Nuoto, Federica Pellegrini torna ad allenarsi ma è l’unica

La Divina gode dell’ordinanza del governatore della Regione Veneto che dà il via libera, ma nel resto d’Italia restano ancora tutti fermi

Federica Pellegrini ha ripreso stamattina gli allenamenti in piscina presso il Centro Federale di Verona agli ordini del suo allenatore Matteo Giunta dopo sei settimane di stop, un tempo biblico per i nuotatori, ma ad oggi è l’unica a poter beneficiare del ritorno all’acqua clorata, insieme ai compagni del gruppo di allenamento Luca Pizzini, Carlotta Zofkova e Lorenzo Glessi alternandosi con il gruppo di Thomas Ceccon.

Nonostante il Decreto del 26 aprile emanato dal Governo in merito alle misure di contenimento rispetto all’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus Covid-19 consentisse la ripresa degli allenamenti per gli sport individuali a partire da oggi, le discipline acquatiche sono infatti rimaste in fase di stand by per decisione della Federnuoto, ma anche perché molti gestori di impianti sportivi si sono praticamente rifiutati di ripartire per accogliere solo pochi atleti come previsto dal Decreto.

Tutti fermi dunque, a parte Federica Pellegrini che ha potuto beneficiare dell’Ordinanza del governatore del Veneto Luca Zaia che ha permesso la riapertura in sicurezza del Centro Federale di Verona e in generale di tutti gli impianti sportivi della Regione per l’allenamento individuale, a porte chiuse, per gli atleti di interesse nazionale nel rispetto di quanto previsto dal Decreto del 26 aprile.

“Mi sa che oggi dobbiamo ripartire dalle basi, dopo 6 settimane” ha esordito sul blocco di partenza la Fenice, emozionata per il ritorno in acqua dopo lo stop imposto dall’emergenza sanitaria.

Ricordiamo che lunedì scorso la Federnuoto ha inviato al Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, all’Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio e al Ministro della Salute Speranza il protocollo proposto per la riapertura degli impianti e la ripresa dell’attività di base – clicca qui per leggerlo – ma al momento manca un cenno da parte del Governo che non ha ufficializzato le linee guida necessarie per la ripartenza.

“Se non arrivano le linee guida nessuno può riaprire – ha dichiarato Barelli – Lo dice la lettera G, articolo 1 comma 1 del decreto, che non riguarda i nuotatori, ma tutti gli atleti degli sport individuali: se non arriva l’autorizzazione non possiamo riprendere. Le linee guida o sono erogate da loro o accettano le nostre, ma qualcosa dobbiamo avere. Se non arriva nulla non si può aprire perché saremmo fuori legge”

Ti è piaciuto questo articolo? Allora metti un Mi Piace alla nostra Pagina Ufficiale su Facebook!

Seguici su Instagram!

Sportline-costumi-SPEEDO-640x387

Swim4Life – All rights reserved

Sostieni Swim4Life Magazine – Clicca qui per sapere come puoi aiutarci

Paco Clienti

Responsabile Redazione Swim4Life Magazine