Nuoto, un atleta paralimpico vince agli Assoluti di Riccione!

È Carlotta Gilli, talento del nuoto della FINP che è riuscita a vincere la finale Junior dei 100 farfalla

Il tempo nuotato nella finale Junior dei 100 farfalla disputati ieri nello Stadio del Nuoto di Riccione per i Campionati Italiani di Nuoto Assoluti, sarebbe stato anche Record del Mondo per Carlotta Gilli che dopo essere salita sul podio dei Campionati Italiani di Salvamento e aver figurato bene ai Criteria Giovanili, si è tuffata anche nella competizione degli Assoluti, prima di fare l’esordio stagionale in ambito paralimpico in occasione delle attesissime World Series e Campionati Italiani Società che si terranno a Lignano Sabbiadoro dal 24 al 27 maggio.

La piemontese ha stampato 1’02’’21 che sarebbe stato primato mondiale sul suo nuotato ai Mondiali Paralimpici di Città del Messico, seppure l’atleta della Rari Nantes Torino abbia già fatto meglio in altre occasioni a inizio anno in appuntamenti non riconosciuti dal World Para Swimming per poter omologare il primato.

Ipovedente da quando aveva sei anni e classificata paralimpica con disabilità visiva S13 e SM13, Carlotta è esplosa nel mondo paralimpico nella scorsa stagione in cui ha siglato subito due Record Mondiali al Meeting Internazionale di Berlino, nei 200 misti (2’23”62) e nei 50 farfalla (27”98), seguiti dal Record del Mondo nei 50 stile libero (26”78) registrato in occasione del Para Swimming Eindhoven Open. Era però solo il preludio alle medaglie che avrebbe vinto ai Mondiali di Città del Messico, ben cinque d’oro, nei 100 farfalla stabilendo il nuovo Record del Mondo, nei 50 stile libero stabilendo il nuovo Record dei Campionati, nei 100 stile libero, nei 100 dorso e nei 200 misti e una d’argento nei 400 stile libero.

Salvamento, Criteria giovanili, Assoluti Paralimpici, Assoluti normo…sei ovunque ormai?
«Si, ormai le faccio tutte! Fare tutte queste gare non mi pesa perché fondamentalmente mi piace nuotare e quando non si sovrappongono gli eventi è tutto più semplice. Diversamente, do priorità al nuoto perché mi alleno per quello»

Certamente devi fare per forza una scelta sulla preparazione mirata, ma nonostante questa difficoltà riesci ad andare sempre abbastanza bene in ogni evento
«Nella prima parte della stagione ci sono più gare in ambito FIN, mentre per la FINP le gare più importanti sono solitamente verso l’estate con Europei e Mondiali. Riesco quindi a gestire facilmente i cicli di allenamento per far bene in entrambi i settori»

Se gli Assoluti primaverili fossero riconosciuti come evento World Para Swimming, avresti fatto già diversi Record del Mondo a Riccione, anche nei 100 farfalla Junior che hai vinto quest’anno
«Beh si, è vero, anche se qui a Riccione non sono riuscita a fare il mio personale sui 100 farfalla perché avevo fatto meglio l’anno scorso. Comunque sono felice di aver vinto la finale giovani»

Una vittoria significativa di un atleta paralimpico agli Assoluto normo?
«Assolutamente si, aver avuto la possibilità di fare questa finale giovani è stato importante per un confronto tecnico con le avversarie e per migliorare il crono del mattino»

In che modo ti aiuta competere in diversi settori e spesso durante la stagione?
«Sicuramente la preparazione per le gare FIN mi aiuta tanto per le competizioni in ambito paralimpico, nel senso che riesco a seguire dei piani di allenamento decisamente diversi. Obiettivamente alcuni atleti paralimpici non riescono a nuotare sempre tutti i giorni, mentre la mia forza è proprio quella di poter nuotare in un gruppo di atleti normo, tra l’altro tutti più grandi di me, che mi permette di allenarmi di più e fare determinate cose che in ambito FIN sono normalità, mentre in ambito FINP sono ancora cose straordinarie»

Adesso c’è la prima edizione italiana delle Word Series paralimpiche. Cosa speri di ottenere?
«Aspetto questo appuntamento con piacere perché ci tengo a rappresentare l’Italia a Lignano, dove testerò la mia preparazione per il proseguo della stagione. Prenderò parte anche alla tappa di Berlino che avevo già fatto l’anno scorso e che mi regalò belle emozioni che conservo ancora»

Se ti dico Dublino cosa mi rispondi?
«Che gli Europei rappresentano la tappa principale della stagione. Probabilmente farò tutte le gare in stile Katinka Hosszu, con l’obiettivo di andare forte in quello che sarà il mio primo Europeo. Ci arriverò sicuramente meno impreparata rispetto ai Mondiali del Messico in cui non conoscevo le mie avversarie, anche se comunque ne incontrerò di nuove anche agli Europei che avrò modo di conoscere»

Così come le altre avranno modo di conoscere te
«Beh si, speriamo di far bene. Ai Mondiali la mia principale avversaria era Rebecca Meyers con la quale sono rimasta in contatto e che vedrò anche a Lignano»

Cosa ne pensi dell’integrazione delle gare di atleti di classi alte paralimpiche ai Campionati nazionali in alcuni Paesi come Australia e Gran Bretagna?
«Penso che sarebbe un’ottima cosa far gareggiare le classi alte agli Assoluti in Italia, perché diventerebbe occasione per pubblicizzare il movimento paralimpico verso il pubblico che segue solo il nuoto dei normo. In più sarebbe un’occasione per gli atleti paralimpici di apprendere nuove tecniche e tattiche di gestione gara e anche dei momenti che la precedono, di atleti di altissimo livello dell’ambito FIN. Io ad esempio ho avuto il piacere di gareggiare quest’anno al Trofeo Nico Sapio al fianco di Ilaria Bianchi e questa è stata sicuramente una grandissima occasione per me per prendere spunti da grandi maestri che fanno da tanti anni questo sport e che sicuramente conoscono meglio di noi paralimpici. Devo comunque ringraziare per la mia crescita il mio allenatore Andrea Grassini, tutto lo staff Tecnico della nazionale FINP, i compagni di squadra, la Rari Nantes Torino e le Fiamme Oro»

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Swim4Life – All rights reserved

Swim4Life Magazine contribuisce dal 2011 a:

  • divulgare l’informazione sul nuoto della categorie Assoluti, giovanili, Paralimpici e Master
  • divulgare informazioni di interesse generale in merito ad alimentazione, salute, tecniche di nuotata e allenamenti
  • divulgare informazioni di interesse generale a riguardo dell’ambientamento bambini all’attività natatoria

Inoltre segue da vicino gli eventi più importanti di nuoto regalando migliaia di immagini realizzate da bordo vasca, offre notizie di anteprima e interviste ai protagonisti del nuoto di tutte le categorie, oltre ad allietare i lettori con svariati argomenti di Lifestyle.

Se il lavoro svolto fino ad oggi ti piace e ti farebbe piacere trovare sempre disponibile e aggiornato Swim4Life Magazine anche in futuro, abbiamo bisogno del tuo contributo.

Aiutaci a sostenere le spese necessarie a mantenere vivo questa Testata Giornalistica Registrata donando a tuo piacere per la nostra attività, te ne saremo immensamente grati!



Paco Clienti

Paco Clienti
Responsabile Redazione Swim4Life Magazine

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*