Katinka Hosszu inaugura gli Europei indoor di Netanya con un Record Mondiale nei 400 misti!

Benissimo anche gli Azzurri che registrano due Record Italiani con Rivolta e Sabbioni.

È iniziata subito col botto la 18^ edizione dei Campionati Europei in vasca corta che nella prima giornata di preliminari disputata all’Olympic National Swimming Pool di Netanya, Israele, ha già offerto un Record Mondiale grazie alla prestazione sopra le righe della magiara Katinka Hosszu che ha conquistato il primato per l’accesso alla finale dei 400 misti con un sontuoso 4’19”46 con il quale riscrive il limite mondiale detenuto dalla spagnola Mireia Belmonte Garcia con 4’19”86 nuotato ai Mondiali in vasca corta di Doha dello scorso anno. Staccano il pass per la finale anche le Azzurre Luisa Trombetti, sesta con il personale di 4’31”97 e Stefania Pirozzi, settima con un ottimo 4’33”12 con il quale migliora di 16 centesimi il personale del 2014. Fuori invece Alessia Polieri, 16esima con 4’40”07 e Ilaria Cusinato, 17esima con 4’41”04.

Poco dopo la Iron Lady Katinka Hosszu domina anche le batterie di qualificazione dei 100 dorso arrivando in semifinale con il primo crono, 5713 nuotato in scioltezza. Arrivano in semifinale anche le Azzurre Elena Gemo, 14esima con 5954 e Margherita Panziera, 15esima con 5955.

Matteo RivoltaOttimi riscontri nei 100 farfalla maschili nei quali è stato l’Azzurro Matteo Rivolta a segnare il miglior crono di qualifica nuotando in 49”72 con il quale è diventato il primo italiano a scendere sotto i 50 secondi in vasca corta nei 100 delfino, migliorando dunque anche il Record Italiano da lui stesso detenuto con 50″10 segnato quest’anno al Trofeo Sprint di Legnano. Alle sue spalle il magiaro Laszlo Cseh con 4993, ma in semifinale ci arriva anche Piero Codia, quinto con 5101 con il quale migliora il personale di 51”20 del 2013. Chiudono al 14esimo posto Simone Geni con 5198 ed al 29esimo Federico Bussolin con 5296.

Personali segnati anche da Martina Carraro e Ilaria Scarcella nei 50 rana, rispettivamente settima con 3048 e 12esima con 30”73, entrambe qualificate per la semifinale per la quale è stata la belga Fanny Lecluyse ad entrare con il miglior crono, 29”74.

Nei 50 rana maschili è invece il lituano Giedrius Titenis a nuotare il miglior crono di accesso alla semifinale con 2645, semifinale nella quale ci saranno anche Andrea Toniato, quarto in 26”53 e Fabio Scozzoli che ha nuotato in 2664 segnando il sesto posto davanti al britannico Adam Peaty con 2665. Chiude 25esimo Luca Pizzini che però segna il personale con 2737.

Molto positiva anche la prova di Gabriele Detti che chiude secondo nei 400 stile libero arrivando in finale con il crono di 340”14, 14 centesimi meglio del personale nuotato nel 2014. Davanti all’Azzurro si è piazzato il magiaro Peter Bernek con 339”84, mentre alle sue spalle ha chiuso il norvegese Henrik Christiansen con 340”32.

Simone-SabbioniUn altro Record Italiano arriva dalle braccia di Simone Sabbioni (foto LaPresse – G.M. D’Alberto) che nei 200 dorso stacca il quinto posto di accesso alla finale fermando il crono a 151”21 con il quale migliora il precedente primato detenuto da Damiano Lestingi con l’1’51″59 gommato nuotato nel 2009. Non trovano invece la finale gli altri Azzurri in gara, Lorenzo Mora, decimo con 1’54″12, Luca Mencarini, 14esimo con 154”70 e Niccolò Bonacchi, 19esimo con 155”71. Il miglior crono di qualifica lo nuota l’israeliano Yakov Yan Toumarkin con 150”33.

Stasera la 4×50 stile libero maschile si giocherà il gradino più alto del podio nella finale conquistata stamattina con il secondo crono, 1’25”56 nuotato da Federico Bocchia che in prima frazione ha stampato  21″57, a 6 centesimi dal crono nuotato un mese fa, Marco Orsi con 20″75, Giuseppe Guttuso con 21″49 e Filippo Magnini con 21″75. L’avversario numero uno sarà la Russia che stamattina ha segnato il miglior crono nuotando in 1’24”08 con il quartetto composto da Evgeny Sedov, Andrey Arbuzov, Aleksandr Kliukin ed Oleg Tikhobaev.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

La mattinata termina con gli 800 stile libero femminili che hanno visto la magiara Boglarka Kapas segnare il miglior crono di accesso alla finale con 8’17”68, seguita dalla britannica Jazmin Carlin con 8’18”43 e l’olandese Sharon Rouwendaal con 8’18”48. Finale anche per le Azzurre Diletta Carli, quinta con il personale di 8’18″39 e Martina Caramignoli, settima con il personale di 8’19″95. Fuori invece Erica Musso che però nuota il personale di 8’28″04 migliorando quello del 2012 chiudendo ottava ed Aurora Ponselè, anche lei con il personale di 8’20″18, meglio del 2013, chiudendo 13esima.

L’appuntamento per le finali e semifinali della prima giornata è fissato per le 17.30 in diretta su Rai Sport.

Clicca qui per i risultati completi – Campionati Europei indoor Netanya 2015

Clicca qui per l’elenco atleti iscritti – Campionati Europei indoor Netanya 2015

Clicca qui per il sito web ufficiale – Campionati Europei indoor Netanya 2015 

Swim4Life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine