Selezione Azzurra per i Mondiali in vasca corta di Windsor, nuovi criteri per la qualificazione!

Potenzialmente si concederà più spazio ai giovani, convocando chi nelle tre manifestazioni che precedono il Canada, nuoterà tempi da finale

Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Federica Pellegrini e Luca Dotto, è da loro che l’Italia del Nuoto riparte per impostare il nuovo quadriennio volto ai Giochi di Tokyo 2020 e per il quale il CT Cesare Butini ha parlato di ricambio generazionale della squadra.

Dopo i risultati di Rio infatti, Butini ha praticamente ammesso che è emersa troppa differenza tra le punte della nazionale che hanno portato importanti soddisfazioni al clan Azzurro ed il resto della squadra ch invece non ha brillato. È per questo motivo e per dare una rinfrescata alla squadra che il progetto Tokyo 2020 punta, almeno in questo primo anno del nuovo quadriennio, sui giovani che tra l’altro quest’anno hanno dimostrato di avere grosse potenzialità.

Sulla base di questi ragionamenti, sono stati definiti i Crieri di Selezione ai Campionati Mondiali indoor in programma in Canada, a Windsor, dal 6 all’11 dicembre che prevedono l’inserimento innovativo di un nuovo importante criterio che abolisce la Tabella dei Tempi Limite!
Oltre agli atleti finalisti in gare individuali ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, ovvero Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti, Federica Pellegrini e Luca Dotto ed i vincitori in gare individuali al Campionato Europeo di Londra 2016, ovvero i medesimi atleti, in Canada andranno anche gli atleti che in questa prima parte di stagione in vasca corta, nel periodo dal 1° al 19 novembre 2016, riusciranno ad ottenere prestazioni che, in proiezione rispetto ai risultati emersi nei precedenti Campionati Mondiali in vasca corta, siano potenzialmente da finale.

È un criterio questo molto interessante, che mette gli atleti in condizione di non correre più per un tempo limite prestabilito a livello italiano, ma di poter gestire la propria preparazione in maniera differente, guardando ai tempi che riescono a nuotare gli avversari a livello mondiale, paragonandosi in maniera diretta con il palcoscenico internazionale.
Cambia in questo modo la mentalità e la prospettiva di preparazione, che guarda molto di più a quello che fanno gli altri, che a quello che si fa in Italia e che dovrà necessariamente puntare non più alla semplice convocazione in nazionale, ma all’obiettivo di potersi giocarsi una finale ed è sicuramente un ottimo modo per crescere e sviluppare veramente qualcosa di nuovo da qui ai prossimi Giochi Olimpici.

I criteri di selezione Azzurra si avvicinano molto a quelli che sono stati i criteri di convocazione Azzurra per il Nuoto Paralimpico negli ultimi quattro anni ed i risultati si sono visti, con le 13 medaglie vinte, i 31 Record Italiani ed un Record Europeo infranti alle Paralimpiadi di Rio in cui gli Azzurri hanno disputato oltre 50 finali su 120 gare.
Certamente, un occhio di riguardo non potrà non essere aperto nei confronti di Luca Pizzini, bronzo nei 200 rana, Federico Turrini, bronzo nei 400 misti e Ilaria Bianchi, bronzo nei 100 farfalla agli Europei di Londra, mentre anche per le staffette si guarderà al potenziale con il quale il quartetto potrà ambire almeno ad un quinto posto ai Campionati Mondiale di Windsor, considerando la somma dei singoli tempi degli atleti con le quattro migliori prestazioni ottenute entro il 19 novembre.

Ovviamente non è una sorpresa che l’obiettivo primario restano i Campionati Mondiali di Budapest in programma a luglio 2017, ma intanto, almeno potenzialmente, c’è la possibilità in questa prima parte di stagione di dare più spazio ai giovani talenti emergenti, per favorirne la loro crescita e formazione in vista di appuntamenti sempre più importanti, ma senza metterli sotto pressione.

nuoto-italiaGli appuntamenti cardine per conquistarsi un posto sul volo che porterà la squadra nazionale in Canada sono tre, il XLIII Trofeo Nico Sapio in programma dal 31 ottobre al 1° novembre a Genova, il XX Meeting Internazionale di Nuoto in programma dal 5 al 6 novembre a Bolzano ed il XII Gran Premio Italia / XL Trofeo Mussi – Lombardi – Femiano in programma dal 18 al 19 novembre a Massarosa.

È stato inoltre definito anche il primo raduno Azzurro, fissato a Livigno dall’11 ottobre al 6 novembre, al quale prenderanno parte Martina Caramignoli (Fiamme Oro/Aurelia), Diletta Carli (Fiamme Oro/Tirrenica), Ilaria Cusinato (Team Veneto), Gabriele Detti e Nicolangelo Di Fabio (Esercito/Team Lombardia MGM), Lorenzo Glessi (Esercito/Gorizia), Filippo Megli (Florentia), Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro/Coopernuoto) e Simone Sabbioni (Esercito/Swim Pro SS9) in un primo gruppo e dall’11 ottobre al 6 novembre Federica Pellegrini (CC Aniene), Luca Pizzini (Carabinieri/Bentegodi) e Carlotta Zofkova (Forestale/Imolanuoto) in un secondo gruppo. Lo staff tecnico sarà composto dal Tecnico Federale Stefano Morini, dai tecnici Luca Corsetti e Matteo Giunta, dal preparatore atletico Alessandro Conforto, dal fisioterapista Stefano Amirante e dal medico Enzo Ciaccio.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine