babel_2

Non toglieteci il Centro Babel! L’impianto di Ostia è sotto processo e rischia la chiusura!

Non toglieteci il Centro Babel!
L’impianto di Ostia è sotto processo e rischia la chiusura!

babel_2Una clamorosa notizia giunge alla nostra attenzione.
L’impianto sportivo Babel, situato nel quartiere “Infernetto” di Ostia, frazione di Roma, è uno dei tanti impianti natatori realizzati in occasione dei Mondiali di Nuoto di Roma 2009. L’impianto fu sequestrato ad ottobre 2009 e fu poi riaperto in seguito alle decisioni provvisorie della Procura di Roma, in attesa di chiarire la situazione processuale e il destino dell’impianto.

babel_3Il Centro Sportivo Babel, dove da Marzo 2010 si tiene il prestigioso Trofeo di Nuoto Master organizzato dalla società del Nantes Ostiensis, giunto nella scorsa stagione alla sua 4^ edizione, rinasce dalle rovine del vecchio impianto sportivo, abusivo e fatiscente, in dieci mesi, in un’area urbana povera di servizi da offrire ai propri cittadini, nonostante la grande affluenza di popolazione turistica che giunge ad Ostia durante tutto l’anno. Anche se l’impianto fu autorizzato a costruire al fine di essere utilizzato per i Mondiali di Roma 2009 ed anche se ciò non è avvenuto nella realtà dei fatti, il Centro Sportivo Babel si è rivelato comunque un ottimo punto di riferimento sia per i cittadini che per i turisti, in una Ostia che verte da venti anni ormai in un complicato recupero per rivalutazione urbanistica.

Il Centro Sportivo Babel è in attesa di una decisione legale che lo scagioni definitivamente, si spera, dall’accusa di abusivismo. Le accuse sono riconosciute in varianti di destinazione d’uso, riduzioni della fascia di inedificabilità, aumenti delle cubature consentite e mancati controlli, facendo così realizzare una struttura che pare illegittima, ma di certo, dopo le ultime vicende procedurali, non si può definire nemmeno illegale per fortuna!

babel_4Le fasi decisionali per l’approvazione del’impianto sono avvenute dalla data in cui l’allora Sindaco di Roma, Walter Veltroni, rassegnò le dimissioni, fino alla istituzione della nuova Giunta Comunale (nominata il 16 maggio 2008 n.d.r.) e delle nuove Commissioni Consiliari (16 giugno 2008 n.d.r.). Nelle fasi finali della valutazione del caso, il consulente tecnico nominato dalla Procura di Roma, consegnò una relazione nella quale asseriva che “l’opera è compatibile con il sistema di tutela paesistico”, ma nonostante questo, pare che sia ancora in corso una procedura per far luce su questa vicenda e decidere quindi le sorti della struttura.

LabUr (Laboratorio Urbanistica di Roma) ha infatti ritenuto opportuno svolgere un’analisi tecnica approfondita, finalizzata a fare chiarezza su una vicenda che indubbiamente è l’ennesimo esempio di malcostume urbanistico del nostro Paese, ma che in questa occasione, in qualche modo, ha fatto gli interessi della collettività, rivalutando un’intera zona e regalando un servizio importante ai cittadini ed anche alle strtture pubbliche presenti in zona, come gli Hotel e gli esercizi pubblici e commerciali presenti su Ostia, che non è da poco!

Babel è stato infatti pensato a misura delle famiglie e non offre solo la possibilità di praticare sport. Il centro sportivo, più volte visitato da noi di Swim4life, risulta infatti tra i più validi sul territorio nazionale, vantando:

  • ampie palestre nelle quali si praticano con successo corsi di Fitness, Pesi e Cardiofitness, Ginnastica, Spinning, Preciclistica, Yoga e Arti Marziali;
  • una spettacolare piscina da 33 metri a 10 corsie, divisa con ponte mobile, creando due vasche separate, nelle quali si organizzano corsi di Nuoto, Pallanuoto, Acquagym, Hydrobike, Triathlon, Apnea e Immersioni e nella quale si svolge l’eccellente trofeo di Nuoto Master “Nantes Ostiensis”;
  • ampie sale dove si tengono corsi di  danza, Classica, Moderna, del ventre, Tango Argentino e balli di gruppo;
  • campi da calcetto e calciotto;
  • campi di beach tennis e beach volley.

Inoltre il Centro Sportivo Babel vanta ottimi servizi per la propria utenza, quali area relax, area estetica, con sauna, idromassaggio e bagno turco, un ristorante e l’area baby parking!

Cliccando qui, si può visualizzare la relazione tecnica dell’ing. Schiavone, presentata per conto della LabUr nel corso dell’indagine in atto.

Sono stati spesi milioni di euro per realizzare la struttura, sono stati creati posti di lavoro ed è stata rivalutata una zona, valorizzando tra l’altro gli importanti valori di aggregazione sociale e la cura della salute, grazie alle attività sportive praticate.

La nostra speranza resta quella che non sia decisa un’assurdità per una struttura che oggi è un patrimonio per tutti!

Paco Clienti

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights