THORPE

Rosolino e Thorpe rendono nostalgico il pubblico di Riccione. Spettacolo e storia ai Campionati Italiani Assoluti Invernali.

Rosolino e Thorpe rendono nostalgico il pubblico di Riccione.
Spettacolo e storia ai Campionati Italiani Assoluti Invernali.

thorpedi Paco Clienti.
La prima giornata sei Campionati Italiani Assoluti invernali che si stanno svolgendo da ieri a Riccione e termineranno oggi pomeriggio con l’ultima delle quattro sessioni, si è chiusa con non poche sorprese. Si è rivista una Pellegrini che sembra essere tornata a livelli migliori di quelli visti a Stettino, con un ottimo 200 SL nuotato in 1’56”79, abbinato all’accettabile 400 stile libero di stamattina, vinto in 4’08”50 che consentono alla campionessa del mondo delle due distanze, di vivere le festività natalizie tirando un sospiro di sollievo.

dottoMa andiamo per ordine. La sessione di ieri pomeriggio si è aperta con gli 800 SL che non ha visto in acqua proprio la Pellegrini, iscritta alla gara ma rinunciataria, ha trovato in Rachele Bruni la nuova Campionessa Italiana, dopo aver toccato la piastra a 8’37”7, davanti a Martina Caramignoli, 8’38”98 e Martina De Memme, 8’40”18. Fuori dal podio una discreta Alessia Filippi che ha chiuso in 8’42”93 e che si sta impegnando per ritornare quanto meno ad avvicinarsi ai fasti di un tempo e Martina Grimaldi che con il tempo di 8’44”45 conferma che preferisce il mare alla piscina.
Nicolò Beni si conferma campione incontrastato a livello italiano nei 200 farfalla che vince in 1’57”86.
I 200 rana hanno rivisto in competizione Paolo Bossini, tornato a gareggiare dopo aver superato la malattia del secolo ed essere tornato in acqua per allenarsi a settembre. Bossini è arrivato 11° in 2’17”27, ritornando nel migliore dei modi e con un’ottima speranza per i prossimi mesi che lo vedranno impegnato per un recupero record al fine di partire anche lui per Londra! È Bizzarri che conquista il titolo di Campione Italiano in 2’12”51, davanti a Giorgetti e Pizzini. Lontano dal podio Mattia Pesce, 8° con 2’15”89.

I 100 dorso maschi sono stati dominati dagli stranieri con il francese Stravius (54”65) e l’olandese Driebergen (54”97) che sono andati più forti di tutti, ma è stato Ranfagni a guadagnarsi il titolo di Campione Italiano arrivando alle loro spalle con 55”09, davanti a Milli e Di Tora.

Sul gradino più alto del podio nei 200 misti arriva la partenopea Stefania Pirozzi che segna il crono di 2’15”60, davanti alla Polieri, 2’17”94 e la Pietrocola, 2’18”46.

dotto_2La giornata di ieri si è chiusa con un’esaltante ed affascinante gara dei 100 stile libero maschi che ha visto i “califfi” del nuoto sfidarsi in vasca all’ultimo centesimo! Luca Dotto come da pronostico l’ha spuntata su tutti, segnando il crono di 48”78 che gli è bastato per vincere l’oro, davanti al compagno di squadra Pippo Magnini che ha chiuso in 48”82 e Marco Orsi che ha segnato un 49”30. In mezzo l’olandese Verschuren, 3° tempo con 49”03. Si è rivisto Ian Thorpe, apparso nettamente diverso dal nuotatore che tutti conoscono e in evidente difficoltà. L’australiano è arrivato 16° con il crono di 50”84 ma la nuotata, la partenza, la virata ed anche il suo aspetto, non sono più, almeno per ora, quelli del Thorpedo vittorioso di un tempo. La strada verso Londra che porta alle Olimpiadi è in salita.

Stamattina hanno aperto le danze ancora le donne con i 400 SL che come abbiamo detto prima, hanno visto Federica Pellegrini Campionessa italiana, davanti a Martina De Memme ed Alice Nesti. Ancora fuori dal podio per un posto Alessia Filippi che chiude in 4’16”07.
Non va oltre il 3° posto Ilaria Bianchi nella gara dove bene aveva fatto agli Europei di Stettino, i 50 farfalla che chiude in 27”31, alle spalle di Elena Di Liddo, 26”97 e Silvia Di Pietro, 26”88.

Pippo Magnini ha conquistato il titolo di Campione Italiano dei 200 stile libero in 1’48”68 che gli consente di chiudere così una buona annata, dopo gli ottimi Europei in corta di Stettino. Argento per Belotti in 1’48”91 e nronzo per Di Giorgio, 1’49”09. Ancora fuori asse Thorpe che chiude al 10° posto con il crono di 1’51”51, ben lontano dai suoi tempi di una volta, così come Max Rosolino, 15° con 1’51”85 che perà hanno dato spettacolo nuotando fianco a fianco nella 2^ serie, esaltando il pubblico. Un passo indietro anche per Brembilla, 26° con 1’53”65, ma nessuno dei tre campioni degli anni passati abbandona il sogno di prendere parte alle Olimpiadi di Londra 2012.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Scozzoli si conferma Campione Italiano nei 100 rana anche se con un crono leggermente superiore al suo abituale, 1’00”54, davanti a Pesce, 1’01”57 e Bizzarri, 1’02”12.

blocchi_100_SLDopo il titolo dei 200 misti di ieri, la Pirozzi bissa anche con quello dei 400 mistiche vince in 4’47”26, davanti alla Negri, 4’50”29 e la Polieri, 4’53”62.

Nei 100 farfalla Milord Cavic ha dato spettacolo, arrivando primo in una gara eccezionale in 52”10, aprendo un podio tutto straniero con l’olandese Verlinden e lo sloveno Mankoc. Il primo italiano è al 4° posto, Belotti che segna il crono di 53”74, davanti a Codia e Pizzamiglio.

Chiudiamo la cronaca con le staffette: la romana Canottieri Aniene è campionessa italiana della 4×100 stile libero donne, con Tecchio, Di Liddo, Gemo e Pellegrini e la Fiamme Oro Roma è oro nella 4×100 misti con Di Tora, Pesce, Pizzamiglio e Orsi e nella 4×100 stile libero con Leonardi, Spadaro, Di Tora e Orsi che battono la Larus Nuoto di Magnini.

Ecco alcuni link utili per seguire l’evento:

clicca qui per seguire le gare in diretta su Rai Sport 2

clicca qui per i risultati in tempo reale

clicca qui per la start list delle gare

clicca qui per il programma e gli orari di tutte le gare

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine