nuoto-paralimpico-convocati-azzurri-europei-madeira-2020

Nuoto Paralimpico, le considerazioni del CT Riccardo Vernole in attesa delle World Series

Lignano freme per accogliere oltre 450 atleti che animeranno il Villaggio Bella Italia per tutta la settimana

Più si avvicina l’evento, più sale l’attesa e l’emozione per la prima volta delle World Series di Nuoto Paralimpico che dopo essere passate Danimarca (Copenaghen 2-4 Marzo), dagli Stati Uniti con la tappa di Indianapolis (19-21 Aprile) e dal Brasile per la tappa di San Paolo (26-28 Aprile), sbarcheranno in Italia e più precisamente a Lignano Sabbiadoro che rappresenterà uno dei sei porti del tour mondiale.

L’appuntamento, atteso nel Villaggio Bella Italia (ex GeTur, ndr) dal 24 al 27 maggio, riveste un’importanza non indifferente, perché oltre a essere sede di valutazione per le convocazioni degli atleti Azzurri ai prossimi Campionati Europei in programma a Dublino dal 13 al 19 agosto, sarà anche crocevia delle riclassificazioni internazionali.

«Le riclassificazioni rappresentano sicuramente un elemento che aggiunge valore a questo appuntamento – ha dichiarato il CT Riccardo Vernole nell’intervista realizzata a Swim4Life Magazine – Noi avremo tredici atleti da classificare, undici con disabilità fisica e due visivi, ma ci sono tanti altri Paesi che verranno a Lignano per riclassificare i loro atleti, europei ma anche asiatici che quest’anno disputeranno i loro campionati continentali. Purtroppo in conseguenza al nuovo regolamento delle classificazioni del World Para Swimming che prevede la review per tutti, ci siamo ritrovati a gennaio nel prendere coscienza del fatto che avremmo dovuto classificare in questa stagione non solo i nuovi atleti, ma anche quelli che già avevano una classificazione internazionale e non pochi sono stati i problemi che abbiamo riscontrato in merito. Ci siamo confrontati numerose volte con il World Para Swimming in merito alle slot per le riclassificazioni e ci hanno assicurato che per alcuni atleti potenzialmente da primi posti delle ranking europee, avremo la possibilità di avere posti, seppure non definiti, in occasione dei giorni precedenti gli Europei di Dublino»

Quindi con il rischio che magari qualche atleta possa ritrovarsi in una classe sportiva non più competitiva?
«Purtroppo è un rischio da correre, anche se in questi ultimi anni abbiamo ragionato sempre con la filosofia che per essere di interesse nazionale in prossimità dell’evento clou della stagione, l’atleta doveva avere una classificazione ben definita. Nel caso di queste nuove review del World Para Swimming, non essendo colpa degli atleti e nemmeno nella Federazione, non essendoci altre opportunità di classificazione dopo Lignano, ci prenderemo il rischio di portare a Dublino alcuni atleti da riclassificare, purchè abbiano raggiunto i criteri di qualificazione da noi stabiliti a inizio stagione»

Sarà una bella avvenura.
«Si, sarà una bella avventura e non ti nascondo che dal punto di vista strategico avevamo altri progetti: dare priorità ai nuovi atleti alle classificazioni di Lignano e riclassificare alcuni top level direttamente agli Europei di Dublino»

Per quanto riguarda strettamente l’impegno in vasca invece, che valore ha questo appuntamento?
«Ha un valore grosso, perché sarà una tappa importantissima per quella che sarà la selezione della squadra nazionale, ma anche occasione per osservare da vicino nuovi atleti forti di altri Paesi. Il nuoto paralimpico si muove sempre su due binari: quello della programmazione e quello dell’imprevisto che vede l’arrivo di nuovi atleti forti in determinate classi sportive che sconvolgono un po’ le ranking, cosa successa anche a noi con Carlotta Gilli nel 2017 ad esempio. Ben venga questo, ma da esperti del settore sappiamo che proprio per questo non possiamo mai essere sicuri del risultato finale. Avremo in ogni caso l’onore di far gareggiare nelle nostre acqua atleti di spessore internazionale come Daniel Dias e Rebecca Meyers, fattore che credo potrà farci migliorare anche sotto l’aspetto competitivo da parte degli atleti di medio livello che potranno fare un’esperienza importante e stimolante. Per me sarà anche un momento importante di confronto con il World Para Swimming che sarà presente all’evento, per chiarire alcuni aspetti e confrontarsi su alcune strategie affinchè gli investimenti da parte delle Nazioni possano essere più fruttiferi per il bene del movimento nuoto paralimpico»

La location è veramente ideale per ospitare un evento di nuoto paralimpico di tale portata, al punto da poter essere quasi paragonata a un villaggio olimpico, un dettaglio non da poco che aggiunge enfasi all’evento. Che atmosfera si respira in Federazione a pochi giorni dalle Word Series?
«Beh, in questa settimana ci saranno per noi quattro grossi eventi: le riclassificazioni degli Azzurri top level, le World Series organizzate per la prima volta in Italia e ovviamente i Campionati Italiani Società con la finalissima Futuri Campioni. Credo che l’epilogo dei risultati influenzerà in maniera importante sia la stagione che la programmazione per le Paralimpiadi di Tokyo 2020. Si può ben immaginare quindi che siamo tesi ma allo stesso tempo entusiasti di questo evento»

Quanto è stato complicato organizzare questa tappa di World Series in Italia?
«Da parte del COL e della FINP c’è stata un’organizzazione impressionante, soprattutto se pensi che soltanto quando entri veramente nel vivo dell’impegno, inizi a capire a livello operativo quello che devi strutturare. Parliamo di una grandissima sfida, ma abbiamo un COL fatto da persone molto attente e professionali, altrimenti non avremmo nemmeno avanzato istanza al World Para Swimming di ospitare questa tappa. Eravamo convinti che sarebbe stato l’appuntamento più partecipato tra tutte le tappe e molto probabilmente sarà così, perché abbiamo un alto numero di atleti iscritti e soprattutto numerosi Paesi partecipanti»

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Che risultati ti aspetti da questo appuntamento?
«Parlando di Campionato Italiano Società, forse vedremo cessare il dominio delle squadre romane durato per oltre quindici anni, mentre a livello individuale non ho grosse pretese, anche se, essendo un evento internazionale importante, speriamo di poter primeggiare al termine delle tappe così come nella scorsa edizione con Monica Boggioni»

Calendario World Series 2018:

  • Copenhagen (Danimarca), 2-4 Marzo 2018
  • Indianapolis (USA), 19-21 Aprile
  • San Paolo (Brasile), 26-28 Aprile
  • Lignano Sabbiadoro, 23-26 Maggio
  • Sheffield (Gran Bretagna), 31 Maggio – 3 Giugno
  • Berlino (Germania), 7-10 Giugno

Programma Gare World Series Lignano 2018

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Swim4Life Magazine contribuisce dal 2011 a:

  • divulgare l’informazione sul nuoto della categorie Assoluti, giovanili, Paralimpici e Master
  • divulgare informazioni di interesse generale in merito ad alimentazione, salute, tecniche di nuotata e allenamenti
  • divulgare informazioni di interesse generale a riguardo dell’ambientamento bambini all’attività natatoria

Inoltre segue da vicino gli eventi più importanti di nuoto regalando migliaia di immagini realizzate da bordo vasca, offre notizie di anteprima e interviste ai protagonisti del nuoto di tutte le categorie, oltre ad allietare i lettori con svariati argomenti di Lifestyle.

Se il lavoro svolto fino ad oggi ti piace e ti farebbe piacere trovare sempre disponibile e aggiornato Swim4Life Magazine anche in futuro, abbiamo bisogno del tuo contributo.

Aiutaci a sostenere le spese necessarie a mantenere vivo questa Testata Giornalistica Registrata donando a tuo piacere per la nostra attività, te ne saremo immensamente grati!

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine