_Memorial_Casale_2014_Niccolo_Benidi Paco Clienti
Quando la frustrazione supera l’impegno professionale. Quando il sentirsi inferiore è talmente più grande della voglia di rifarsi. Quando ci si sente talmente fuori competizione che ci si aggrappa ad un attacco, gratuito come sempre, per tentare di infangare o mettere i bastoni tra le ruote, spesso inutilmente, a chi sta davanti ed appare imprendibile. Tutto questo è accaduto a Niccolò Beni, olimpionico ai Giochi di Pechino 2008, ritiratosi ufficialmente dalle competizioni solo due mesi fa in occasione del 2° Trofeo Swim4Life – Memorial Casale, vittima, si fa per dire, di un attacco di qualcuno che con una dose molto limitata di intelligenza ha deciso di scrivere una lettera che contiene accuse particolarmente gravi, nascondendosi poi dietro l’anonimato.
La lettera anonima è stata inviata alla Gazzetta dello Sport che ha deciso di pubblicarla su Questione di Stile, scelta della stimata Redazione Rosa sulla quale non ci sentiamo di giudicare.
Nelle accuse si tirano in ballo le attività di famiglia seguite anche da Niccolò Beni, quali il famoso negozio specializzato per il nuoto “Nuoto Extremo”, il “NESC”, un validissimo progetto di formazione per i ragazzi e l’attività politica dello stesso Beni, candidato alle elezioni di Bagno a Ripoli, in lizza con la lista civica “Guarda avanti” ed al “Quartiere Uno” di Firenze.

Nelle accuse scritte, l’anonimo si chiedeva come può un arruolato per un Gruppo Sportivo quale l’Esercito, essere impegnato in tutte queste attività essendo già alle dipendenze statali.
Ebbene la risposta di Beni è arrivata ed ha fatto anche molto rumore dopo essere stata pubblicata da Questione di Stile. In breve, Nicco chiarisce che in virtù del suo ritiro dalla carriera agonistica, è uscito dal Gruppo Sportivo dell’Esercito ed attualmente presta servizio presso una caserma a Firenze, dove lavora dalle 8.00 alle 16.30, tutti i giorni lavorativi della settimana, dopo di che si organizza per fare lavori extra, cosa non vietata legalmente. Ancora ha chiarito che nel tempo libero, fuori dall’orario di lavoro, presta la sua immagine all’attività di famiglia, Nuoto Extremo, senza percepire ovviamente alcuna retribuzione e che quando è presente anche lui agli stand tenuti da Nuoto Extremo in giro per l’Italia in occasione di manifestazioni di nuoto ed ai Camp del NESC, lo fa usufruendo delle ferie, del recupero degli straordinari, con le guardie e tutto quanto il contratto di lavoro gli consente di fare regolarmente. Inoltre, nel weekend, anziché rilassarsi e riposarsi, decide di impegnarsi con i suoi familiari per dare l’immagine migliore possibile al loro negozio. Infine la politica, settore nel quale tutti i cittadini residenti in Italia hanno la facoltà di candidarsi, compresi i militari.

Ebbene, tutte le diffamazioni fatte da questo anonimo ad un ragazzo umile, ex atleta di grande caratura, militare, che ogni mattina si alza per andare a lavorare contribuendo al PIL, cosa che oggi accade sempre meno in Italia, che canta l’Inno Italiano fiero, che paga regolarmente tutte le tasse e nel tempo libero aiuta l’attività di famiglia, ci sembra davvero penosa.

Spesso certe persone si espongono senza sapere nemmeno di cosa stanno parlando e senza conoscere veramente coloro che tentano di diffamare, ai quali provano a rendere la vita difficile. È capitato anche a noi in più di una occasione, la più recente a Riccione durante i Campionati Italiani Master.
Una sola riflessione ci passa per la testa: ecco perché l’Italia non va avanti! Ci si sofferma troppo a guardare quei pochi che riescono a fare qualcosa di buono e si tenta di affossarli, anziché impegnarsi a prenderli d’esempio e rendergli i giusti meriti ed il meritato rispetto.

Commenta i nostri articoli sui Social Network.
Swim4life è anche su:

Facebook, diventa fan: www.facebook.com/Swim4life.it
Twitter, diventa follower: www.twitter.com/Swim4life_it

Swim4life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights