Ruggito di Daniela Deponti che segna il Record Mondiale nei 50 farfalla!

Quarta giornata di altissimo livello ai Campionati Italiani Master con otto nuovi primati.

A Riccione sono appena terminate le gare di oggi dei Campionati Italiani Master che hanno offerto anche in questa quarta giornata uno spettacolo da fuochi d’artificio, portando in cassa un Record Mondiale e otto Record Italiani che in aggiunta a quelli siglati nelle giornate precedenti sommano ad oggi un totale di due Record Mondiali, due Europei e 27 Italiani che rappresentano chiaramente il livello tecnico di questa edizione, la seconda svolta nello Stadio del Nuoto di Riccione.

Oltre all’alto tasso tecnico non va dimenticato lo spirito master che aleggia fortemente in questi giorni nella città romagnola nella quale ogni singolo atleta degli oltre 3500 iscritti, si è recato con un obiettivo preciso: c’è chi va a caccia di record e chi di medaglie, chi di tempi importanti in vista dei Mondiali di Kazan e chi invece va semplicemente alla ricerca del proprio personale e poco conta il posto in classifica se l’obiettivo viene raggiunto. C’è anche chi è arrivato a Riccione insieme a gran parte della sua squadra per tentare l’assalto finale alla classifica a squadre e sognare un titolo italiano ai conteggi finali. Insomma, la formula di questi Campionati è perfetta per coinvolgere in qualche modo tutti gli atleti di qualsiasi livello!

Andando alla cronaca di questa giornata, la mattatrice protagonista principale assoluta è stata Daniela Deponti (nella foto di copertina), M50 della Nuoto Club Milano che nei 50 farfalla ha toccato la piastra a 3016 e 1025.2 punti registrando il nuovo Record Mondiale!

«Quando ho toccato la piastra non ci credevo, anche se mi sono battuta per realizzare questo risultato seppur non convinta di poterci riuscire – ha commentato a caldo la Deponti – Ieri ai 100 nuotavo al passo del Record del Mondo e invece a pochi metri dalla fine ho perso potenza e velocità. Oggi invece è andata bene e sono molto contenta di avercela fatta. Io non esulto mai perché sono abbastanza contenuta, ma in questa occasione non ce l’ho fatta a contenermi. Dopo la staffetta di oggi pomeriggio nella quale ho nuotato a rana divertendomi molto – prosegue la Deponti –  mi mancano i 100 stile libero che farò domani nei quali non so come andrà. L’obiettivo è rifare il tempo nuotato da Record Europeo, poi se viene qualcosa di meglio, esulterò per la seconda volta! Dopo questi Campionati farò qualche gara in Acque Libere per divertirmi e poi chiuderò la mia stagione. Kazan non mi attira, mi rovinerebbe le vacanze e poi voglio conservarmi per gli Europei di Londra che secondo me come manifestazione internazionale saranno più importanti a livello competitivo dei Mondiali di Kazan.»

La lombarda ha cancellato lo storico primato detenuto dalla tedesca Angela Zingler con 30”24 del lontano 2004 e migliorato il suo 30”68 da Record Italiano nuotato il 7 giugno. Alle sue spalle in uno dei podi più difficili da raggiungere, la siciliana Paola Uberti  del CUS Palermo con 3261 e 948.18 punti e Monica Vaccari della PadovaNuoto con 3297 e 937.82 punti.

Andando per ordine però, le gare di oggi pomeriggio sono iniziate con i 200 rana nei quali Paola Tortorelli, M80 della Firenze Nuota Extremo ha realizzato il Record Italiano segnando 6’17”73 e 722.90 punti con il quale ha cancellato un altro precedente storico detenuto da Maria Milazzo con 6’22”70 del 2005.

Il podio rosa più alto in termini di punteggio è stato quello della categoria M45 vinta da Laura Molinari della DLF Nuoto Livorno con 2’5369 e 990.85 punti davanti a Sabina Vitaloni della Derthona Nuoto con 2’5407 e 988.68 punti e Claudia Radice della Andrea Doria con 3’0389 e 935.89 punti.

Vinto sul filo del rasoio invece il titolo della categoria M55 conquistato ancora una volta dalla fuoriclasse Liana Corniani del Forum Sport Center che ha segnato 3’2656 e 908.65 punti, nuovamente davanti alla compagna di squadra Monica Tripi con 3’2729 e 905.45 punti e Janet Harmer della Nuotopiù Academy con 3’2736 e 905.14 punti.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Alto livello anche nella categoria M25 nella quale l’oro è stato fissato a quota 958.19 punti, quelli realizzati da Anna Pasero della Sisport FIAT che ha nuotato in 2’4694 piazzandosi davanti ad Arianna Gargioni della Gestisport Coop con 2’4827 e 950.62 punti ed Alessia Virgilio della GP Modugno con 2’50”43 e 938.57 punti.

Tra le migliori donne in gara sono da mettere in evidenza anche i risultati di Daniela Petracchi, M50 della Roma Nuoto Master con 3’14”31 e 930.47 punti, Nicoleta Coica, M30 della Molinella Nuoto con 2’54”24 e 928.37 punti e Chiara Lui, M35 della Milano Nuoto Master con 2’57”15 e 927.86 punti.

Alberto MontiniIl master dei master tra gli uomini è stato ancora una volta Alberto Montini (nella foto a destra), M45 della Master AICS Brescia che ha toccato la piastra a 2’27”40 totalizzando 1036.77 punti che è stato il miglior tabellare della giornata. Alle sue spalle si sono piazzati Andrea Molino della Rari Nantes Torino con 2’4245 e 940.72 punti ed Alessio Todini del Forum Sport Center con 2’4274 e 939.04 punti.

«Rispetto allo scorso anno è stato un Campionato Italiano un po’ sotto tono per me, saranno un po’ gli anni che passano ma mi aspettavo qualcosa di più – ha dichiarato Alberto Montini all’inviato Lorenzo Giovannini – Forse il fatto di aver cambiato la preparazione da vasca corta a vasca lunga solo nelle ultime tre settimane non è bastato a farmi prendere il ritmo della vasca olimpionica. Mi aspettavo qualcosa in meno sui 200 rana ma l’ultima vasca l’ho un po’ pagata chiudendo con un 39” che mi ha un po’ deluso. La mia stagione finisce qui in quanto salterò i Mondiali di Kazan– prosegue Montini – Mi concentrerò sui Campionati Europei che preparerò subito da inizio della prossima stagione. Sono sicuro che Londra sarà una competizione di altissimo livello in quanto la città attira molto, i costi non sono eccessivi ed è molto a portata di mano per raggiungerla. La concorrenza per la mia categoria sarà forte se penso a Granger e Calmasini e quindi ci tengo a far bene lì.»

Matteo Ghilardi-campionati italiani master 2015Il crono più veloce lo ha nuotato però l’altro asso di questa specialità, Andrea Cavalletti, M30 del Team Marche Master con 2’2565 e 972.33 punti. Ottima anche la prova di Alfonso Donadio della Alba Oriens – Casandrino, argento nella stessa categoria con 2’3429 e 917.88 punti in questa gara che non ha mai nuotato in questa stagione.

Da brividi il finale sella serie veloce della categoria M25 vinta per un soffio da Matteo Ghilardi della Nuotopiù Academy (nella foto a detra) con 2’2757 e 954.80 punti davanti all’eterno rivale Michele Zito della Unique Pool con 2’2791 e 952.61 punti. Si accontenta del bronzo Davide Verdecchia della Due Ponti con 2’29”46 e 942.73 punti.

Entusiasmante anche l’epilogo della corsa al podio nella categoria M35 vinta da Mattia Masperi della Canottieri Garda Salo’ con 2’3180 e 951.98 punti davanti ad Andrea Benedetti della Pool Nuoto Sambenedettese con 2’3241e 948.17 punti e Marco Mengotto della Rari Nantes Legnano con 2’3477 e 933.71 punti.

Girano forte anche in categoria M50 nella quale è Carlo Arturo Travaini della Acqua 1 Village a mettere le mani davanti a tutti in 2’44”67 e 962.17 punti precedendo Mario Fattorini della Nuoto Livorno con 2’4837 e 941.02 punti ed Antonio Solari della Genova Nuoto con 2’5089 e 927.15 punti.

Silvio Mangano-Meeting delle SireneDa segnalare tra i migliori in gara anche il mito Mario De Giampietro, M90 della Pol Garden Rimini con 6’3344 e 893.94 punti, Simone Battiston, M40 della Rari Nantes Legnano con 2’31”87 e 970.57 punti ed Andrea Florit, M55 della PadovaNuoto con 2’49”48 e 964.89 punti.

I 50 farfalla regalano altro spettacolo con quattro Record Italiani messi a segno, tre dei quali dai maschi. Silvio Mangano (nella foto a destra), M85 del Circolo Nautico Posillipo è il primo a suggellare il massimo risultato fermando il crono a 52”20 e 958.05 punti con il quale cancella Silvano Danieli con 53”7 del 2012.
Subito dopo è un altro veterano a registrare il nuovo primato, Antonio D’Oppido, M70 del Flaminio Sporting Club con 34”11 e 943.42 punti con il quale migliora il precedente di Gianfranco Nasti con 34”41 della scorsa stagione.

Passano pochi minuti e Rico Rolli, M50 del Centro Nuoto Bastia nuota una gran gara di potenza come solo lui sa fare segnando 27”16 e 989.69 punti con il quale migliora il 27”91 nuotato il 2 giugno, ma si ferma a soli 6 centesimi dal Record Europeo. Alle sue spalle sul podio M50 ci salgono Mauro Cappelletti della Como Nuoto con 2803 e 958.97 punti ed Alessandro Salvatori della Larus Nuoto con 2834 e 948.48 punti.

L’unico primato rosa, oltre al mondiale della Deponti raccontato in apertura, lo segna Carole Smith, M60 della Roma Nuoto Master con 3843 e 884.73 punti con il quale cancella Mira Guglielmi con 38”53 del 2013.

Sfiora soltanto l’impresa senza riuscirci Monica Soro, M45 della Roman Sport City che chiude in 3023 e 980.81 punti, a 45 centesimi dal Record Italiano, davanti all’ex Azzurra Ilaria Tocchini della Nuotopiù Academy con 3131 e 946.98 punti e Milena Barbieri della Asd Master AICS Brescia con 3218 e 921.38 punti.

Al Record Italiano ci va vicina anche Chiara Mazzoni, M30 della 01 Zerouno Firenze che nuota in 2912 e 971.50 punti, a soli 5 centesimi dal primato, piazzandosi davanti a Desiree Cappa della Villaggio Sport. Eschilo con 3026 e 934.90 punti e Serena Mazzoni della 01 Zerouno Firenze con 3114 e 908.48 punti.

Vibrante anche il finale della categoria M25 rosa con Giulia Cecchinello della Acquambiente Rovigo che conquista il titolo italiano con 2961 e 951.71 punti davanti all’Azzurra del nuoto pinnato Elisa Mammi della Rari Nantes Camogli con 2970 e 948.82 punti e Carla Venice della Rari Nantes Legnano con 2971 e 948.50 punti, mentre resta ai piedi del podio Sara Papini della Firenze Nuota Extremo con 3006 e 937.46 punti.

Scintille nell’ultima serie maschile della categoria M45 che vede Andrea Cabiddu del Flaminio Sporting Club conquistare il titolo italiano con 27”44 e 957.73 punti battendo Andrea Toja della ASA Cinisello Balsamo con 2761 e 951.83 punti e Massimiliano Gialdi della Master AICS Brescia con 2765 e 950.45 punti.

Avvincente anche il confronto finale della categoria M40 vinta da Mauro Lanzoni della Cilo’ Milano con 2688 e 955.73 punti davanti ad Andrea Talevi della Il Grillo Civitanova con 2693 e 953.95 punti e la M55 conquistata da Fabio Bernardi della Pol Garden Rimini con 29”23 e 942.52 punti davanti a Franco Olivetti della Asd Master AICS Brescia con 2972 e 926.99 punti.

Bello il testa a testa di altissimo livello offerto dall’ultima serie M35 vinta dallo specialista sardo William Careddu della Olbia Nuoto con 2649 e 950.55 punti davanti a Michele Galvagno della Derthona Nuoto con 2687 e 937.10 punti e Simone Zulian del Centro Nuoto Rosa’ con 27”23 e 924.72 punti.

L’intensa giornata si è conclusa con le mi staffette 4×50 misti che hanno visto scendere in vasca 250 formazioni, tra le quali le principali protagoniste sono state quelle del Flaminio Sporting Club (Adua Iezzi, Gwendolen Kaspar, Gianni Zaottini, Franco Flamini) di categoria M320 con 4’20”26 e 776.30 punti e quella del Malaspina Sport Club (Roberto Ruggieri, Gabriella Tucci, Alberto Sica, Laura Battistini) di categoria M280 con 2’53”65 e 906.36 punti che hanno siglato i nuovi Record Italiani, rispettivamente cancellando i precedenti detenuti dal Flaminio stesso con 4’25”14 del 2012 e dalla Amatori Nuoto Savona con 3’00”27 del 2012.
Oltre a loro si sono messe in evidenza le formazioni del Centro Nuoto Bastia A (Lucia  Mezzoperaa, Fabio Servadio, Rico Rolli, Karin Margaret Soederman) di categoria M200 con 2’06”70 e 992.90 punti, a 32 centesimi dal Record Italiano, la Master AICS Brescia (Romina Degrassi, Alberto Montini, Florentina Ciocilteu, Massimiliano Gialdi) di categoria M160 con 2’00”30 e 979.38 punti, la Rari Nantes Legnano (Leonardo Federici, Emiliano Pablo Gallazzi, Carla Venice, Samuela Marinetti) di categoria M120 con 1’58”56 e 972.25 punti e la Master AICS Brescia (Entoni Cantello, Veronica Bellini, Andrea Maniero, Martina Guareschi) di categoria M100 con 1’58”17 e 986.12 punti.

campionati italiani master 2015Appuntamento ad domani mattina a partire dalle ore 9:30 (8:30 il riscaldamento) per la settima sessione gare e penultima giornata che prevede i 50 rana, 100 dorso e la staffetta 4×50 misti femminile al mattino ed i 100 stile libero e la staffetta 4×50 misti maschile a pomeriggio con riscaldamento dalle ore 14:00 e gare dalle ore 15:00.

Ricordiamo infine che a Riccione è aperto Casa Nuoto Extremo che si trova ad appena cinque minuti a piedi dallo Stadio del Nuoto ed ha a disposizione tutto di qualsiasi marchio per tutti i nuotatori ed appassionati che si troveranno a Riccione per disputare o seguire i Campionati Italiani Master. Oltre ad approfittare dei prezzi pazzi che praticherà Nuoto Extremo e della cuffietta in omaggio per chi acquista almeno 20 euro di materiale, sarà possibile anche partecipare al concorso Selfie ExtremoClicca qui per maggior dettagli.

Clicca qui per Start-List e Programma Gare con orari dei Campionati Italiani Master 2015

Clicca qui per i risultati live dei Campionati Italiani Master 2015

Swim4Life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights