ana-marcela-cunha-world-cup
photo: Mattia Ferru / Swim4Life Magazine

Ana Marcela Cunha ritorna in auge, è della brasiliana la World Cup di Golfo Aranci!

Tra gli uomini vince il francese Marc-Antoine Olivier, nessun italiano sul podio della 10 km disputata in Sardegna

Ana Marcela Cunha ritorna sul gradino più alto del podio dopo quasi due anni dall’ultima volta, quando vinse la Marathon Swim World Series a luglio del 2022 in Francia.

La brasiliana è riuscita a esultare per la vittoria della 10 km di nuoto in acque libere disputata oggi a Golfo Aranci e valida per la seconda tappa di World Cup.

L’infinita 32enne, campionessa olimpica in carica, quinta nella 10 km ai Mondiali di Fukuoka della scorsa estate dopo i due ori iridati vinti a Budapest nell’anno precedente, ha riacceso la sua fiamma a circa due mesi dalle Olimpiadi di Parigi 2024.

Una gara molto tattica quella di Ana Marcela Cunha, che ha lasciato campo alle avversarie, con la magiara Bettina Fabian, l’azzurra Ginevra Taddeucci e la connazionale Jungbluth a dettare i ritmi nella prima parte.

ana-marcela-cunha-world-cup-open-water
photo: Mattia Ferru / Swim4Life Magazine

L’australiana Bianca Crisp e la nipponica Airi Ebina si sono aggiunte al gruppo di testa verso metà gara, poco prima che la portoghese Angelica Andre provasse l’azione d’attacco prendendosi temporaneamente il comando.

Ginevra Taddeucci ha provato a imporsi al quinto giro, seguita dall’olandese Sharon van Rouwendaal che si è poi messa davanti a tutte.

Sembrava fatta per l’olandese, in testa nell’ultimo giro con un vantaggio che sembrava gestibile, ma a circa 700 metri dalla fine è emersa l’azione incontenibile di Ana Marcela Cunha, che affiancata dalla tedesca Leonie Beck, ha aumentato il ritmo collezionando sorpassi su sorpassi.

ana-marcela-cunha-world-cup-open-water-swimming
photo: Mattia Ferru / Swim4Life Magazine

Beck si è portata davanti, ma nello sprint finale è stata Ana Marcela Cunha ad avere la meglio, trionfando dopo 2h 02’00”70, seguita dalla connazionale Jungbluth con 2h 02’02”00 e dalla tedesca Beck con 2h 02’02”20, con van Rouwendaal che ha chiuso ai piedi del podio in 2h 02’02”30 e l’Azzurra Ginevra Taddeucci che ha chiuso ottava con 2h 02’05”00.

La temperatura del mare mi ha messo in difficoltà – ha affermato Taddeucci – Già dal primo giro sapevo che con queste condizioni non sarei stata al top. L’obiettivo era di concludere la gara e di abituare il mio corpo a nuotare con l’acqua così fredda. Ad inizio quarto giro mi sono messa anche in testa, ho provato ad allungare il gruppo, ma si sono scatenate le migliori ed io ho comunque mantenuto una buona posizione”

ana-marcela-cunha-world-cup-golfo-aranci
photo: Mattia Ferru / Swim4Life Magazine
Ana Marcela Cunha ritorna in auge, Marc-Antoine Olivier trionfa nella 10 km maschile, Italia senza medaglie in patria

L’uscita di World Cup di Golfo Aranci non è stata propizia per gli italiani che vedremo a Parigi 2024: Domenico Acerenza è rimasto ai box per il riacutizzarsi di un piccolo problema alla spalla, mentre Gregorio Paltrinieri ha chiuso soltanto 33esimo dopo 1h 50’56″1.

Sapevo che le condizioni non erano le mie preferite, ho patito più del previsto la temperatura – ha dichiarato Gregorio Paltrinieri – Non ho mai sentito caldo, avevo muscoli gelati ed era una sensazione brutta. Non sono mai riuscito a cambiare ritmo. La regola è questa: secondo me nuotare senza muta a 18 gradi rappresenta una condizione estrema. La regola che ha messo la World Aquatics è per me sbagliata. Da 18 ai 20 gradi dovresti permettere la muta, invece così le gare vengono scombinate. L’ho preso come allenamento, non voglio perdere giorni ed era importante nuotare”

Il miglior risultato per l’Italia è stato quello di Andrea Filadelli, Marina Militare e Superba Nuoto allenato da Fabrizio Antonelli, che ha concluso una buona gara al quinto posto in 1h 50’08″8.

È riuscito a rientrare nella top ten anche il compagno di allenamenti Dario Verani, che ha chiuso ottavo in 1h 50’13″9, mentre più indietro troviamo Mario Sanzullo e Matteo Furlan, rispettivamente 12esimo e 13esimo.

Acqua relativamente fredda, con temperatura a 19 gradi Celsius, e molto calma in una bella giornata di sole, condizioni totalmente diverse dallo scorso anno, in cui il cielo era grigio e livido di nuvole e il mare mosso, con necessità di utilizzo della muta.

L’ultima tappa di World Cup di Acque Libere prima dei Giochi Olimpici di Parigi, con la gara di Nuoto Open Water in programma l’8 e 9 agosto, ha visto la vittoria del francese Marc-Antoine Olivier, seguito sul podio dal connazionale Logan Fontaine, entrambi prossimi all’impegno delle Olimpiadi.

Al via è stato il magiaro David Betlehem a provare subito l’azione di comando, affiancato dopo appena un giro dal connazionale Kristof Rasovszky, campione del mondo in carica, tallonati dagli australiani di Thomas Raymond Nicholas Sloman.Poco dopo l’Azzurro Marcello Guidi ha provato a risalire all’inseguimento della leadership, ma dopo una gara combattuta non è comunque riuscito ad andare oltre il 21esimo posto con 1h 50’21”50.

ana-marcela-cunha-world-cup-marc-antoine-olivier-golfo-aranci-result
photo: Mattia Ferru / Swim4Life Magazine

I due transalpini sono emersi dopo cinque giri di circuito, protagonisti anche ai Mondiali dello scorso febbraio a Doha nella 5 km.

Dopo una marcatura stretta su Betlehem per conquistare la testa della gara, l’azione incessante di Olivier e Fontaine sembrava aver promosso i due francesi, ma nell’ultimissima parte di gara è ritornato all’attacco Rasovszky.

Il magiaro è riuscito a conquistare il comando, ma senza essere mollato dai francesi, che hanno fatto spalla a spalla con Rasovszky, fino al punto da conquistare primo e secondo posto.

Olivier ha trionfato in 1h 50’03”00, mentre Fontaine ha vinto l’argento in 1h 50’04”40, superando Rasovszky allo sprint finale, con il magiaro che ha chiuso il podio a 1h 50’04”50 seguito dal connazionale Betlehem con 1h 50’04”80.

ana-marcela-cunha-world-cup-marc-antoine-olivier-golfo-aranci
photo: Mattia Ferru / Swim4Life Magazine

La World Cup va adesso in pausa e riprenderà con la tappa successiva in programma a Setubal, in Portogallo, il 12 e 13 ottobre.

Successivamente si sposterà a Hong Kong, tappa in programma il 26 e 27 ottobre, prima di chiudere a Eilat, in Israele, in data ancora de fissare.

Ana Marcela Cunha ritorna in auge, Marc-Antoine Olivier trionfa nella 10 km maschile, risultati completi World Cup Golfo Aranci

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Seguici su Telegram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights