Impresa titanica di Monica Coro’ che sigla due Record Mondiali M55 in una sola gara!

Al Trofeo Aquambiente l’atleta della Stilibero fissa il nuovo limite nei 100 rana ed al passaggio nei 50 rana

Le premesse facevano presagire un meeting che avrebbe lasciato ampio spazio allo spettacolo e così è stato per il Trofeo Aquambiente, meeting Master del Circuito FIN che alla sua seconda edizione ha festeggiato con due Record del Mondo, due Italiani e un’Australiana strabiliante che ha trascinato la platea in un vortice di esultanza.
Quando arrivano risultati del genere, vuol dire che anche gli organizzatori sono stati bravi a gestire la manifestazione e quindi un plauso va anche al team della Acquambiente che ha raccolto tante soddisfazioni durante la giornata di gare disputata ieri nella piscina Acquambiente di Sant’Urbano, nel padovano, dove si sono presentati complessivamente ai blocchi di partenza 436 atleti (492 iscritti).

“È stato un piacere sentire la gente che incontrandomi diceva che si sentiva come a casa – ha dichiarato Alessandro Tomasetto, Responsabile del Comitato Organizzatore della manifestazione – Fantastico il trasporto dell’australiana oltre alla dimostrazione di forza del gruppo Acquambiente. Ci tengo a ringraziare il gruppo La Focale di Villa Estense che ha realizzato un ottimo servizio fotografico”

La regina del meeting, valido anche per il noto Circuito regionale Grand Prix Veneto Master 2016/2017, è stata senza ombra di dubbio Monica Coro’ (nella foto principale), atleta che ha dimostrato ancora una volta di essere tra le stelle più brillanti del panorama Master mondiale di sempre che nella sessione pomeridiana ha illuminato la vasca compiendo un’impresa titanica, infrangendo ben due Record del Mondo in un’unica gara!
Stacco dal blocco di partenza dei 100 rana fulmineo, nuotata imponente nella quale ha messo in evidenza la sua straordinaria tecnica e la sua ineguagliabile gestione di gara, chiusa in 1’18”36 e 1068.53 punti, riscontro con il quale Monica ha abbattuto il Record Mondiale della categoria M55 detenuto dall’australiana Jenny Whiteley con 1’18”45 del 2013 siglando anche la miglior prestazione assoluta femminile della manifestazione! Suo quindi anche il Record Europeo, detenuto dalla danese Pia Thulstrup con 1’21”89 e quello Italiano detenuto da Liana Corniani con 1’26”02 del 2014.

Non finisce qui però, perché Monica Coro’ compie un’autentica prodezza segnando il Record del Mondo anche dei 50 rana registrando un passaggio del parziale gara in 36”21 che cancella il 36”29 detenuto sempre dalla Whiteley dal 2013 e quindi anche l’Europeo di 36”40, sempre della Thulstrup e l’Italiano di 39”20, sempre della Corniani, dando così un incredibile lustro anche a tutto il movimento master italiano ed alla Stilelibero, società sportiva per la quale la veneta è tesserata. Non è una novità fare un doppio Record del Mondo per la Coro’ che anche ai Mondiali di Riccione nel 2012 raggiunse lo stesso traguardo nei 100 rana in vasca lunga.

Non appagata, Monica sigla nel finale del meeting anche il Record Italiano nei 100 misti nuotando in 1’16”49 e 974,51 punti, cancellando il precedente detenuto da Susanna Sordelli 1’19”24 del 2015!

“La mia è stata una prestazione risicata, visto che a causa delle vacanze natalizie mi sono allenata poco e male – ha dichiarato la Coro’ raggiunta telefonicamente da Swim4Life Magazine – Conto di fare meglio più in avanti, se riesco ad allenarmi con continuità e bene”

Il meeting veneto ha anche visto tra i principali protagonisti maschile Maurizio Tersar, M40 della Brescia Acquare’ Mafeco che nei 100 dorso ha segnato 58”13 e 990.37 punti, a 44 centesimi dal suo Record Italiano, siglando la miglior performance tabellare maschile della giornata.

Team-Euganeo-trofeo-acquambiente-2017A vincere la classifica a Squadre e festeggiare il primato in questa seconda edizione del trofeo è stato il Team Euganeo con 39.784,81 punti, compagine che giunse seconda nell’edizione precedente, seguita sul podio da Padovanuoto con 35.454,03 punti e Montenuoto con 18.985,84 punti.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

La gara più attesa era quella dei 100 stile libero che avrebbero formato gli atleti qualificati per la sfida Australiana. In campo femminile, seppure non in forma smagliante, ha comunque fatto la sua bella parte Giulia Cecchinello, M25 della Acquambiente che ha segnato il miglior crono con 1’01”75 e 904.29 punti, battuta però al tabellare da Sara Cracco, M35 della A.R.C.A. con 1’02”83 e 919.94 punti e soprattutto da Monica Vaccari della Padovanuoto che nuotando in 1’07”55 e 949.67 punti ha registrato il nuovo Record Italiano M55 cancellando Gabriele Weidemann con 1’08”34 del 2009.

sara-cracco-mirko-cecchin-australiana-trofeo-acquambiente-2017In campo maschile è stato Mirko Cecchin, M30 della Gymnasium Spilimbergo, il miglior califfo della velocità, avendo segnato 53”09 e 931.63 punti, seguito dal pari categoria Davide Freschet della Ranazzurra Conegliano con 54”21 e 912.38 punti, seppur battuto al tabellare da Piergiorgio De Felice, M45 della Acquaviva 2001 con 55”58 e 951.78 punti.
Alla fine della grande sfida Australiana, disputata in apertura della sessione pomeridiana, i vincitori sono stati proprio Mirko Cecchin e Sara Cracco (entrambi nella foto a destra).

Monica Vaccari si era espressa a tempo di Record Italiano anche nei  precedenti 100 farfalla, nuotando in 1’13”17 e 1005.88 punti,cancellando il primato di Tullia Givanni con 1’16”94 della scorsa stagione, ma in questa specialità si sono messi in evidenza anche Simone Drusian, M30 della A.R.C.A. con 59”19 e 914.17 punti e Roberta Ioppi, M30 del Centro Sportivo Hof con 1’06”75 e 925.39 punti, crono incredibilmente battuto dalla stessa Ioppi nei 100 dorso in cui l’atleta ha segnato 1’06”06 e 963.37 punti.

Tra i confronti più accesi, i 100 misti maschili che però hanno un po’ tradito le attesa a causa degli assenti Andrea Maniero, Simone Zulian e Mirko Cecchin. Non è mancato lo spettacolo però, con Simone Drusian che ha comandato la batteria più veloce segnando 1’00”87 e 915.56 punti, seppur battuto al tabellare da Maurizio Tersar con 1’02”09 e 943.31 punti, seguiti dal crono di Rudy Lazzaro, M30 della Riviera Nuoto con 1’02”28 e 894.83 punti e dal tabellare di Andrea Florit, M55 della Padovanuoto con 1’09”38 e 924.47 punti. Da sottolineare in campo femminile la prestazione di Francesca Najib, M30 della Acquaviva 2001 con 1’09”50 e 923.88 punti, mentre tra le altre gare, segnaliamo Giacomo Chiavalin, M25 della Rari Nantes Venezia con 1’05”98 e 925.74 punti e ancora Andrea Florit con 1’14”52 e 949.14 punti nei 100 Rana.

Clicca qui per i risultati

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

occhialini-piscina-speedo-biofuse-2

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine
Shares