photo: Harry How / Getty Images

Nuoto, USA Swimming chiede la sospensione delle Olimpiadi Tokyo 2020!

Entrano in scena di Statunitensi che chiedono a gran voce di rinviare i Giochi di un anno, la salute degli atleti prima di ogni cosa

“La massima priorità per USA Swimming è stata e continuerà ad essere la salute e la sicurezza dei nostri atleti, allenatori, personale, volontari e altri membri. Mentre questa pandemia globale è cresciuta, abbiamo visto i mondi dei nostri atleti capovolti e li abbiamo visti lottare per trovare il modo di continuare a prepararsi e allenarsi, per la più grande opportunità competitiva della loro vita. I nostri nuotatori di livello mondiale sono sempre disposti a gareggiare con chiunque, sempre e ovunque; tuttavia, spingersi avanti tra la crisi sanitaria globale questa estate non è la risposta”

Esordisce con queste forti parole la lettera aperta di Tim Hinchey, amministratore delegato di USA Swimming, indirizzata a Sarah Hirshland, CEO del Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti, chiedendo con convinzione e senza mezzi termini la sospensione delle Olimpiadi di Tokyo 2020 a causa dell’emergenza mondiale causata di contagi del Coronavirus Covid-19.

“La cosa giusta e responsabile da fare è dare la priorità alla salute e alla sicurezza di tutti e riconoscere adeguatamente il bilancio che questa pandemia globale sta assumendo sui preparativi atletici. Ha trasceso i confini e ha provocato il caos su intere popolazioni, comprese quelle dei nostri rispettati concorrenti – prosegue Tim Hinchey nella lettera – Tutti hanno sperimentato interruzioni inimmaginabili pochi mesi prima dei Giochi Olimpici, che mettono in discussione l’autenticità di condizioni di parità per tutti. I nostri atleti sono sottoposti a tremende pressioni, stress e ansia e la loro salute mentale e benessere dovrebbero essere tra le massime priorità”

Le argomentazioni di USA Swimming non sono certamente discutibili e considerando sia l’aspetto salute, primario in questo tragico momento per tutto il mondo, sia tutto ciò che ne consegue da questa pandemia che sta vedendo numerose attività lavorative completamente ferme, mercati in borsa colati a picco, rubinetti delle banche completamente chiusi e strutture sanitarie al collasso, si dovrebbe decidere in fretta in merito all’evento e molto probabilmente la cosa più saggia da fare è di rimandare la XXXII edizione delle Olimpiadi.

“È con l’onere di queste serie preoccupazioni che chiediamo rispettosamente che il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti sostenga la proposta di rinviare le Olimpiadi di Tokyo 2020 di un anno. Non ci sono risposte perfette e non sarà facile – conclude Tim Hinchey – tuttavia, è una soluzione che fornisce un percorso concreto da qui in avanti e consente a tutti gli atleti di prepararsi per i Giochi Olimpici sicuri e di successo nel 2021. Esortiamo pertanto il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti, come leader all’interno del Movimento Olimpico, a usare la sua voce e parlare per gli atleti”

In altre parole, l’invito di Tim Hinchey al Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti è “Fatti sentire al Comitato Olimpico Internazionale, imponiti, alza la voce e rimandiamo queste benedette Olimpiadi!”

Alla data di oggi i contagiati in tutto il mondo hanno superato quota 234mila con quasi diecimila decessi – dati ufficiali Arcgis – e la pandemia risulta tutt’oggi difficile da contrastare in brevi termini. Basti pensare che la Cina, dal quale è partito il primo focolaio, ha registrato zero nuovi contagi nella giornata di ieri dopo quattro lunghi mesi e un regime di coprifuoco netto e molto deciso imposto dal Governo, che ha costretto l’intero Paese a fermarsi a lungo termine per fermare il contagio, seppure nella giornata di oggi si siano purtroppo registrati nuovi altri casi e decessi.

A precedere USA Swimming, ieri sera si è fatto avanti anche il Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici di Tokyo che ha chiesto ufficialmente al Comitato Olimpico Internazionale di sospendere l’evento atteso per questa estate.

Clicca qui per la lettera di USA Swimming

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights