photo: Paco Clienti / Swim4Life Magazine

Nuoto, ripresa attività 4 maggio non è sicura e vale solo per allenamenti a porte chiuse

Lo precisa il Ministro dello Sport Spadafora che aggiunge “Continuate a fare domande per il bonus 600 euro collaboratori sportivi, stiamo lavorando per erogarlo anche a chi supera i 10mila euro di guadagno annui”

Poco più di un’ora fa il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora è intervenuto con una diretta sulla sua pagina Facebook per aggiornare il mondo dello sport di alcune notizie in merito alla ripresa dopo lo stop imposto a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus Covid-19.

La data indicata per la ripresa dello sport da parte del Ministro Spadafora è quella del 4 maggio come avevamo anticipato ed accennato in un articolo da noi pubblicato lo scorso 9 aprile sbagliandoci di due giorni – clicca qui per leggerlo – in cui l’argomento trattato erano le regole e il protocollo da rispettare per la ripresa.

C’è da specificare però, come sottolineato anche dallo stesso Spadafora, che la data del 4 maggio non è definitiva e ufficiale ma è da confermare nei prossimi giorni, quando si avrà la certezza che sia effettivamente possibile. Inoltre il 4 maggio è una data riguarda esclusivamente la ripresa degli allenamenti a porte chiuse e quindi non riguarda probabilmente l’utenza amatoriale.

“Bisogna creare dei protocolli per mettere in sicurezza tutti coloro che vogliono riprendere a praticare sport in sicurezza, anche in quei contesti dove lo spazio è poco e dove risulterà difficile mantenere le distanze – spiega Spadafora – Non parliamo quindi soltanto di calcio, ma di tutti gli sport e di tutti i livelli”

“Le prossime settimane saranno decisive per capire come evolve la situazione sanitaria e quindi capire come, se e quando potranno riprendere le competizioni sportive – aggiunge il Ministro, esortando poi i collaboratori sportivi a non arrendersi – Continuate a presentare domande sul portale Sport e Salute SpA per il bonus 600 euro, anche chi ha un reddito di oltre 10mila euro all’anno, perché oltre a voler rinnovare la misura anche per il mese di aprile, proveremo ad accogliere tutto le domande e quindi erogare il bonus a tutti. Stiamo lavorando affinchè nel decreto di aprile ci sia un numero maggiore di interventi che riguarda tutto il mondo dello sport, a partire dalle associazioni e società dilettantistiche e lo sport di base”

Attivato il fondo da 100 milioni di euro per le società sportive, che, anche se riguarda finanziamenti che andranno restituiti, non prevedono garanzie, né interessi.

“Sicuramente stabiliremo anche dei criteri di rientro molto comodi – aggiunge Spadafora – Così che chi voglia accedervi per avere subito liquidità possa farlo senza troppi pensieri. Sento dalle mail che mi scrivete la sofferenza e il dolore nel non capire come uscire da questa situazione: ci stiamo provando, tutti insieme”

Un invito infine a continuare a inviare richieste e suggerimenti dai quali prendere spunto su tematiche inerenti le problematiche e difficoltà alle quali i gestori degli impianti sportivi e i collaboratori sportivi stanno andando incontro a causa del blocco totale delle attività utilizzando la mail sportdibase@governo.it.

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine