Cavalletti_200_rana

Mondiali Master da urlo! Terminata la competizione del secolo.

Mondiali Master da urlo!
Terminata la competizione del secolo.

Cavalletti_200_ranadi Paco Clienti.
Si sono da poco chiusi i Mondiali Master svolti a Riccione dal 3 al 17 giugno che hanno trovato una partecipazione di atleti e spettatori al seguito mai vista prima d’ora! Numeri esaltanti che fanno pensare ad una rivoluzione, per evoluzione, del settore che è cresciuto tantissimo, come affermato in più occasioni e che adesso ha effettivamente dimostrato nei fatti che è diventato una realtà per la quale avere magari un rispetto e considerazione diversi. Un movimento magico, mai stanco di partecipare, con atleti provenienti da ogni angolo remoto del mondo che hanno dato vita ad uno spettacolo unico e davvero difficilmente ripetibile.
Nuoto, Pallanuoto, Tuffi, Nuoto Sincronizzato e Acque Libere, le discipline acquatiche viste a Riccione.

L’immagine a destra di Andrea Cavalletti che alza le mani al cielo dopo la vittoria dei 200 rana, è il simbolo di questi mondiali master italiani, di grande successo!

Risultati incredibili ed uno spettacolo davvero bellissimo anche grazie alla partecipazione di tantissimi atleti ex campioni del mondo ed ex olimpionici che hanno indubbiamente dato valore aggiunto a questi campionati, come Jim Montgomery, Marion Blanchard, Oleg Lisogor, Sergey Mukhin, Venter Tyron, Sergey Breusm, Vladimir Selkov, ma anche i nostri master nostrani come i vari Giannetta, Crescentini, Corò, Parocchi, Lugano, Montini, Battiston, Marcato e via via tutti gli altri al seguito.
Uno dei dati più interessanti e significativi per il valore del significato dello spirito master è che su 42 categorie di staffette delle 4×50 stile libero maschile, femminile e mista e delle 4×50 misti maschile, femminile e mista, l’Italia ha conquistato ben otto medaglie d’Oro, dieci d’Argento e nove di Bronzo per un totale di 27 podi e 108 metalli al collo!
Grande entusiasmo anche per la Pallanuoto che con 104 squadre ha segnato il record assoluto di partecipazione in manifestazioni internazionali, dei Tuffi e del Sincro oltre all’Open Water che hanno visto una partecipazione senza precedenti!

claudo_tomasiGrandi mondiali, grande partecipazione ma anche grande gestione!
Si, è stato tutto fantastico – risponde Claudio Tomasi (nella foto a sinistra), responsabile dell’organizzazione dei Mondiali per il Nuoto – Giovedì ci sono state quasi 1.600 staffette che hanno movimento circa 6.300 atleti e credo che nessuno si sia reso conto che c’erano 6.300 atleti in giro.

È vero, sono state gestite molto bene e sono finite molto presto.
Di questo devo dare atto a due cose, la prima, un’organizzazione studiata a tavolino molto molto buona e poi un’ottima organizzazione e gestione della camera di chiamata che ha lavorato benissimo.

A proposito della camera di chiamata, c’è stata una grandissima disponibilità sia del team mondiale, sia dello staff della Polisportiva Riccione.
Assolutamente si. Sono stati eccellenti in particolar modo i tempi di reazione, sistemando ciò che necessitava essere messo a posto in tempo reale e nella flessibilità, perché non dimentichiamo che gli orari sono stati pesanti per tutti e prima di tutto per loro. Le cose sono andate bene perché organizzate bene e perché sono andate avanti bene anche grazie alla Polisposrtiva Riccione che ha lavorato bene con dei ragazzi encomiabili!

SANY3698Un grande impianto ma anche un grande team di lavoro.
Si, eccezionale impianto e gestione ed anche un po’ di amor proprio

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Senza quello non si sarebbero potuti svolgere dei mondiali così eccellenti e con questa grande partecipazione.
Questo perché probabilmente ci siamo mossi bene e nei tempi giusti per organizzare tutto al meglio. Certo, si potrebbe migliorare perché c’è sempre da migliorare ma parliamo davvero di dettagli.

Cosa senti di dire ora che siamo al termine?
Che la prossima volta che mi chiedono di aiutare la Federazione su un’organizzazione del genere, ci penserò bene – risponde scherzando Tomasi.

Quindi meglio atleta che organizzatore?
Come atleta sarebbe stata sicuramente molto meglio. Devo dire che il Presidente della FIN ci disse ‘voglio vedere come arrivate a domenica sera’ ed effettivamente siamo distrutti.

SANY3683Com’è stato vivere questo Mondiale dalla parte dell’organizzazione?
È stata un’esperienza fantastica. Mi è dispiaciuto sicuramente non vedere alcune gare ed in particolare, da dorsista perdermi Selkov che era il mio mito di quando ero ragazzo, è stato un dispiacere grande. Tuttavia le cose che ho visto dietro, l’entusiasmo delle persone, il coinvolgimento, è stato tutto bellissimo.

Grande entusiasmo da parte degli ex campioni che hanno preso parte a questi mondiali master che mi hanno confessato di non aver mai partecipato, nemmeno da professionisti, ad eventi così incredibili, con tutta questa partecipazione, tribune piene fino a tarda notte e grande entusiasmo. Ci sono state anche altre persone che seppur da lontano hanno commentato negativamente sull’organizzazione, sugli orari e sul fatto che ci fossero troppi partecipanti. Purtroppo però, se andiamo ad analizzare i motivi che hanno causato gli orari singolari che si sono verificati in qualche occasione nel corso di questa settimana, i più rilevanti sono indubbiamente i numerosissimi “no time” per i quali la maggior parte sono italiani…
Si e questo è un problema serio che però non può essere affrontato singolarmente da ogni Federazione.

k-IMG_4886

È anche vero che se tutti quei “no time” fossero stati fermati all’atto dell’iscrizione non ci sarebbe stata poi questa grandissima partecipazione.
E con quale criterio si sarebbe dovuto poi controllare? Quale sarebbe dovuto essere il periodo di riferimento nel quale si sarebbe dovuto fare il tempo di qualificazione? Quale stagione prendere in esame? L’ultima o le ultime due? Insomma, le varianti sono tante e da studiare. I tempi si possono controllare senza problemi. Il vero problema è stabilire dei criteri per i quali controllare i tempi.

Ma pensi che sia un argomento da affrontare per i prossimi Mondiali?
Sicuramente non sarà facile realizzare numeri come quelli di questo Mondiale, in tutte le discipline, dalla Pallanuoto al Nuoto ed anche nei Tuffi e Sincro.
Magari si potrebbe ragionare sul numero chiuso ma poi ci sarebbe la corsa alle iscrizioni. Non è cosa facile insomma.

Riccione è stata in questo ultimi 15 giorni letteralmente invasa dai master di ogni nazionalità
È stata questa una conseguenza eccezionale e bellissima.

Cosa non poco importante, questo movimento con tutti questi partecipanti ed accompagnatori, in un momento di crisi economica così forte per l’Italia, così come nel resto d’Europa, ha fatto tirare un sospiro di sollievo alla città di Riccione che si è risollevata tantissimo grazie a questi Mondiali. Dalle strutture alberghiere, ai ristoranti ed a tutte le attività commerciali.
È vero e come dicevi tu in questi giorni Riccione ha vissuto tantissimo con i master che fino a notte erano in strada a riempire la città.

Quindi il master porta anche un movimento economico.
Assolutamente si e credo che anche per questo motivo siano fortemente richiesti i Campionati Italiani. Vedremo cosa succederà a Bari perché dopo questi numeri fatti qui a Riccione, sarà tutto da vedere anche se siamo convinti che questi mondiali saranno un buon carburante anche per gli italiani di Bari.

All’estero il master è già un settore abbastanza rilevante e rispettato. Credi che ora sia il momento di dare più importanza a questo settore anche in Italia?
Credo che oltre 18.000 tesserati in tutta Italia, siano un elemento importante e penso che inoltre con quanto visto a questi Mondiali Master, la Federazione si sia resa conto dell’importanza del settore. È evidente che una cosa è gestire un movimento da 10.000 tesserti ed un’altra è gestirne uno da oltre 25.000. Bisognerà strutturarci per fare questo.

Ed era proprio qui che volevo arrivare. Credi sia necessario ora strutturare la Federazione in modo tale da gestire diversamente il settore master visti questi numeri?
Assolutamente si, è necessario. Sicuramente andranno rinforzate le strutture che già esistono, aumentando il personale impegnato per ogni singolo aspetto del master.

I numeri crescono perché senza dubbio c’è qualcuno che lavora bene dietro le quinte.
Appunto e si può ragionare sicuramente anche su nuove idee oltre che aumentare il personale. Non dimentichiamo che il maestro dei master Andrea Prayer è passato a funzioni più importanti ma spero che continuerà a seguirci e sicuramente lo farà. La cosa importante è che sono aumentati tantissimi anche i tesserati nei Tuffi e nella Pallanuoto oltre che per il nuoto Sincronizzato. Questi mondiali sono stati grandi anche grazie a loro!

L’entusiasmo è arrivato alle stelle anche da parte degli organi responsabili della Federnuoto e della FINA, soddisfatti di un’edizione indubbiamente da tenere come riferimento internazionale!

sardellitto_augustaChe reso conto possiamo fare di questi Mondiali.
Mi viene in mente la bellezza del susseguirsi delle varie discipline – commenta Augusta Sardellitto (nella foto a destra), responsabile del settore Master – Quindi la riservatezza dei tuffatori, la ruralità e spontaneità dei pallanuotisti con calibri da ex mondiali ed olimpionici, la cura, la bravura e precisione delle sincronette, la fissazione dei tempi dei nuotatori, sempre preparatissimi. Mi sono commossa quando ho visto Selkov, ho provato rispetto quando ho visto Claudia Poll, il mio idolo nel 1994. È stato particolare vedere la marea di atleti che andavano verso le onde in mare. Mi sono commossa quando ho assistito alle gare delle donne anziane che hanno una verve e voglia incredibile a dispetto di noi giovani che a volte sembra che ci stanchiamo di più. Questo è il reso conto di questi mondiali, con il nostro grande impegno e grande fatica, da parte di tutto lo staff che ha lavorato tanto. Anche voi di Swim4life avete lavorato tanto e vi ringraziamo di tutto ciò che avete fatto in questi mondiali.

Numeri straordinari, partecipazione altissima, coinvolgimento incredibile anche degli spettatori, una vera magia che è durata 15 giorni! Come si fa ad organizzare un mondiale così?
roberto_miglioriSicuramente ci siamo mossi con largo anticipo, grande merito ad Andrea Prayer, consigliere del settore master che ha curato tutto alla perfezione, ma grande merito anche al Presidente Paolo Barelli che ha dato fiducia a Prayer (nella foto a sinistra con R. Migliori) che ha scelto questo staff eccellente. Tutti avevamo dei compiti ben definiti e tutti hanno dato un grande contributo. Importante il coordinamento di Laura del Sette che comunque è sempre presente in ogni organizzazione nazionale ed internazionale, Claudio Tomasi per il Nuoto, Giovanni Bozzolo per la pre-chiamata, Roberto Migliori per la Pallanuoto ma anche per il Nuoto e tutti gli altri al seguito…insomma, una squadra di persone fantastiche che si sono messe a disposizione soprattutto per la passione.
Affaticati ma pronti per i nostri Campionati Italiani!

Ed era ciò che volevamo sentire.

team_giudiciLo staff di Swim4life ringrazia tutti coloro che sempre disponibili e gentili, ci hanno permesso di fare il nostro lavoro, a servizio del Nuoto Master.
Fare gli atleti e fare i reporter in questo Mondiale è stata dura, ma ce l’abbiamo fatta!

Ed era ciò che volevamo sentire.

Lo staff di Swim4life ringrazia tutti coloro che sempre disponibili e gentili, ci hanno permesso di fare il nostro lavoro, a servizio del Nuoto Master.
Fare gli atleti e fare i reporter in questo Mondiale è stata dura, ma ce l’abbiamo fatta!


È stato un vero Mondiale Master che ha permesso di socializzare oltre confine pur restando in Italia e di vivere forti emozioni in un contesto singolare.

Un grande plauso agli organizzatori, a tutto lo staff della Polisportiva Riccione con in testa il direttore Stefano Maestri, al servizio dei cronometristi ed alla Micropull che elaborava i risultati in tempo reale, al team dei giudici sempre disponibili e votati al sacrificio, al servizio d’ordine, agli atleti ma soprattutto al pubblico! Senza il pienone del pubblico sugli spalti anche fino a tarda notte ad urlare ed incitare, questi Mondiali non sarebbero stati gli stessi!

SANY3856

Ora tutti a Bari per una chiusura di stagione stellare!

Clicca qui per i risultati completi.

Clicca qui per la galleria fotografica aggiornata sulla pagina Facebook di Swim4life.

Clicca qui per la galleria video, attualmente in elaborazione


occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights