Cameron Van Der Burgh sigla il Record Mondiale nei 50 rana!

Paltrinieri prenota la finale degli 800 stile con il secondo crono e la Pellegrini arriva in semifinale dei 200 stile libero risparmiando energie.   

Il mattino di Kazan ha l’oro in bocca. Sembra ormai un fatto fisso che nella mattinata di batterie di questi 16esimi Campionati del Mondo FINA si debba assistere a numeri da circo offerti dagli atleti in gara che sbalordiscono gli spettatori del Kazan Arena fin dalle gare di qualifica nelle quali teoricamente si dovrebbe andare più lenti per poi aprire tutto il gas solo nelle finali. Non è stato così fino ad ora con il Record Mondiale buttato giù ieri da Katie Ledecky e non è stato così stamattina con il sudafricano Cameron Van Der Burgh che nelle qualifiche dei 50 rana maschili ha realizzato la gara perfetta fermando il crono a 26”62 con il quale ha registrato il nuovo Record del Mondo migliorando di 5 centesimi il precedente da lui stesso nuotato in gomma ai Mondiali di Roma 2009! Dopo la cocente sconfitta nei 100 rana serviva una risposta importante e Cameron ha pensato di darla subito al britannico Adam Peaty che ha chiuso le batterie con il secondo crono segnando però un interessante 26”68, un centesimo sopra il vecchio Record del Mondo detenuto dall’avversario, promettendo scintille già dalle semifinali in programma oggi pomeriggio. Terzo crono per il grosso sloveno Damir Dugonjic con 26”70 e turno passato anche per lo statunitense Kevin Cordes con 26”93, il brasiliano Felipe Franca Silva con 27”10 e l’Azzurro Andrea Toniato, 13esimo con un buon 27”47 che fa ben sperare per le semifinali. Dopo l’esclusione prematura dai 100 rana, fuori anche da questa gara l’australiano Christian Sprenger, 17esimo con 27”54.

federica-pellegriniPochi minuti dopo arriva il momento dei 200 stile libero femminili nei quali scende in vasca Federica Pellegrini che affronta la gara un po’ al risparmio, gestione che ci piace ricordare simile a quella dei Mondiali di Roma 2009 dove tutti sanno come andò a finire poi. La veneta ferma infatti il crono a 1’57”34 segnando il sesto tempo, dunque sopra l’1’56”, diversamente da quanto fatto a Barcellona 2013 e Shanghai 2011 e contrariamente alle avversario che sulla carta sono tra le più pericolose, la statunitense Katie Ledecky che ha stampato un pauroso 1’55”82, la magiara Katinka Hosszu che ha chiuso in 1’56”32 e l’altra atleta a stelle e strisce Missy Franklin che ha chiuso in 1’56”42. Tra le favorite sulla carta, arriva in semifinale anche l’olandese incompiuta Femke Heemskerk con 1’58”10, mentre la Spagna sente l’assenza della Belmonte vedendo subito fuori Melani Costa, 18esima con 1’59”00. Purtroppo fuori anche Alice Mizzau, 22esima con 1’59”68.

Dopo l’impresa nei 50 farfalla, stupisce anche nelle batterie di qualifica dei 200 farfalla maschili il magiaro Laszlo Cseh che nuota il miglior crono con 1’53”71 davanti al danese Viktor Bromer con 1’54”47 ed il nipponico Daiya Seto con 1’55”60. Passa, seppure con uno degli ultimi tempi utili, il sudafricano Chad Le Clos, 14esimo con 1’56”92, mentre esce subito fuori l’Azzurro Francesco Pavone, 18esimo con 1’57”69.

La mattinata di Kazan termina con gli 800 stile libero maschili che vedono in vasca l’Azzurro Gregorio Paltrinieri che decide di andare subito all’attacco di questa gara nella quale ha dichiarato di voler essere protagonista tanto quanto nei 1500 stile. Batterie eliminatorie di altissimo livello con l’Azzurro che accelera e cambia passo a metà gara per poi rallentare leggermente negli ultimi metri segnando 7’45”15, a due secondi scarsi dal personale, andando in finale con il secondo crono.

gregorio-paltrinieri-mondiali-kazan«Non è andata affatto male anche se ho fatto un po’ di fatica a trovare il ritmo di nuotata – ha dichiarato Paltrinieri a fine gara – Le gare del mattino sono sempre così. Non ho forzato più di tanto e non ho voluto esagerare negli ultimi 100 metri. In finale devo stare attento a non partire con troppa frequenza a restare nel gruppo di testa nella prima parte di gara per poi aprire il gas nella seconda parte. Tengo molto a questa finale nella quale voglio fare un bel risultato.»

Primo corno per lo statunitense Connor Jaeger che chiude in 7’44”77 e terzo per il britannico Stephen Alistair Milne con 7’46”41 ma in finale ci arrivano anche i più temuti Michael Mcbroom, quarto con 7’47”05, Mack Horton, quinto con 7’47”08 e Sun Yang, sesto con 7’47”87. Fuori a sorpresa invece il canadese Ryan Cochrane, decimo con 7’50”28.

Ben cinque le finali in programma per oggi pomeriggio nelle quali tra l’altro vedremo in gara anche due Azzurre, Arianna Castiglioni nei 100 rana ed Aurora Ponselè nei 1500 stile libero.
L’appuntamento per oggi pomeriggio è fissato a partire dalle 16.30 ora italiana in diretta su Rai Sport.

Clicca qui per i risultati Mondiali Nuoto Kazan 2015

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Clicca qui per tutti gli orari e le dirette TV del programma gare Mondiali Nuoto Kazan 2015

Clicca qui per la diretta Rai Sport dei Mondiali di Kazan 2015

Swim4Life All Rights Reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares
Verified by MonsterInsights